7.8

Recensione Minix NEO N42C-4: il mini PC ideale, se solo costasse meno! (foto e video)

Nicola Ligas -




Recensione Minix NEO N42C-4

Minix NEO N42C-4 è il mini PC più potente mai realizzato dall’azienda cinese. Prima che pensiate a chissà cosa, freniamo i facili entusiasmi. Parliamo ancora di una macchina di fascia bassa, ma con quella marcia in più rispetto ad altri modelli e quella “espandibilità”, che potrebbe fare la differenza tra frustrazione e soddisfazione. A patto che siate disposti a spendere.

7.5

Confezione

Minix NEO N42C-4 vi arriva nell’ormai classica confezione azzurra di Minix, con tutto ciò che occorre. Oltre al mini PC, abbiamo infatti un cavo HDMI, l’alimentatore con vari tipi di presa, ed un supporto VESA per avvitare il mini PC su attacchi di questo tipo. Potete quindi sorta di All-in-One, con estrema facilità.

Cosa manca? Magari anche un cavo mini DisplayPort ed uno USB Type-C, visto che ci sono anche questi due tipi di uscita video. È la stessa confezione, con gli stessi accessori, che Minix propone anche sui suoi modelli con chip Atom. Manca insomma quel “qualcosa in più”.

7.5

Hardware e benchmark

  • CPU: Intel Pentium N4200
  • GPU: Intel HD Graphics 505
  • RAM: 4 GB DDR3L (presenti 2 x SODIMM slot, fino a 8 GB + 8 GB)
  • Memoria interna: 32 GB eMMC 5.1 (MLC) + 1 slot M.2 SATA (fino a 512 GB)
  • Connettività wireless: Wi-Fi ac (2,4 e 5 GHz), Bluetooth 4.1
  • Porte: 3x USB 3.0, HDMI 1.4 (4K@30fps), mini DisplayPort (4K@60fps), USB type-C (4K@60fps) Gigabit Ethernet, jack audio + S/PDIF
  • OS: Windows 10 Pro 64-bit

Minix ha messo dentro al suo NEO N42C-4 tutto ciò che poteva. E dove non poteva, ha almeno lasciato lo spazio all’utente per ulteriori personalizzazioni. Parliamo in particolare dello slot per SSD, che è quasi un must-have. Dei 32 GB di eMMC ne avrete infatti a disposizione meno della metà, e finiranno rapidamente. Purtroppo, volendo contenere i costi della licenza Windows 10 Pro, Minix non poteva inserire un taglio superiore. Discorso simile vale per la RAM, che può facilmente essere espansa grazie ai due slot disponibili. A questo riguardo, fate riferimento a questo thread del forum ufficiale Minix per un elenco di SSD compatibili verificati, ed a quest’altro thread per reinstallare Windows sull’SSD. Se invece foste interessati all’espansione della RAM, è questo il topic che state cercando.

Peccato che sia sparito lo slot microSD, solitamente presente nei mini PC. Vero è che sarebbe stato solo un palliativo. Bene invece che non ci sia traccia di porte USB 2.0. Segnaliamo inoltre, come già accennato in precedenza, che la porta USB-C presente supporta l’uscita video, e che Minix NEO N42C-4 è in grado di supportare tre monitor contemporaneamente, attraverso HDMI, mini DisplayPort e appunto USB Type-C. Lode come sempre alla qualità della Wi-Fi sui prodotti Minix: aggancio rapido, segnale stabile, navigazione costante.

Ma veniamo ai benchmark, che riportiamo a fianco degli altri modelli dell’azienda che abbiamo recensito, giusto per avere un termine di paragone.

  Minix Neo Z83-4 Minix Neo Z83-4 Pro Minix Neo N42C-4
GeekBench single-core 893 916  1.560
GeekBench multi-core 2315 2373  4.500
GeekBench GPU 5640 5370  11.400
Crystal Disk lettura 134 140  300
Crystal Disk scrittura 68 67  85

Come vedete il salto è netto, com’era ovvio, secondo tutti i benchmark più relativi al puro hardware. L’Apollo Lake riesce a darvi quella spinta in più che vi permette un maggiore “relax”. Per completezza riportiamo anche il valore di PCMark: 1.004 (3.782 essential – 1.161 digital content creation – 2.187 producivity – 287 gaming) e di 3DMark in Time Spy: 127. Il valore più interessante sono quei quasi 4.000 punti nel test essential di PCMark, che “copre le modalità di utilizzo quotidiane del PC”, come navigazione web, video conferenza e velocità di avvio delle app. Segno di come sia appunto una macchina in grado di fare ciò che deve, con minor “frustrazione” per l’utente.

8.0

Esperienza d'uso

Mi sono trovato bene con questo Minix NEO N42C-4. Fa esattamente ciò che mi aspettavo avrebbe fatto, e forse anche qualcosa in più, ma non per l’utente consumer. Da un lato abbiamo infatti un mini PC più performante della media, con il quale navigare in internet abbastanza tranquillamente, col quale vedere qualche film e col quale giocare anche un pochino. Dall’altro abbiamo quello che può diventare facilmente qualcosa di più/diverso, grazie anche agli slot disponibili per RAM ed SSD.

Potete farne un NAS, un muletto, un piccolo server 24/7, un chiosco, potete attaccarlo col supporto VESA ad un monitor e farlo diventare una sorta di all-in-one; le possibilità sono molteplici. N42C-4 è insomma adatto anche ad usi particolari, magari per chi abbia un’attività commerciale, o nei luoghi pubblici. Non sarà la sua clientela ideale, ma è comunque una possibilità da non escludere, e l’affidabilità di Minix unita alla versatilità di questo dispositivo, in parte ne giustificano il prezzo. Ma di quello riparleremo.

Per l’utente medio, occorre invece chiarire meglio cosa intendevo poc’anzi. Navigare in internet col Minix NEO N42C-4 significa che stare abbastanza tranquilli fino a 6-7 schede aperte, soprattutto se queste ospitano siti pesanti o video in riproduzione. Con Facebook, Gazzetta (con video), Repubblica, The Verge, SmartWorld (con video) e YouTube aperto in riproduzione 4K, riuscivo a navigare bene nei vari siti e ad avere un playback fluido. Se voleste però aumentare il numero di schede aperte contemporaneamente, dovrete stare un po’ attenti ai contenuti presenti in ciascuna di queste. Aggiungendo altre 4 schede alle 6 già elencate, il video su YouTube non riesce più ad essere fluido ed in generale i rallentamenti diventano vistosi.

Bene le operazioni Office basilari. Lettura e modifica di documenti Word, Excel e Power Point non presentano criticità con file di media dimensione. Il verso di mettere in crisi il Neo N42C-4 c’è, con file grandi, macro complesse e operazioni elaborate sugli stessi, ma a meno di non avere esigenze particolari, non avrete problemi.

Lato multimediale abbiamo l’uscita video su 3 monitor contemporaneamente, altra funzione che forse non tornerà troppo utile all’utente medio ma che è degna di nota. La porta HDMI è solo una 1.4, come sugli altri mini PC Minix, quindi limitata a 30Hz in 4K; le altre due porte arrivano invece in 4K@60fps. Per quanto riguarda la riproduzione video, questa riesce ad essere fluida in 4K H.264, anche ad elevati bitrate. Diverso il discorso per l’H.265, che in 4K arranca. Assente il supporto HDR. Bene i vari Prime Video e Netflix, soprattutto con Edge, che è il browser di riferimento, in particolare per Netflix, in ambito Windows.

Infine due parole anche sul gaming (per così dire). Pur rimanendo sempre su un livello molto basilare, c’è un po’ di scatto in più rispetto ad altri mini PC, come testimoniato anche dai benchmark qui sopra. Non cambia il tipo di giochi che potrete fare, sempre per lo più a “livello smartphone”, ma li vedrete girare meglio. Asphalt 8 ha texture a più alta risoluzione di altri Minix e non presenta alcun tentennamento, e su Steam qualcosina troverete, come il simpatico gioco di Bud Spencer e Terence Hill che abbiamo da poco provato.

Lode poi a come Minix riesce sempre ad integrare bene il tutto senza sbavature. Non ci sono surriscaldamenti nemmeno dopo intensi stress test, dato che le temperature sui core raramente vanno oltre i 60°, il mini PC è silenzioso, ed anche dopo giorni di utilizzo senza riavvio si comporta (quasi) sempre allo stesso modo. Sono dettagli che si tende a dare per scontati, ma che ritroviamo con piacere nei prodotti Minix, ma non sono sempre validi in generale.

6.5

Prezzo

Il prezzo è il punto debole di questo Minix NEO N42C-4, l’avrete già capito. Parliamo di 299€ in Italia, dov’è venduto direttamente da Amazon. Difficile che un utente medio non sia tentato da soluzioni con hardware simile, ma ad un prezzo inferiore anche di oltre 100€, e “purtroppo” se ne trovano. Le cose migliorano un po’ comprando da store cinesi, ma ciò che risparmiate sul prezzo lo perdete in garanzia.

Dobbiamo però dire che la qualità di Minix e la sua affidabilità nel tempo sono un valore aggiunto da non sottovalutare, in particolar modo a seconda dell’uso che vorrete farne. Valutate quindi attentamente se il risparmio di oggi abbia un senso anche in ottica futura.

Foto

Giudizio Finale

Minix NEO N42C-4

7.8

Minix NEO N42C-4

Minix NEO N42C-4 è un mini PC come dovrebbero essere tutti i mini PC. Ideale per la navigazione e la visione di film, in particolar modo in streaming; necessiterà invece dell'aggiunta di un SSD se aveste anche esigenze di archiviazione, dato che i 32 GB di storage in dotazione vanno via rapidamente. Ma non è questo il problema, visto che c'è uno slot apposito sia per l'espansione di memoria di massa che di RAM. Il problema è un prezzo di lancio elevato, che la clientela consumer di questo tipo di dispositivi faticherà a digerire. Nel caso lo trovaste in offerta, valutate seriamente l'investimento, perché la differenza tra Minix e tanti altri produttori cinesi minori si sente.

di Nicola Ligas
Pro
  • Prestazioni superiori alla media dei mini PC
  • Slot per RAM ed SSD
  • Addio USB 2.0
  • Versatilità
Contro
  • Prestazioni sempre "da mini PC"
  • Sempre pochissimo lo spazio di storage
  • Addio allo slot microSD
  • Prezzo
  • Matteo Bottin

    Beh non sembra male per un utilizzo basilare. Io probabilmente lo “aggiornerei” almeno con un ssd m2 magari per cercare di “svegliarlo” un po’, ma per il resto non è niente male!

    • no infatti, è che se consideri il prezzo del mini PC + SSD non è indifferente. Però almeno hai un prodotto di qualità e che dovrebbe durare nel tempo

  • recensisco minix perché è un brand che mi piace, però non ho consigliato questo prodotto a scatola chiusa, ma solo a certe condizioni

    • Shion91

      Forse mi sono espresso un po’ male, nessun appunto, come ho corretto dopo, ho visto che hai specificato che esistono altre soluzioni dall’hardware simile più economiche. Va più che bene così, non mi aspettavo diversamente da voi, ho solo commentato troppo presto prima di finire il video. Complimenti e buon lavoro.

  • Come multimedia center (attaccato alla TV per i video, al DAC per l’audio) come sarebbe?
    Sia via WiFi od Ethernet che con HDD esterno attaccato come fonte.
    Questo o il Beelink citato 🙂
    (ed eventualmente ci posso brasare via Windows e metterci Linux?)