Recensione Proscenic P13: la scopa elettrica economica quest'anno costa pure meno, ma c'è un perché

Non sono tante le novità rispetto al modello 2023, ma il prezzo cala ancora, e le performance non sono affatto male.
Lorenzo Delli
Lorenzo Delli Tech Master
Recensione Proscenic P13: la scopa elettrica economica quest'anno costa pure meno, ma c'è un perché

Vi ricordate di Proscenic P12? Si tratta di una buona scopa elettrica economica, pensata per chi non ha intenzione di spenderci troppo ma vuole comunque mettere le mani su qualcosa di abbastanza moderno. Proscenic P13 arriva nel 2024 a prendere il suo posto, e lo fa con un prezzo addirittura più basso. C'è un perché però: se non fosse per alcune piccole modifiche, ci troveremmo praticamente di fronte allo stesso identico aspirapolvere senza fili. Vediamo di capirci qualcosa insieme.

PRO

  • Spazzola anti groviglio con testina LED verde
  • Ottima manovrabilità, sia in inclinazione che in angolazione
  • Tubo telescopico e qualche accessorio extra incluso
  • Poco rumorosa
  • Ottima disponibilità di ricambi
  • Prezzo ancora più basso

CONTRO

  • È praticamente la P12 leggermente aggiornata
  • Concorrenza agguerritissima
  • Mini ruote frontali delicate
  • Niente di specifico per i tappeti
  • Connettori delicati

INDICE

Unboxing Proscenic P13

Anche quest'anno la confezione è molto compatta. Al suo interno troviamo il motore comprensivo del serbatoio, il tubo telescopico, la spazzola anti-groviglio, la spazzola per polvere, lo strumento per fessure, l'alimentatore e una base da muro dove poter riporre la scopa. Ci sono anche tre filtri HEPA, due di ingresso e uno di uscita. Di ricambio vero e proprio ce n'è solo uno di ingresso. Gli altri due sono già montati. Si sente la mancanza della mini spazzola motorizzata, ma in questa fascia di prezzo è quasi impossibile da trovare, a meno di offerte particolari sulla R10.

Accessori e Versatilità

Proscenic P13 vanta la stessa spazzola anti-groviglio dell'anno scorso. Va un po' su tutte le superfici, volendo anche sui tappeti (occhio a quelli a pelo lungo), quindi in quanto a versatilità fa il suo. Come accennato, in confezione ci sono altri due accessori: la spazzola per polvere e lo strumento per fessure.

Il primo permette di applicare sulla testa della scopa una spazzola morbida pensata per raccogliere polvere dalle superfici elevate, diverse quindi dai pavimenti. Può essere applicata direttamente alla scopa o anche sul tubo telescopico. Il secondo è il classico beccuccio allungato che può tornare utile per raggiungere fessure tra i mobili, spazi ristretti e anche il soffitto. Anche questo può essere ovviamente collegato in entrambi i modi. Da sottolineare che Proscenic P13 è una fra le poche scope elettriche provate ultimamente che vanta il tubo telescopico. Non male! Come accennato poi, manca la mini spazzola motorizzata per pulire divani e tappeti.

Buona la spazzola classica, con l'oramai classico sistema anti-groviglio e una forma delle spazzole interne a V. Proprio la forma a V contribuisce a evitare grovigli di capelli e peli, rendendo anche più semplice la manutenzione del tutto. Torna anche la testina LED integrata con tecnologia Vertect Light, che usa luce verde per evidenziare al meglio polvere e altro sporco da aspirare.

Ve lo diciamo sempre: avere una luce sulla spazzola principale è un vero game changer. Si aspira con cognizione di causa, e si passa l'aspirapolvere dove serve davvero e non casualmente. Il fatto che la luce sia verde è un bonus, visto che evidenzia bene lo sporco. Peccato siano pochi LED e disposti in modo che il cono di luce sia decisamente troppo piccolo.

Tecnologia

Proscenic P13 non è una scopa elettrica "smart". Mancano sensori dedicati al rilevamento dello sporco, modalità automatiche di aspirazione, Wi-Fi o altre tecnologie del genere. In questa fascia di prezzo non è che si possa poi pretendere chissà cosa. C'è però il classico display LED frontale con indicatori di potenza, autonomia residua e simboli di manutenzione per serbatoio pieno e spazzola eventualmente bloccata. Stavolta è decisamente più opaco e quindi antiriflesso, anche se il posizionamento continua a essere un po' scomodo. Da sottolineare che finalmente l'autonomia residua è indicata in minuti.

Ah, e stavolta le potenze di aspirazione sono 3 invece di 4. Non aveva senso averne così tante. Per selezionarle c'è un pulsante soft touch.

Recensione Proscenic P13 - Schermo

Il filtraggio è a 5 stadi: c'è il ciclone (si tratta di una scopa ciclonica), il filtro a rete metallica, uno a spugna, un filtro HEPA e un ulteriore filtro HEPA in uscita. Stando a quanto affermato da Proscenic, il sistema blocca il 99,99% delle particelle. Difficile da dimostrare, ma per quanto si tratti di una scopa elettrica economica di un brand che punta su questo genere di prodotti, è ben più smontabile e facile da manutenere di tante scope top di gamma.

Proscenic P13 - Sistema di filtraggio multi stadio

Aspirazione e Manovrabilità

L'aspirazione e la manovrabilità sono rimaste praticamente identiche all'anno scorso, il che è un bene tutto sommato. Proscenic P13 infatti si manovra bene, e aspira più che degnamente. In teoria la potenza aspirante sale da 33 a 35 kPa, ma in realtà gli AirWatt, che sono il valore che conta davvero, rimangono pari a 120, esattamente come il modello 2023.

Anche se non indicato, possiamo aspettarci che anche il valore di giri al minuto della spazzola (80.000) sia rimasto lo stesso. Come di consueto, dei tre livelli di potenza selezionabili è meglio viaggiare sempre con il medio, in modo da avere un buon equilibrio fra potenza di aspirazione e autonomia. I nostri test di aspirazione sono come al solito stati effettuati su pavimenti in laminato e grès porcellanato in una casa con due adulti, una bambina, 3 gatti e vari nonni che si alternano durante la settimana. Di polvere, peli e capelli ce ne sono insomma, e anche al secondo livello di potenza P13 riesce a cavarsela senza grossi problemi. La luce LED aiuta a direzionare l'aspirazione, anche se un cono più ampio sarebbe stato decisamente migliore. Buone le performance anche su superfici diverse, come i tappeti in vinile, su cui non fa "effetto tappo" come altri modelli. Sui tappeti a pelo corto potete passarla senza grossi drammi.

Teoricamente anche quelli a pelo lungo: ci abbiamo provato, ed è veramente faticosa da muovere. Lungo i bordi delle pareti se la cava meglio del previsto, anche in modalità minima di aspirazione.

Recensione Proscenic P13 - Aspirazione

Anche la manovrabilità rimane praticamente identica. Il corpo principale pesa pure meno dell'anno scorso, e questo nonostante il suo ingombro: siamo su 1,6 kg circa, a serbatoio vuoto, un paio di centinaia di grammi in più a serbatoio pieno. La spazzola frontale vanta due grosse ruote gommate che scorrono bene sulle superfici e che non si aggrovigliano con peli, capelli o fili di tessuto. Sulla parte frontale permangono due piccole ruote super delicate e impossibili da smontare, uno dei punti deboli della scopa elettrica segnalato anche l'anno scorso. Il meccanismo di snodo della spazzola permette di ruotarla di 180° sul pavimento, oltre a poterla inclinare fino a terra. Questo permette manovre anche molto strette.

Recensione Proscenic P13 - Inclinazione

L'impugnatura è molto classica, con il grilletto che serve solo all'accensione e allo spegnimento dell'aspirapolvere.

Così come l'anno scorso, impugnando la scopa ci sta di spegnerla per sbaglio mentre si manovra, visto che il grilletto è proprio dove si tiene l'indice. Per regolare la potenza si usa il pulsante soft touch sul display. Il fatto che il tubo sia telescopico permette alla P13 di adattarsi a utenti più bassi o più alti, oltre che permettervi di raggiungere punti più distanti come banalmente il soffitto o mensole alte.

Recensione Proscenic P13 - Impugnatura

Una cosa è cambiata però. La Proscenic P13 è decisamente più silenziosa, non solo del modello precedente, ma anche a confronto con tante altre scope elettriche. A potenza minima all'altezza delle orecchie siamo a circa 50/55 dB. A potenza media si sale a 55/60 dB e a potenza massima a 60/65 dB. Non sono solo i decibel, ma anche la "qualità" del rumore, che è più soft di altre scope cicloniche.

Recensione Proscenic P13 - Rumore

Autonomia e serbatoio

La batteria integrata è removibile ed è da 2.500 mAh, 100 mAh in meno dell'anno scorso, ma in realtà questi valori non sono mai precisi al 100%.

Considerate che lo slot è identico a quello della P12, di conseguenza non dovrebbe essere troppo difficile trovare una batteria di riserva, batteria che può essere ricaricata senza essere attaccata alla scopa elettrica. A quanto ammonta l'autonomia? Proscenic lo mette in chiaro dalla scheda tecnica: 45 minuti in modalità minima, 15 minuti in modalità massima. Sono valori che trovano riscontro anche nella pratica, tanto più che stavolta il display della P13 mostra l'autonomia in minuti e non in percentuale. In modalità di aspirazione media siamo intorno ai 30/35 minuti, un valore in linea con tanti altri competitor. Riuscite a pulire un appartamento senza finire l'autonomia, a meno di non voler anche spolverare a fondo tante altre superfici. In tal caso potreste arrivare molto precisi alla fine dell'autonomia. Dipende insomma dall'uso che volete farne. Considerate anche che una ricarica completa richiede fra le 4 e le 5 ore, un altro valore che purtroppo è in linea con quello del mondo delle scope elettriche.

Il serbatoio resiste per tutta la durata della batteria? Sì, fortunatamente. Sulla carta si parla di ben 1,2 litri di capacità massima, che sarebbe un record per la categoria, ma la realtà dei fatti è un po' diversa. Superata la metà del serbatoio, dove tra l'altro c'è una linea con scritto MAX, si va ad accumulare polvere sul filtro, diminuendo la capacità di aspirazione della scopa. Di conseguenza sarebbe più corretto dire 0,6 litri, valore in linea con quello di altri aspirapolvere senza filo. Non ci sono levette per spingere verso il basso lo sporco incastrato nella parte alta, ma se non altro il serbatoio può essere rimosso dal motore e il filtro interno svitato. Così avrete accesso completo all'interno per ripulire a dovere anche le pareti. Ne riparliamo nella prossima sezione.

Recensione Proscenic P13 - Serbatoio

Manutenzione e materiali

Veniamo alla manutenzione. Come già accennato, tutto il sistema di filtraggio può essere smontato e in parte sostituito.

Si possono lavare a mano il serbatoio e il filtro metallico; idem dicasi per i 3 filtri, quello in spugna e i due HEPA. In confezione c'è il filtro HEPA sostitutivo da mettere subito sopra quello metallico, ma non quello in uscita. Comunque con un po' di manutenzione potete farli durare a lungo. Il fatto poi che la struttura sia praticamente identica alla P12, facilita di molto il recupero di eventuali ricambi.

Recensione Proscenic P13 - Smontaggio

Anche la spazzola principale può essere smontata e pulita con una certa facilità. E come accennato prima, il fatto che il pezzo della spazzola sia dotata di grandi ruote vi assicura imprevisti legati all'accumulo di peli e capelli. Per rimuoverla c'è un tasto sulla sezione inferiore che fa sì che si rimuova con facilità il rullo interno. In questo modo potete pulire il rullo, la bocca di aspirazione e anche l'incavo in cui gira il rullo.

Le spazzole a V del rullo anti-groviglio facilitano anche la manutenzione. Come già accennato, l'unica parte più difficile su cui fare manutenzione sono probabilmente le due piccole ruote frontali del corpo spazzola, ruote che potrebbero dimostrarsi più delicate del previsto con il passare del tempo. Occhio al pettine interno. Rimuovendo il rullo troverete un pettine rigido attaccato alla struttura che si occupa di districare i capelli.

Recensione Proscenic P13 - Smontaggio spazzola

Davvero, davvero al top la scelta di ricambi presenti sul sito ufficiale di Proscenic. Non siamo abituati a vederne così tanti: c'è davvero tutto! Dai filtri ai componenti singoli, come tutto il tubo, il motore, le spazzole, il caricabatterie, batterie aggiuntive a 39€. Praticamente tutta la scopa a pezzi singoli! Li trovate tutti qui. La spedizione è gratuita, anche se ci sono tempi di attesa di 7 giorni lavorativi. Meglio aspettare comunque che non avere possibilità di acquistarli.

Recensione Proscenic P13 - Ricambi

E a livello di materiali? Le plastiche sembrano di discreta qualità, ma non vi aspettate la cura al dettaglio che trovereste in prodotti ben più costosi.

E c'è da sottolineare uno dei difetti più grandi di questa scopa: il connettore del tubo. È veramente troppo delicato, e una volta messo è meglio non toglierlo e rimetterlo troppo di frequente. Se dovete usare gli accessori per spolverare o per le fessure, meglio ridurre al minimo la lunghezza del tubo che toglierlo.

Recensione Proscenic P13 - Materiali

Per l'assistenza, state acquistando la scopa tramite Amazon, quindi avete già quello dalla vostra parte. C'è anche un indirizzo email dell'assistenza clienti italiana di Proscenic (it@proscenic.com). Dal sito ufficiale c'è anche il modulo per prenotare una riparazione o un'assistenza sul prodotto. Forse però, visto il prezzo della scopa e la disponibilità di accessori dal sito, fate prima a pensarci da soli. Avete 30 giorni di tempo dalla ricezione per restituirla nel caso non facesse per voi.

Prezzo

Il prezzo di listino ammonterebbe a 199€, 40€ meno dell'anno scorso. In realtà si trova sin da subito a 40€ meno, e non solo: c'è pure un coupon che porta il prezzo di acquisto a 129€.

Davvero top. È pur vero che ci sono anche tanti concorrenti altrettanto validi, come questa.

Recensione Proscenic P13 - Altre foto dal vivo

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un'affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato. Tutti i prodotti descritti potrebbero subire variazioni di prezzo e disponibilità nel corso del tempo, dunque vi consigliamo sempre di verificare questi parametri prima dell’acquisto.

Giudizio Finale

Proscenic P13

Cala di prezzo e diventa ancora più conveniente, ma non si può certo parlare di miglioramenti clamorosi rispetto all'anno scorso. Qualche novità c'è, ma niente per cui stracciarsi le vesti. C'è però da dire che, oltre al prezzo compatto, Proscenic P13 vanta un bel po' di ricambi disponibili sul sito ufficiale, tra cui batterie extra che non costano un occhio della testa. Se non avete grosse pretese, o se siete in cerca di un aspirapolvere per la seconda casa, per il campeggio, per il camper o per scenari simili, siete probabilmente nel posto giusto.

Pro

  • Spazzola anti groviglio con testina LED verde
  • Ottima manovrabilità, sia in inclinazione che in angolazione
  • Tubo telescopico e qualche accessorio extra incluso
  • Poco rumorosa
  • Ottima disponibilità di ricambi
  • Prezzo ancora più basso

Contro

  • È praticamente la P12 leggermente aggiornata
  • Concorrenza agguerritissima
  • Mini ruote frontali delicate
  • Niente di specifico per i tappeti
  • Connettori delicati

Lorenzo Delli
Lorenzo Delli Cresciuto a "computer & biberon", mi sono avvicinato al mondo dell'informatica e della tecnologia alla tenera età di 5 anni. Mi occupo di news e recensioni legate ai PC (desktop e laptop) e al gaming, ma non disdegno elettrodomestici smart quali scope elettriche e friggitrici ad aria, preferibilmente con Bluetooth e Wi-Fi. Se trovate un meme sui canali social di SmartWorld è probabilmente colpa mia.

Gruppo Facebook

Community SmartWorld +15k
Confrontati con altri appassionati di tecnologia nel gruppo segreto
Entra