Recensione Redmi Buds 5: alzano l'asticella delle cuffie economiche

Giuseppe Tripodi
Giuseppe Tripodi Tech Master
Recensione Redmi Buds 5: alzano l'asticella delle cuffie economiche

Cosa aspettarsi da un paio di cuffiette TWS da 40 euro? La risposta a questa domanda è cambiata tantissimo negli ultimi anni, così come sono cambiati i migliori auricolari Bluetooth: se solo ripenso alle cuffiette di fascia economica di qualche anno fa e le paragono a queste Redmi Buds 5, mi viene da sorridere.

Xiaomi è sempre stata un'azienda che ha puntato al rapporto qualità/prezzo, soprattutto col brand Redmi, ma queste nuove Redmi Buds 5 alzano davvero l'asticella di quel che ci si può aspettare dai modelli economici.

Non sono impeccabili su ogni fronte, ma sono una proposta davvero completa per chi non vuole spendere troppo.

PRO

  • Buona qualità audio per il prezzo
  • Resistenza a polvere e liquidi (certificazione IP54)
  • Play/Pausa automatico
  • ANC e modalità Trasparenza
  • Multipoint

CONTRO

  • Microfoni non all'altezza
  • Controlli un po' imprecisi
  • Custodia plasticosa
  • Companion app migliorabile

La confezione di vendita è davvero standard in termini di dotazione: un cavetto USB/USB-C per la ricarica (molto corto e di qualità mediocre), due coppie di gommini aggiuntivi (taglie S ed L) e un manuale di istruzioni.

Sia auricolari che case sono realizzati interamente in plastica: il design della custodia, che si apre "in orizzontale", ricorda molto quello degli auricolari di OnePlus mentre le cuffiette sono quasi indistinguibili dalle precedenti Redmi Buds 4 Pro

E intendiamoci, è un bene: proprio come queste ultime, anche le nuove Redmi Buds 5 sono molto comode. Ricordano un po' gli AirPods Pro come forme, con un design ben affusolato che non dà fastidio neanche dopo ore.  

Da un punto di vista costruttivo, la qualità è ok: non eccelsa, ma neanche terribile, in linea con la fascia medio-bassa del mercato. In compenso, il case si infila comodamente in ogni tasca e non avrete problemi a portaro sempre con voi e c'è pure la resistenza a polvere e liquidi, con certificazione IP54.

All'interno delle cuffiette troviamo un driver dinamico da 12,4 mm, che offre una discreta qualità sonora. Considerando il prezzo, specifico che non ci si può aspettare un audio eccelso, ed effettivamente i limiti ci sono: su alcuni brani si nota che il suono non è arioso come dovrebbe e le frequenze sono più "impastate" di quando non avremmo voluto.

Nonostante tutto, guardando alla spesa di soli 40 euro non mi lamenterei troppo, anche se mi sarebbe piaciuto avere un equalizzatore a bande per poter personalizzare il suono e abbassare leggermente i bassi, solo di una tacca o due.

Invece, dall'app Xiaomi Earbuds (disponibile per Android e iOS), è possibile personalizzare il suono, ma non si tratta di un vero equalizzatore quanto più di Effetti sonori, per migliorare la resa di bassi, medi (voci) o alti. Tra i 4 profili disponibili, quello Bilanciato è in generale il più gradevole.

La cancellazione del rumore è sorprendentemente buona, soprattutto per i mezzi di trasporto e i suoni costanti (lavatrice, elettrodomestici vari...), ma fa il suo ottimo lavoro anche in ufficio.

Xiaomi parla di una riduzione fino a -46dB, ma francamente non darei troppa attenzione ai numeri. Al netto delle cifre, posso confermare che con musica in riproduzione e volume anche contenuto (30% circa), con ANC impostato al massimo sono riuscito a isolarmi molto bene dai rumori di un open space, riuscendo a lavorare senza sentire tutte le chiacchiere intorno. Per il prezzo molto contenuto a cui vengono vendute, il risultato è davvero notevole.

C'è anche una discreta modalità Trasparenza ed entrambe le funzioni (sia ANC che Trasparenza) possono essere regolate su tre modalità. Per l'ANC, si modifica l'intensità della cancellazione del rumore (Leggera, Bilanciata, Profonda), mentre per la modalità Trasparenza è possibile cambiare le frequenze a cui dare enfasi (Normale, Esalta la voce, Migliora i suoni ambientali).

I comandi touch hanno alti e bassi e, anche se generalmente funzionano discretamente, capita che prendano il comando sbagliato, specialmente in movimento.

I comandi sono molto personalizzabili e, anche se ogni azione disponibile (tap / doppio tap / triplo tap / tap prolungato) è associabile solo a un ristretto numero di azioni, nel complesso la personalizzazione funziona bene.

Ad esempio, al momento, i comandi che utilizzo sono quelli qui sotto:

  • Tap (SX): Abbassa il volume
  • Tap (DX): Alza il volume
  • Doppio tap (SX e DX): Play/Pausa
  • Triplo tap (SX): Traccia precedente
  • Triplo tap (DX): Traccia successiva
  • Tap prolungato (DX): ANC/Trasparenza
  • Tap prolungato (SX): Assistente vocale

Gli auricolari sono anche dotati di sensori di prossimità, che mandano automaticamente in Play o Pausa la riproduzione quando rimuoviamo o indossiamo gli auricolari.

Il Bluetooth è in versione 5.3, c'è il supporto a Google Fast Pair e la connessione con lo smartphone è sempre rapida e stabile.

Un altro grande punto a favore è il multipoint, ossia la possibilità di collegarsi simultaneamente a due dispositivi. Anche collegate in modalità multipoint, le cuffie hanno sempre risposto in modo ottimo, senza problemi di connettività. 

I microfoni sono uno degli aspetti che convince di meno. Non sono terribili in toto e riescono a ridurre discretamente i rumori di fondo ma, nel tentativo di isolare la voce rispetto gli altri suoni, la voce catturata risulta spesso piuttosto metallica. Dalla registrazione di seguito potete farvene un'idea.

L'autonomia è superiore alla media: con una ricarica i Redmi Buds 5 fanno circa 6,5 ore con ANC attivo, circa 10 ore senza. Il case fornisce circa 3 ricariche complete, con un'autonomia complessiva che arriva fino a 40 ore dichiarate (senza ANC). C'è anche la ricarica rapida, che garantisce 2 ore d'uso dopo 5 minuti di carica.

Il prezzo di listino è di 39,99€: è un costo piuttosto basso per il valore complessivo degli auricolari, che hanno davvero tutto quel che si può chiedere a delle cuffiette economiche.

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un'affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato. Tutti i prodotti descritti potrebbero subire variazioni di prezzo e disponibilità nel corso del tempo, dunque vi consigliamo sempre di verificare questi parametri prima dell’acquisto.

Giudizio Finale

Redmi Buds 5

I Redmi Buds 5 sono auricolari veramente invitanti per chi vuole spendere poco e avere un'esperienza completa. La qualità audio è più che discreta per il prezzo a cui vengono venduti, e poi c'è l'ANC, la connessione multipoint, la resistenza a polvere e liquidi e perfino sensori di prossimità per il Play/pausa automatico. I microfoni non fanno miracoli e i controlli touch potrebbero essere più precisi, ma il rapporto qualità/prezzo è davvero ottimo.

Voto finale

Redmi Buds 5

Pro

  • Buona qualità audio per il prezzo
  • Resistenza a polvere e liquidi (certificazione IP54)
  • Play/Pausa automatico
  • ANC e modalità Trasparenza
  • Multipoint

Contro

  • Microfoni non all'altezza
  • Controlli un po' imprecisi
  • Custodia plasticosa
  • Companion app migliorabile

Giuseppe Tripodi
Giuseppe Tripodi Sono soprattutto una persona curiosa: mi piace imparare cose nuove e spiegare quel che so. Quindi scusatemi per gli articoli così lunghi. Spesso mi isolo dal mondo con grosse cuffie in testa, a leggere su un ebook reader o ascoltare un podcast, ma ho un cane di nome Dubbio che mi mantiene vigile e mi trascina al parco un paio di volte al giorno.
Mostra i commenti