Recensione Proscenic M8 Pro: più completo, sempre economico (foto e video)

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti

Avevamo provato solo pochi mesi fa il nostro primo robot aspirapolvere Proscenic e oggi torniamo a parlare di questa azienda con il suo successore: Proscenic M8 Pro. Si tratta di un significativo passo in avanti per uno dei primi robot aspirapolvere economici che abbiamo provato con il sistema di svuotamento automatico.

PRO

  • Si svuota da solo
  • Cassetto dall'acqua più grande
  • App molto completa
  • Prezzo accessibile

CONTRO

  • L'app può ancora essere migliorata
  • Non ci sono avvisi se il panno rimane agganciato al termine della pulizia
  • Rari casi di inceppamento in navigazione

Proscenic M8 Pro si presenta in una confezione in cartone che all'interno contiene tutto il necessario e anche qualcosa in più. Abbiamo infatti il robot, la sua base di ricarica con un sacchetto installato e 2 sacchetti aggiuntivi. Abbiamo poi un filtro aggiuntivo, una spazzola laterale sostitutiva, un panno lavabile aggiuntivo per la pulizia con l'acqua, una spazzola per rimuovere i capelli impigliati e anche un telecomando con due batterie, molto comodo per chi non vuole (e non può) utilizzare lo smartphone.

Dal punto di vista costruttivo M8 Pro si presenta in modo abbastanza classico: forma circolare e piccola torretta che contiene i laser Lidar per la mappatura della casa. Davanti abbiamo il paraurti in plastica con i sensori di prossimità e sotto abbiamo quelli anticaduta. La vaschetta dello sporco si sgancia dal retro ed è più grande rispetto al passato. Abbiamo infatti uno spazio da 330 ml per lo sporco e uno da 400 ml per l'acqua. Questo ha permesso a Proscenic anche di integrare all'interno un motore per scegliere quanta acqua far passare al panno bagnato, da montare quando desiderato sulla parte inferiore del robot. Sempre sul retro è presente il foro da dove lo sporco viene risucchiato dalla base nel sacchetto usa e getta da oltre 4 litri, che dovrebbe bastare fino a 2 mesi.

Inferiormente abbiamo la spazzola sotto la bocchetta di aspirazione. È di media dimensione: abbastanza standard per la categoria e senza sorprese. La spazzola laterale è solo una, peccato, visto che prediligiamo sempre i sistemi con due spazzole laterali. La potenza di aspirazione massima è di 2.700 Pa, al top della categoria e che permette di pulire alla perfezione i pavimenti rigidi e molto bene anche i tappeti (dove una manciata di concorrenti però fanno meglio). La rumorosità è nella media e l'autonomia è invece eccelsa. Con la sua batteria da 5.200 mAh si riuscirà a pulire fino a 250 mq di superficie. Con la mia abitazione da 100mq ho infatti riscontrato un tempo di pulizia di 1 ora (inferiore ai concorrenti) e un 40% di batteria consumata. In teoria alla fine della batteria può caricarsi e ripartire se la casa non è totalmente pulita, ma non abbiamo potuto testare la funzione.

Il panno umido viene semplicemente passato in terra senza nessuna funziona particolare ed è la classica aggiunta gradita per chi vuole assicurare una pulizia ancora più profonda. È possibile escludere alcune aree solo per il lavaggio dall'applicazione. La prima configurazione è molto semplice e si può aggiungere con discreta semplicità alla propria applicazione Proscenic Home, da dove poi potrete controllarlo. È sempre dall'applicazione che è possibile rivedere la mappa della casa creata dopo la prima pulizia. Questo spazio verrà diviso in automatico dal software ma potrete tranquillamente correggere questa divisione, rinominare le stanze e forzare un doppio passaggio in stanze selezionate. È anche possibile impostare delle aree e rinominarle. In questo modo potrete poi avviare la pulizia per tutta la casa, per aree, per stanze o anche per le vicinanze di un punto preciso. Potrete ovviamente regolare la potenza di aspirazione e quanta acqua far passare sul panno bagnato, oltre che regolare il volume della voce (in italiano) o spegnere i led colorati.

Sempre dall'app per smartphone avrete l'opzione per programmare pulizie (anche per stanza o area) in giorni e orari della settimana, oppure decidere quando deve essere fatto lo svuotamento nel sacchetto usa e getta (al termine di ogni pulizia, ogni 2, ogni 3, oppure solo manualmente). La pulizia richiede meno di 10 secondi, anche se è (come sempre) molto rumorosa.

Proscenic M8 Pro è controllabile anche da Alexa e Google Assistant. Il robot, con base di pulizia inclusa, viene proposto su Amazon a 499€ (appena ribassato dai 549€ originali), un ottimo prezzo e di decine di euro più economico di molte altre soluzioni top di gamma che includono la base di aspirazione automatica a fine pulizia.

Giudizio Finale

Proscenic M8 Pro

Proscenic M8 Pro è un robot per la pulizia della casa che può tranquillamente rientrare nei top di gamma. Non è economico in assoluto, ma lo è per la categoria dei robot aspirapolvere con il sistema di svuotamento automatico. A questo prezzo vi portate a casa un prodotto migliorato rispetto a M7 Pro, con un'app decisamente più razionale e comprensibile e un cassetto dell'acqua molto più grande. E poi non dimentichiamoci di pulizia e autonomia: di fascia alta.

Voto finale

Proscenic M8 Pro

Pro

  • Si svuota da solo
  • Cassetto dall'acqua più grande
  • App molto completa
  • Prezzo accessibile

Contro

  • L'app può ancora essere migliorata
  • Non ci sono avvisi se il panno rimane agganciato al termine della pulizia
  • Rari casi di inceppamento in navigazione

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Vive nel mondo della telefonia dal Nokia 3210 e nel mondo di linux da Ubuntu 5.04. Se potesse vivrebbe anche in un mondo di Lego e in uno di musica elettronica.

Commenta