Recensione TicWatch Pro 5 Enduro: tanta autonomia e tanta concorrenza interna

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Tech Master
Recensione TicWatch Pro 5 Enduro: tanta autonomia e tanta concorrenza interna

TicWatch Pro 5 Enduro è una versione leggermente aggiornata del TicWatch Pro 5 che abbiamo già recensito in queste pagine. Pertanto non faremo qui una descrizione completa di tutte le sue funzionalità, ma ci concentreremo sulle differenze, per capire cosa è cambiato in questo nuovo modello. Vi consigliamo di leggere la recensione completa per avere un quadro completo di tutte le possibilità.

PRO

  • Autonomia sopra la media
  • Hardware completo
  • Ricco di funzioni
  • Buona precisione dei rilevamenti

CONTRO

  • Poche novità significative
  • Niente Google Assistant
  • Schermo non troppo vivido nei colori
  • La versione standard costa molto meno

Ad un primo sguardo questo smartwatch è identico al predecessore, ma è studiandolo attentamente che si notano le differenze. Il cinturino, che avevamo criticato nel precedente modello, è ora in gomma fluorurata ondulata che rende il cinturino non più bello ma sicuramente più comodo da indossare. Si tratta comunque sempre di un cinturino da 24 millimetri sostituibile con uno a piacimento.

La corona laterale che funge anche da rotellina per la navigazione dei menù è poi ora leggermente più grande, mentre frontalmente la ghiera attorno al display ha una nuova trama a frecce che dovrebbe servire a renderlo più robusto. L'orologio usa alcune parti in acciaio, altre in alluminio 7000 e una fibra di vetro per la parte inferiore a contatto con la pelle.

Per il resto rimane il solito robustissimo TicWatch di sempre con le sue certificazioni IP68 e MIL-STD-810G anche per cadute, vibrazioni e urti. A proposito degli urti una delle più grandi novità di questo smartwatch è sicuramente il suo nuovo vetro protettivo zaffiro.

Questo prende il posto del precedente Gorilla Glass.

Gli schermi rimangono invece identici: 1,43", uno OLED con una risoluzione di 466 pixel diagonale e quello superiore LCD ultra low power per garantire che le informazioni più importanti siano sempre visibili in ogni condizione di luce senza dover necessariamente risvegliare il display principale che da solo è il più grande "ladro" di energia dello smartwatch. Questo display LCD mostra infatti le informazioni fondamentali, come i l'ora, i passi, la batteria residua e la data. Ruotando la corona è possibile anche mostrare il battito cardiaco e l'ossigenazione del sangue. Una delle novità software è anche che su questo display si possono mostrare anche le attività delle sessioni di attività fisica di Strava e Nike+, mentre prima era vincolato all'app sportiva di TicWatch, che è stata comunque aggiornata. Oltre a supportare oltre 100 modalità di allenamento è anche leggermente più semplice da utilizzare con un menù ridisegnato.

Non cambia l'hardware del dispositivo: Snapdragon W5+ Gen 1, 2 GB di RAM e 32 GB di memoria interna.

Non c'è una versione 4G/5G, ma c'è il Wi-Fi e ovviamente il Bluetooth. Non cambiano neanche i sensori per la salute che permettono di misurare battito cardiaco, ossigenazione del sangue, stress e ovviamente di monitorare non solo l'attività fisica ma anche il sonno. In modo del tutto automatico.

La versione del software rimane Wear OS 3.5, che non è la versione più recente. Fra le funzionalità più famose di questo software ci sono ovviamente quelle relative all'utilizzo di tutte le app pensate per il sistema operativo Google, con la possibilità di installare le preferite tramite Play Store. C'è anche Google Pay per i pagamenti e app molto utili come GMail, Google Maps, Spotify o WhatsApp. Cosa manca? Proprio come il suo gemello precedente manca l'assistente Google. Una mancanza magari piccola per qualcuno ma grande per chi vuole uno smartwatch Android completo al 100%. Sugli aggiornamenti Mobvoi, l'azienda dietro TichWatch, non sembra aver lavorato benissimo di recente.

La batteria di questo orologio rimane da 628 mAh, ma l'autonomia dovrebbe essere migliorata. Si parla di fino a 45 giorni in modalità essential (quindi con il solo schermo LCD attivo) e dai nostri test 3 giorni circa (con due notti) di utilizzo in una modalità ibrida più classica.

TicWatch Pro 5 Enduro rimane uno dei migliori smartwatch Wear OS per autonomia. E questa non è cosa da poco. In più abbiamo una ricarica rapida che in circa mezz'ora di carica può darvi l'autonomia sufficiente a superare quasi 2 giorni.

TicWatch Pro 5 Enduro quindi è davvero migliorato e il suo prezzo non è cresciuto, visto che parliamo di 359€. Lo trovate su Amazon. Controllate il box a seguire per eventuali cali di prezzo.

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un'affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato. Tutti i prodotti descritti potrebbero subire variazioni di prezzo e disponibilità nel corso del tempo, dunque vi consigliamo sempre di verificare questi parametri prima dell’acquisto.

Giudizio Finale

TicWatch Pro 5 Enduro

TicWatch Pro 5 Enduro è un piccolo, ma piacevole, aggiornamento del modello precedente. Il vero problema è il fatto che il modello precedente non aveva particolari difetti e oggi si trova oltre 100€ in meno. A meno che non abbiate necessità di una delle novità di questo Enduro vi consiglieremmo di optare sicuramente per l'opzione più economica.

Voto finale

TicWatch Pro 5 Enduro

Pro

  • Autonomia sopra la media
  • Hardware completo
  • Ricco di funzioni
  • Buona precisione dei rilevamenti

Contro

  • Poche novità significative
  • Niente Google Assistant
  • Schermo non troppo vivido nei colori
  • La versione standard costa molto meno

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Vivo nel mondo della telefonia dal Nokia 3210 e nel mondo di linux da Ubuntu 5.04. Ma quello che provo oggi qui su SmartWorld sono principalmente smartphone, smartwatch e prodotti per la smart home. Ma le mie passioni riguardano anche il LEGO e la musica elettronica.

Tutte le news sulla tecnologia su Google News
Ci trovi con tutti gli aggiornamenti dal mondo della tecnologia
Seguici