Recensione Tour de France 2021: tutta l'atmosfera del Tour, ma senza allure (foto)

Vezio Ceniccola
Vezio Ceniccola

Il Tour de France 2021 è ufficialmente iniziato e anche la sua versione videoludica è arrivata sui PC e le console di tutti gli appassionati. Grazie a questo nuovo titolo, anche per l'edizione 2021 è possibile vivere in maniera virtuale le emozioni della corsa ciclistica più famosa al mondo, correndo tutte le tappe della Grande Boucle e anche altre grandi corse ciclistiche europee. Come da tradizione, Tour de France 2021 è un gioco destinato ad un pubblico molto specifico e si porta dietro tutta una serie di limiti che contraddistingue l'intera serie. Un fattore da tenere in grande considerazione, perché rischia di intaccare la voglia di salire in sella (virtuale) di molti appassionati, anche e soprattutto quelli che hanno giocato ai capitoli precedenti. Andiamo dunque a vedere di cosa è capace Tour de France 2021, parlandone in dettaglio nella nostra recensione completa.

PRO

  • Simulazione approfondita e realistica
  • Tutte le licenze ufficiali
  • Percorsi e campioni reali
  • Richiede poche risorse hardware

CONTRO

  • Comparto grafico vetusto
  • Movimenti legnosi
  • Fisica poco realistica
  • Intelligenza artificiale poco autonoma

Editore Nacon
Sviluppatore Cyanide Studio
Piattaforme PC Windows, PS4, PS5, Xbox One | X | S
Genere Simulatore sportivo
Modalità di gioco Giocatore singolo, Multiplayer locale
Lingua Italiano (testo), Inglese (audio)
Prezzo e acquisto 39,99€ (PC Steam) | 49,99€ (PS4) | 49,99€ (Xbox)

Che cos'è Tour de France 2021?

Tour de France 2021 è un simulatore sportivo sviluppato da Cyanide Studio, che ormai da anni si occupa della produzione del gioco ufficiale della corsa ciclistica francese. La pubblicazione e la distribuzione sono state curate da Nacon.

Questo titolo deriva dalla celebre serie Pro Cycling Manager, ma si differenzia da essa perché è meno volto all'aspetto manageriale: in Tour de France 2021 l'attenzione è tutta rivolta alla gara e all'aspetto competitivo. Se nel primo siete dei direttori generali della squadra, nel secondo sarete dei direttori sportivi sull'ammiraglia. Inoltre, se in Pro Cycling Manager potete correre tutte le più importanti corse ciclistiche del mondo – con centinaia di gare disponibili – in Tour de France 2021 sono incluse solo poche corse: il Tour, ovviamente; alcune classiche monumento come la Liegi-Bastogne-Liegi, la Parigi-Roubaix e il Giro di Lomabardia (chiamato "Giro di Como"); i campionati Europei e Mondiali; più altre gare minori, sia reali che inventate.

Una cosa importante da notare è che il gioco è realizzato su licenza ufficiale del Tour de France 2021, dunque include tutte le tappe reali, le musiche ufficiali e le grafiche del vero Tour. Inoltre, ci sono anche tutte le licenze delle squadre e dei ciclisti più importanti, con un database molto aggiornato su tutti i corridori. Anche quest'anno sono stati inseriti alcuni dei migliori marchi ufficiali per l'attrezzatura ciclistica (Lazer, Specialized, Vision, Rudy Project, Corima, HJC, Canyon, POC, Merida), che possono essere utilizzati in gioco.

Tour de France 2021 è pensato per l'esperienza in singolo e richiede l'utilizzo del controller, ma è possibile anche giocarlo con il multiplayer locale, colleganto due controller al PC o alla console. Essendo molto complesso in alcune fasi di gioco, troviamo comunque molto difficile giocarlo in multiplayer, dunque non fate troppo affidamento su questa possibilità.

Modalità di gioco

All'interno di Tour de France 2021 ci sono tre modalità di gioco principali: Gara, Pro Team e Pro Leader. A queste si affiancano una sezione Allenamento, dove imparare tutti i rudimenti principali del gioco, e un ottimo Editor che permette di modificare qualsiasi cosa all'interno del database di gioco, compresi i nomi e le valutazioni dei ciclisti, le formazioni delle squadre e le maglie ufficiali.

La modalità Gara raccoglie tutte le corse disponibili in gioco, da poter affrontare singolarmente con la squadra preferita (modificabile prima della partenza). Per i giri a tappe è possibile correre anche solo una o più tappe specifiche, simulando le restanti. Attenzione perché non tutte le corse sono disponibili da subito: alcune devono essere sbloccate ottenendo punti XP. Curiosamente, quelle da sbloccare sono le corse minori, visto che sia il Tour che le classiche principali sono subito giocabili. Inoltre, è possibile ottenere punti XP anche completando missioni e obiettivi speciali per ogni gara, ad esempio vincendo una tappa o una delle classifiche.

La modalità Pro Team permette di creare la propria squadra e competere in tutte le competizioni della stagione. Una volta assemblato il roster, è possibile scegliere un programma di allenamento stagionale – in modo da programmare i picchi di forma per ciascun ciclista – e iniziare a gareggiare nelle corse disponibili, che all'inizio saranno solo tre. Più la squadra vince e guadagna posizioni nella classifica CPC, più saranno numerose le gare a cui si potrà partecipare. Inoltre, più sarà alta la posizione in classifica e più soldi riceveremo a fine stagione, utili per ingaggiare nuovi ciclisti e formare una squadra sempre più forte.

Pro Leader è una modalità molto simile – per certi versi anche troppo – a Pro Team, con la possibilità di creare non solo la squadra ma anche un ciclista completamente personalizzato: potrete decidere nome, caratteristiche fisiche e parametri atletici, creando il vostro alter ego ideale. Una volta completata la creazione, il vostro ciclista sarà inserito nella squadra appena creata, ma i compagni di team saranno inizialmente casuali. Potrete modificare il roster solo a fine stagione, ingaggiando i corridori che preferite dalle liste disponibili, esattamente come nella modalità Pro Team. In questa modalità dovrete non solo occuparvi della squadra, ma avrete anche degli obiettivi specifici raggiungibili solo col vostro ciclista personalizzato, che potrà crescere e migliorare tutte le sue abilità nel corso delle stagioni. La crescità sarà, però, molto lenta, dunque non vi aspettate di diventare dei super campioni nell'arco di due o tre stagioni.

Da segnalare la possibilità di salvare la partita ovunque durante la corsa, cosa particolarmente comoda per non perdere le partite lasciate a metà. Inoltre, ci sono anche i salvataggi automatici che avvengono ad intervalli regolari: in questo caso però ci sentiamo di dire che sono un po' fastidiosi, soprattutto quando avvengono durante le fasi più concitate, spezzando il ritmo dell'azione.

Gestione della squadra

L'esperienza di gioco di Tour de France 2021 è praticamente identica in ogni modalità, sia per le gare singole che per Pro Team e Pro Leader. Possiamo dire che ci sono due sezioni principali: l'interfaccia di gestione della squadra e l'interfaccia di corsa. In questo paragrafo ci occuperemo della prima.

Ogni squadra ha un obiettivo specifico, indicato prima della partenza: può essere la vittoria di tappa, la conquista della classifica generale, il piazzamento in una delle classifiche speciali o altro ancora. Come detto, per ciascuno di questi obiettivi riceverete delle ricompense speciali, a seconda della modalità scelta.

Prima di ogni tappa o gara singola potrete stabilire una sorta di strategia, assegnando istruzioni specifiche per ciascun corridore. In questa fase preliminare, è sempre importante dare un'occhiata alla condizione giornaliera di ogni componente della squadra, che è casuale e varia ogni giorno. Fatto questo, l'ultima cosa da fare prima di avviare la gara è scegliere il ciclista da controllare, che potrà essere comunque cambiato appena entrati nell'interfaccia di corsa.

Attenzione perché non tutte le tappe devono essere giocate nell'interfaccia di corsa! Se volete saltare alcune gare a cui non siete interessati, potete decidere di simularle scegliendo "Tappa veloce": in questo modo, la gara si svolgerà senza entrare in modalità corsa. Dopo aver effettuato la simulazione – con un caricamento a dire il vero abbastanza lungo – avrete a disposizione una schermata con i risultati finali, in modo da poter capire come si sono comportati i componenti della vostra squadra.

Interfaccia di corsa

Il cuore dell'esperienza di gioco di Tour de France 2021 è rappresentato dall'interfaccia di corsa, che ci porta sulle strade delle grandi manifestazioni ciclistiche internazionali nei doppi panni del ciclista e del direttore sportivo della squadra. In questa fase saremo in sella con i corridori della nostra squadra e potremo decidere quale vogliamo controllare in prima persona e quali lasciare all'intelligenza artificiale. Come detto nel paragrafo precedente, questa scelta è comunque modificabile in qualsiasi momento: basta entrare nell'interfaccia delle comunicazioni radio per cambiare il ciclista che vogliamo impersonare. Non è una meccanica troppo intuitiva, ma funziona bene.

Utilizzando il grilletto destro e i vari pulsanti sul controller è possibile regolare lo sforzo del nostro ciclista, in modo da seguire le frecce che indicano la traiettoria ideale senza sprecare troppe energie. Per non stare sempre col dito sul grilletto è, però, possibile usare la funzione segui – agganciando il ciclista che ci precede – oppure la funzione controllo, che è una sorta di cruise control, regolabile con più comodità. Ci sono, inoltre, altri comandi specifici per alcune occasioni particolari: negli arrivi sul traguardo si può usare il colpo di reni, in discesa è molto utile la posizione aerodinamica, mentre per le tappe a cronometro ci sono la posizione GC e una funzione di controllo sforzo ancora più precisa.

Il problema di tutte queste meccaniche è che sono estremamente legnose. Il gioco non trasmette bene il senso di fatica dei ciclisti, non riesce a produrre un feedback convincente quando si guida la bici, non permette di prendere le traiettorie in maniera affidabile. In poche parole, la fisica è poco realistica, con tutti i guai che ne conseguono. Il risultato è che ogni tanto ci si incastra negli ostacoli a lato della carreggiata, si rimane bloccati in mezzo al gruppo oppure, ancora peggio, ci si schianta sul guard rail in discesa, finendo a terra. Per fortuna le cadute sono solo "simulate" e dopo pochi secondi siamo di nuovo in sella, pronti per ricominciare a pedalare.

Per fortuna non sarete costretti a controllare il vostro ciclista per tutta la gare, visto che esiste la possibilità di utilizzare la funzione "avanti veloce" dal menu delle comunicazioni radio. Questo è uno dei comandi più utili in assoluto, perché ci permette di saltare le parti più noiose della gara, quelle in cui non succede nulla, andando direttamente alla fase in cui iniziano gli attacchi. Attenzione, però, a non abusarne troppo: soprattutto in alcune tappe, la voglia di skippare tutto diventa fortissima, ma si rischia di trovarsi impreparati al momento dell'attacco decisivo.

L'aspetto più importante in assoluto del gameplay di Tour de France 2021 è la gestione dello sforzo. All'interno dell'interfaccia di corsa ci sono diversi indicatori, utili per capire in quale fase della tappa ci troviamo e, soprattutto, in che condizioni è il nostro ciclista: per fare questo bisogna guarda le barre circolari in basso a destra, che indicano lo sforzo attuale (giallo), l'energia normale (blu) e l'energia per l'attacco (rosso).

Esattamente come accade nel ciclismo reale, esistono vari accorgimenti per non consumare troppa energia. Il più efficace è, ovviamente, quello di restare a ruota dei corridori che ci precedono, evitando di prendere aria: per verificare se siamo al vento, basta guardare la presenza delle piccole alette d'aria che spuntano sotto ai gomiti del nostro ciclista. Se siamo quasi rimasti a secco, possiamo utilizzare i due gel (rosso e blu) che ricaricano un po' le rispettive barre. In ogni gara sono previste una o due zone di rifornimento, che ricaricano i due gel per ciascun ciclista.

Quando le due barre d'energia finiscono e continuiamo a fare troppo sforzo, entriamo in quello che il gioco definisce "crollo": la schermata diventa in bianco e nero, la velocità viene molto ridotta e sentiamo tutta la sofferenza del nostro ciclista. Per qualche secondo non sarà possibile controllare normalmente il personaggio, ma dovremo attendere di riprenderci, mentre i nostri avversari si allontanano.

Livello di sfida

Se il controllo di un solo ciclista è complicato, controllare l'intera squadra può essere molto faticoso. Sebbene il gioco si focalizzi in gran parte sull'eperienza del ciclista singolo, potremo (e dovremo) comunque occuparci di tutti gli altri compagni, eventualmente cambiando dall'uno all'altro a seconda della fase di corsa.

Per fare tutto questo esiste il menu delle comunicazioni radio, tramite il quale è possibile assegnare istruzioni collettive per l'intera squadra oppure individuali, selezionando uno o più ciclisti per compiere un'azione specifica. Nel menu è anche presente un'istruzione con l'asterisco, che è quella consigliata dal gioco.

L'intelligenza artificiale dei compagni è molto basica: quasi mai prenderanno iniziativa, ma si limiteranno solo a fare quello che gli chiediamo, quando glielo chiediamo; anzi, a volte non riusciranno a fare nemmeno questo. Qualsiasi azione deve essere richiesta tramite la radio, anche quelle più ovvie come la protezione del capitano da parte dei gregari o l'utilizzo dei gel blu o rosso quando finiscono le energie. Fare attenzione a tutto in prima persona è ovviamente molto faticoso, dunque si corre il rischio di dover abbandonare alcuni dei nostri compagni al proprio destino, per concentrarsi solo su quelli che possono farci comodo per la tappa.

Dall'altra parte, gli avversari sembrano molto più furbi. Il livello di difficoltà non è banale: anche quando abbiamo un corridore molto forte, riuscire a vincere una tappa o una classica è davvero complicato. Questo succede anche perché ogni tanto avvengono cose a cui un appassionato di ciclismo non è abituato: volate lanciate lontanissimo dal traguardo, attacchi in salita ripida da parte dei passisti, gruppi che si frantumano in pianura senza alcun motivo. Per poter arrivare alla vittoria con la propria squadra bisogna essere bravi e fortunati, un po' come nella vita vera, anzi forse un po' di più.

Una cosa abbastanza singolare che abbiamo notato nel corso delle nostre partite è la poca varietà di vincitori. Il gioco fa vincere troppo spesso i favoriti della vigilia: i Tour li vince quasi sempre Pogacar, al limite Roglic, vincendo anche molte delle tappe in salita; le classiche sono quasi sempre appannaggio di Van Aert o Van der Poel; nei Mondiali e Europei dominano Sagan e Alaphilippe. Anche questo è un aspetto abbastanza irrealistico, soprattutto per la frequenza con il quale si verifica. La casualità è lasciata spesso da parte, anche perché nel gioco non ci sono gli incidenti – che invece si verificano spesso al Tour – e soprattutto non è possibile ritirarsi dalla gara.

Nel complesso, comunque, si può dire che il livello di sfida risulta divertente, mettendo un po' di pepe in una simulazione che è invece abbastanza carente in altri ambiti. Dover lottare su ogni strappo, aspettare il momento buono per l'attacco, lanciarsi in volata e vincere con le braccia al cielo sul traguardo, dopo aver tanto faticato, sono certamente esperienze molto coinvolgenti per gli appassionati di ciclismo.

Grafica e audio

Il comparto grafico è, come da tradizione, un tasto dolente della serie Tour de France. Anche in questa versione 2021 ci troviamo di fronte ad un gioco realizzato con tecniche ormai superate: l'estetica appartiene di più ad un gioco del decennio scorso, e come detto anche la fisica dei poligoni non è delle migliori. Apprezzabile lo sforzo di ricreare fedelmente i paesaggi e le atmosfere della Grande Boucle e delle classiche del nord, ma rimane comunque molto sotto la media per un gioco del 2021, sempre troppo uguale a se stesso.

Facciamo alcuni esempi per capire meglio questa critica. I ciclisti hanno un aspetto quasi identico, anche a livello facciale. Gli edifici ai lati delle strade sembrano fatti di carta pesta, anche se presentano dettagli molto simpatici, come le parabole o le antenne televisive. C'è tanta gente ai bordi delle strade, con bandiere e cartelli: alcuni sono addirittura in mezzo alla strada, con i ciclisti che li attraversano senza preoccuparsene troppo.

Al di là di questo, i problemi grafici sono tanti e riguardano anche alcuni aspetti di gameplay. Ogni tanto non si caricano le texture del percorso, soprattutto quando utilizziamo la funzione avanti veloce, dunque non vediamo dove stiamo andando. Non esiste una mappa dettagliata da guardare durante la gara, cosa che impedisce di progettare attacchi in maniera precisa. Le visuali in gara sono solo tre, di cui due molto simili: avremmo gradito molto la possibilità di una visuale più alta, per controllare meglio i gruppi numerosi. Infine, ci sono tanti replay e premiazioni a fine gara, che allungano troppo il tempo per passare da una tappa all'altra: questo, aggiunto ai tantissimi caricamenti di cui abbiamo già parlato, è un aspetto che rende molto frustrante e inefficiente l'esperienza di gioco.

Per la parte audio, le cose non vanno molto meglio. Il gioco propone un commento (in inglese e francese) molto sporadico e didascalico. Le informazioni date sono spesso superflue, quindi nel complesso possiamo dire che è abbastanza noioso. Abbiamo però apprezzato la presenza di alcuni aneddoti sui campioni più importanti e le voci dei tifosi, che si possono udire passando tra la folla: sono state registrate in tante lingue diverse, anche in italiano!

Prestazioni

Tour de France 2021 non è un gioco che richiede molte risorse a livello computazionale, dunque gira abbastanza bene su PC di tutte le fasce. Una buona notizia per chi vuole giocarci su una macchina poco potente, magari anche un notebook con scheda integrata.

Noi lo abbiamo testato in versione PC su una macchina di fascia medio-alta, con processore AMD Ryzen 7 3800X e scheda video NVIDIA GeForce RTX 3070 Ti, riuscendo a giocare in 4K ad alti fps senza alcun problema di sorta.

Prezzo

Tour de France 2021 ha un prezzo diverso a seconda della piattaforma. Vi lasciamo a seguire un piccolo specchietto con tutti i prezzi per le versioni PC e console, sia quelle di vecchia che di nuova generazione.

  • Versione PC Windows: 39€
  • Versioni PS4 / Xbox One: 49€
  • Versioni PS5 / Xbox Series X e S: 59€

Tour de France 2021 – Screenshot

Giudizio Finale

Tour de France 2021

Tour de France 2021 è la migliore simulazione ciclistica sul mercato, anche perché la concorrenza è praticamente inesistente. In questa frase (provocatoria) si nasconde il paradosso di un gioco che è sempre uguale a se stesso, perché se lo può permettere, ed è anche l'unica grande risorsa per chi vuole un po' di ciclismo videoludico. Al netto della grafica non al passo coi tempi, della fisica poco realistica e dell'intelligenza artificiale – troppo pigra per i compagni e troppo furba per gli avversari – è un gioco divertente che offre un buon livello di sfida. Se vi piace il Tour de France e volete riviverne la magia, con questo titolo potete farlo, rinunciando ad un po' di classe ma non alle emozioni.

Voto finale

Tour de France 2021

Pro

  • Simulazione approfondita e realistica
  • Tutte le licenze ufficiali
  • Percorsi e campioni reali
  • Richiede poche risorse hardware

Contro

  • Comparto grafico vetusto
  • Movimenti legnosi
  • Fisica poco realistica
  • Intelligenza artificiale poco autonoma

Vezio Ceniccola
Vezio Ceniccola Nato in un posto che sicuramente non conoscerete, romano d'adozione, affascinato da qualsiasi cosa abbia tasti, schermi o lucine colorate.

Commenta