8.2

Recensione Razer Ornata v2: la tastiera meccanica che è… a membrana! (foto)

Nicola Ligas




Recensione Razer Ornata V2

Razer Ornata v2 è la tastiera perfetta per avvicinarsi al mondo della tastiere meccaniche. Probabilmente perché non lo è del tutto, ma questo le permette di offrirvi i vantaggi di due mondi diversi, e per alcuni questi potrebbero essere preferibili a soluzioni più tradizionali, in un senso o nell’altro, anche al di fuori dell’ambito gaming.

LEGGI ANCHE: Logitech MX Craft

8.0

Costruzione

Ornata è realizzata in plastica abbastanza rigida (ma non granitica), e dall’aspetto sembra una tastiera meccanica classica, ovvero molto alta. Per fortuna in confezione è fornito anche un poggia polsi in similpelle, che si attacca magneticamente alla tastiera e vi permette di usarla con un comfort decisamente migliorato. Sulla base ci sono comunque due levette sollevabili che inclinano la tastiera verso l’utilizzatore, regolabili su due altezze diverse.

La cosa che più salta all’occhio è la particolarità della sua retroilluminazione, che sembra come un lago nel quale sono immersi i tasti. L’impressione è quella che i key cap fluttuino infatti in una pozza di luce, che cambia colore costantemente. È davvero bello a vedersi, ed al contempo efficace come retroilluminazione in sé, che poi ovviamente potrete andare a personalizzare via software come volete.

Nella base della tastiera ci sono 3 scanalature, per convogliare il cavo di collegamento, realizzato in fibra intrecciata, verso la direzione che vi è più congeniale: sinistra, centro o destra. Purtroppo per tastiere di un certo tipo la soluzione wireless non è ancora praticabile (pensate ad esempio che Ornata V2 ha un polling di 1GHz)

8.5

Esperienza d'uso

Razer ha brevettato gli switch di questa tastiera, che ha chiamato mecha-membrane, affermando che siano il connubio perfetto fra una tastiera meccanica ed una a membrana, ma senza spiegare benissimo in che modo. Di fatto, come prova a schematizzare l’illustrazione qui sopra, siamo più vicini a quest’ultima che non alla prima. Non c’è la molla, tipica delle soluzioni meccaniche, ed il feeling a fondo corsa è infatti morbido come quello delle cupole in gomma delle tastiere a membrana. L’effettiva attuazione avviene però a metà corsa, per il massimo della velocità, e c’è la sensazione del clic meccanico data da uno switch affine a quello di queste ultime.

Di fatto ciò che cambia di più, rispetto ad una tastiera meccanica tradizionale, è il feedback dei tasti, che è appunto più morbido, mentre le sonorità sono più affini alle tastiera meccaniche, per quanto nel complesso sia una soluzione piuttosto silenziosa, adatta anche all’uso da ufficio, per non parlare di quello casalingo, se non volete disturbare con continui tik-tik i vostri familiari. Per darvi più precisa ho registrato una breve clip audio, che trovate qui sotto.

I puristi delle tastiere meccaniche probabilmente non ne vedranno il vantaggio, perché del resto esistono anche tastiere meccaniche relativamente silenziose. L’idea qui però non è soltanto di ottimizzare il rumore, ma anche la sensazione d’uso, che ricorda quella di una tastiera a membrana, cui magari l’utente medio sarà più abituato perché è quella che trova nella maggior parte dei portatili. Non a caso molte tastiere da ufficio sono a membrana proprio per richiamare il feeling dei notebook, oltre che per ragioni di silenziosità. E non c’è nulla di male in questo, sia chiaro.

Il punto è che, probabilmente, Razer Ornata V2 servirà più per avvicinare al mondo delle tastiere meccaniche chi non ne abbia mai usata una, piuttosto che il contrario. Per chiunque fosse abituato ad una tastiera meccanica infatti, passare a questa mecha-membrane suonerà come un passo indietro, ma al contempo chi sia già abituato a scrivere a lungo su una a membrana potrà trovare nuovi stimoli nella soluzione di Razer, senza un brusco passaggio ad una full-mecha, che potrebbe anche non piacergli.

Per certi versi è una tastiera gaming che si rivolge di più ai non gamer insomma, essendo molto comoda e piacevole anche per il lavoro d’ufficio; anche, e soprattutto, se foste abituati a scrivere molto.

E sia chiaro che gli “optional gaming” non mancano. Al di là della personalizzazione dei colori, abbiamo la possibilità di rimappare tutti i tasti, di creare macro e profili, e ci sono anche tasti dedicati ai controlli multimediali, con tanto di rotellina per il volume, anch’essi personalizzabili. Inoltre, con alcuni giochi compatibili, la luminosità della tastiera reagirà alle situazioni di gioco, brillando ad esempio al passaggio di livello, o rabbuiandosi alla vostra morte in game. Tutto ciò è possibile grazie al software Razer Synapse (+ Chroma Studio), che offre così tante opzioni che probabilmente non le proverete mai tutte. Ma questo è ormai un marchio di fabbrica di Razer, più che una prerogativa di Ornata V2.

7.0

Prezzo

110€ di listino, stessa cifra anche su Amazon purtroppo. Razer Ornata V2 non è economica, probabilmente anche un po’ sovrapprezzata per quel che offre, ma comunque in linea con la concorrenza di pari livello. Considerando però che parliamo di una tastiera tuttofare, in fondo è una spesa non impossibile e che dovrebbe garantirvi soddisfazioni in ogni ambito; e non è poco.

Foto

Giudizio Finale

Razer Ornata V2

8.2

Razer Ornata V2

Razer Ornata V2 è una tastiera gaming che non mancherà di compiacere anche il pubblico dei non gamer; anzi, forse saranno proprio loro ad apprezzarla di più. Questo ibrido fra tastiere meccaniche ed a membrana servirà infatti più ad avvicinare gli utenti delle seconde alle prime, che non il viceversa; e sia chiaro che non lo consideriamo un difetto. Unire le sonorità di una tastiera meccanica al comfort di una a membrana non era facile, e Razer ci è riuscita: tanto di cappello! Il risultato è una tastiera con una forte impronta gaming, anche nel software, ma con una comodità ed una rumorosità che non disdegnano la vita da ufficio, che potrebbe trarre nuova linfa da un rinnovato modo di scrivere.

di Nicola Ligas
Pro
  • Il piacere di una tastiera meccanica, con un tocco morbido
  • Retroilluminazione "galleggiante"
  • Controlli multimediali e programmabili
  • Comodo poggia polsi incluso
Contro
  • Prezzo non contenuto
  • Ai puristi delle meccaniche non piacerà
  • C'è il cavo (ma è inevitabile)
  • Silenziosa ma non silenziosissima

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.