8.0

Tastiera V500S, Mouse V310, Cuffie VH600: la recensione del setup gaming di Rapoo. (foto e video)

Nicola Ligas -




Recensione Rapoo VPRO V500S, V310, VH600

Dopo averli intravisti ad IFA 2017, abbiamo deciso di provare sul campo alcuni prodotti di Rapoo, azienda dedita alla produzione di tastiere e mouse. Abbiamo quindi realizzato una postazione da gioco con alcune soluzioni della linea VPRO di Rapoo. Prossimamente contiamo di proporvi alternative di altri brand, in modo che le possiate confrontare e trovare quella che più si adatta alle vostre esigenze.

LEGGI ANCHE: Migliori cuffie gaming

8.0

Recensione Rapoo VPRO V500S

Rapoo VPRO V500S è una tastiera meccanica con switch realizzati dalla stessa azienda. Niente Cherry MX quindi, ma questo non è detto sia un male. Il clic vero e proprio avviene poco prima di metà corsa del tasto, ed è molto leggero. Ricorda un po’ qualcosa a metà tra gli Cherry Red, per la leggerezza di attivazione, ed i Blue, per la sonorità.

Si tratta di una tastiera compatta, senza tastierino numerico. Mancano anche tasti macro specifici, sebbene possiate associare delle macro a qualsiasi tasto vogliate tramite software dedicato. Ad esclusione del pulsante mute, non ci sono nemmeno tasti dedicati ai controlli multimediali. Le capacità di personalizzazione offerte dall’app dedicata permettono però di adattare bene la tastiera alle proprie esigenze, tanto che anche nell’uso comune non abbiamo sentito particolari carenze. Potete creare fino a 5 profili diversi, e passare da uno all’altro all’occorrenza.

Si tratta di una tastiera molto adatta anche all’utilizzo non gaming infatti, anche grazie ad un design non particolarmente aggressivo (esistono varianti più appariscenti), sebbene la sua elevata rumorosità (che ai vostri orecchi suonerà come musica) potrebbe attirare su di voi le ire dei colleghi.

Come in tutte le tastiere meccaniche, la posizione di scrittura è abbastanza elevata, ed anche inclinando un po’ la tastiera verso l’utilizzatore, tramite i due piedini sul retro, le cose non cambiano molto.

Abbiamo anche una retroilluminazione regolabile su 5 livelli, continua oppure pulsante, che si rivela molto efficace. Attenzione solo al fatto che le chiavi con due simboli hanno ben illuminato solo quello più in alto.

Dal punto di vista costruttivo c’è tanta solidità, garantita da un’anima in metallo, a dispetto della plastica utilizzata all’esterno. A scanso di possibili equivoci, la tastiera è cablata, con connessione tramite USB Type-A. Il prezzo è poi più che commisurato alla qualità del prodotto, dato che è possibile trovarla in vendita intorno ai 55€.

7.5

Recensione Rapoo VPRO V310

Rapoo VPRO V310 è un mouse gaming dall’aspetto rassicurante: sembra proprio un mouse gaming. Ironia a parte, il concetto è che questo dispositivo non offre soluzioni particolari, ma non per questo significa che non faccia bene il suo lavoro.

Si tratta infatti di uno mouse da 8.200 DPI massimi, che potrete switchare tramite un apposito pulsante posto sul dorso del mouse stesso. La sua posizione non si raggiunge rapidamente, perché viene a trovarsi proprio sotto al palmo della mano, e via software potrete impostare lo switch di 4 valori tra i 10 disponibili (ci sono anche dei preset consigliati a seconda della tipologia di gioco).

La connessione al PC è cablata, tramite USB Type-A. Il mouse in sé è un po’ grande, se avete le mani abbastanza piccole potreste avere qualche difficoltà a raggiungere in particolare il tasto “avanti” posto lateralmente. La pressione dei vari tasti è inoltre piuttosto morbida, forse anche troppo. Non pretendevamo un meccanismo di regolazione della durezza, ma che quantomeno lo fossero un po’ di più. Molto piacevole la rotellina, che non perde uno scrolling e soprattutto non li interpreta mai male, non ha latenza, ed ha una gommatura che assicura una buona presa sulla stessa.

Potrete inoltre associare la funzione che volete a ciascuno dei tasti del mouse: destro, sinistro, centrale (il clic sulla rotellina), rotella su e giù, DPI, tasto indietro ed avanti (posti lateralmente). In questo modo sarete voi ad avere il pieno controllo a seconda del gioco, e grazie ad i 5 profili diversi a disposizione.

È ovviamente presente un editor di macro, abbastanza intuitivo nelle modalità di utilizzo, anche se il software del mouse avrebbe potuto interfacciarsi meglio con quello della tastiera (e viceversa). Non manca poi anche il controllo dei LED, perché come ogni mouse gaming che si rispetti ci sono LED sia sotto la superficie dello stesso (sul retro) che sopra (in corrispondenza del loro VPRO ed attorno alla rotellina del mouse). Infine, abbiamo anche la sezione dedicata ai trofei, che conta il numero di clic, la distanza percorsa, i giri della rotella in avanti e indietro, e tutte quelle belle statistiche da nerd che vi faranno anche salire di livello, in una sorta di gioco di ruolo.

Particolarmente aggressivo il prezzo, dato che il VPRO V310 può essere vostro a meno di 40€.

8.5

Recensione Rapoo VPRO VH600

Rapoo VPRO VH600 sono delle cuffie da gaming molto comode. E già questo è un notevole punto a loro vantaggio. Leggere più di quanto le loro generose dimensioni facciano pensare, si indossano che è un piacere, con la morbida fascia elastica che andrà ad appoggiare sulla testa, consentendo di regolarne al volo l’estensione, in modo che vengano a trovarsi precise sopra il vostro orecchio.

L’imbottitura è generosa, ma l’insonorizzazione non è elevatissima. Complice la forma circolare ed ampia delle due cuffie, l’aderenza potrebbe non essere del tutto perfetta a seconda della conformazione del volto, permettendo a qualche suono di filtrare più del dovuto attraverso la pelle che le ricopre.

Incastonato nella cuffia di sinistra, c’è anche un microfono che può essere estratto dal suo alloggio e piegato in direzione della bocca. In realtà funziona benissimo anche tenendolo inserito.

Non mancano ovviamente i LED colorati, inseriti ad arte sui due lati, e controllabili tramite software, ma non solo. Lungo il robusto cavo in tessuto, c’è infatti un pratico telecomando, con il quale potrete commutare i colori dei LED. Potrete inoltre attivare l’audio 3D e la vibrazione. Il primo aggiunge in effetti una buona dose di spazialità al suono (le cuffie vantano un audio virtuale a 7.1 canali), e la seconda rende più “roboanti” certe esplosioni o comunque i rumori forti. Infine, con la pressione dell’ultimo tasto, disabiliterete il microfono.

Ci sono due ultime osservazioni da fare su questo cavo: la prima è che è piuttosto pesante, sia per la grandezza del telecomando al centro, che per spessore e lunghezza del cavo stesso. La seconda è che termina con una porta USB Type-A. Niente jack audio insomma, le cuffie si collegano al PC via USB standard.

Tramite il software dedicato potrete scegliere uno dei 4 scenari predefiniti, ma soprattutto potrete regolare l’equalizzazione come più vi aggrada, compresi i canali virtuali di cui sopra, l’ambiente di ascolto simulato e c’è anche la funzione karaoke, con qualche simpatico effetto sonoro per vivacizzare il tutto.

Non sono cuffie indicate per l’ascolto di musica leggera, dato che in generale producono un suono piuttosto “pompato”, che dà in effetti il meglio di sé nei giochi più rumorosi, ma in fondo, soprattutto per musica power, potrebbero anche farsi apprezzare più del previsto.

Discreto il prezzo: poco meno di 60€.

Giudizio Finale

Rapoo VPRO V500S, V310, VH600

8.0

Rapoo VPRO V500S, V310, VH600

Rapoo riesce a coniugare bene qualità e prezzo nei suoi prodotti, e con circa 150€ rende possibile la realizzazione di un setup gaming completo ed efficace. Nessuno dei tre prodotti è all'apice nella sua categoria, ma riescono comunque tutti a fare il loro dovere, anche se manca un po' più di sinergia l'uno con l'altro (un software unificato, in questo senso, sarebbe stato gradito), e magari una killer feature che li distingua di più dalla massa.

di Nicola Ligas
Pro
  • Qualità/prezzo
  • Software semplice da usare
  • Soluzione completa
Contro
  • Tanti software separati
  • Materiali non ricercati
  • No killer feature