Recensione Turtle Beach Stealth 700 Gen 2 Max: funzionano su tutto!

Le Turtle Beach Stealth 700 Gen 2 Max sono delle cuffie wireless multipiattaforma dall'invidiabile versatilità: analizziamo punti di forza e di debolezza
Recensione Turtle Beach Stealth 700 Gen 2 Max: funzionano su tutto!
Giorgio Palmieri
Giorgio Palmieri

Recensione Turtle Beach Stealth 700 Gen 2 Max

Il settore delle cuffie gaming conta molti esponenti ma, se si decide di optare per i modelli wireless, la scelta si riduce sensibilmente. Guarda caso, le Turtle Beach Stealth 700 Gen 2 Max desiderano fornire una soluzione per chi desidera un headset multipiattaforma campione di versatilità, in quanto dispone sia di un ricevitore wireless, sia della tecnologia Bluetooth. Se è davvero l'eccellenza? Scopritelo insieme a noi.

PRO

  • Belle, comode, robuste
  • Super versatili
  • Ottimo microfono
  • Autonomia notevole

CONTRO

  • Sporadicamente gracchia
  • Software magrissimo
  • Bluetooth macchinoso
  • Prezzo importante

Confezione

Nonostante la fascia di appartenenza, le Stealth 700 Gen 2 Max non riservano alcuna sorpresa nella confezione: cuffie, manualistica essenziale, adesivo, un cavo di ricarica USB-C e il ricevitore wireless, null'altro. Considerando il possibile utilizzo Bluetooth, sarebbe stata gradita una custodia.

Costruzione e comodità

La scocca delle Stealth 700 Gen 2 Max è realizzata perlopiù in robusta plastica di qualità, con inserti e archetto estensibile in metallo rinforzato, per un peso di circa 385 grammi. La struttura esercita un po' di pressione, non troppa: aderisce e si modella grazie soprattutto ai cuscinetti in memory foam e gel refrigerante, tramite cui non scalda le orecchie, pur mantenendole avvolte. Torna poi ancora il design ProSpecs, marchio di fabbrica di Turtle Beach, che consente ai giocatori che indossano gli occhiali di utilizzare le cuffie in comodità.

Il microfono è integrato, di tipo flip-to-mute: risulta rigido, ma lo si può inclinare leggermente verso sinistra o destra una volta estratto. Il padiglione sinistro ospita, inoltre, tutta una serie di pulsanti e rotelle: i tre tasti servono per accendere/spegnere le cuffie, per attivare il Bluetooth e per modificare la modalità audio al volo. Le rotelle invece consentono di variare il volume e il ritorno della voce in cuffia. La distribuzione dei pulsanti non è comodissima e bisogna un attimo abituarsi alla loro posizione.

Come detto, parliamo di cuffie wireless multipiattaforma, sprovviste di jack e ricaricabili tramite USB-C. In più, è possibile ruotare i padiglioni e appoggiarli sulle spalle, chicca non da poco visto l'utilizzo wireless.

Funzionalità

Essendo multipiattaforma, e potendo contare sia sul dongle wireless, sia sul Bluetooth, le Turtle Beach Stealth 700 Gen 2 Max risultano estremamente versatili. Il ricevitore gode di una modalità ad-hoc per Xbox, ma basta spostare l'interruttore su USB per renderle compatibili con Nintendo Switch, PlayStation e PC. Se invece desiderate sfruttare la connettività Bluetooth, è sufficiente premere il piccolo tasto sul padiglione sinistro per attivare l'accoppiamento per iOS e Android.

Su PC, nei miei test, ci sono stati almeno quattro problemi di sincronizzazione in un mese di utilizzo, risolti semplicemente staccando e riattaccando il ricevitore. Notevole invece che la cuffia riesca a gestire contemporaneamente il flusso audio dal ricevitore e dal Bluetooth: questo significa che potrete ad esempio parlare con i vostri amici in chat vocale su PS5 e nel mentre ascoltare la musica dal vostro dispositivo mobile.

Software

Il lato software invece è abbastanza magro. Anzitutto il programma per PC lascia a desiderare e consente solo, o quasi, di aggiornare il firmware delle cuffie. Per poter intervenire sulle impostazioni, invece, bisogna affidarsi necessariamente all'app Turtle Beach Audio Hub, disponibile per Android e iOS.

L'applicazione è povera di opzioni e spiegazioni: si connette direttamente tramite Bluetooth alle cuffie e vi permette di modificare pochi elementi, scegliendo se dare priorità ai bassi o agli alti, se volete invece far risaltare la voce, o se personalizzare l'uscita come preferite. Si possono modificare anche gli input dei tasti e attivare la cancellazione del rumore per il microfono. Mi aspettavo una personalizzazione molto più ampia ed un software più smart considerando la tipologia di prodotto (per dire, a cosa serve aumentare il volume delle info vocali, come la batteria rimanente, a tal punto da essere distorti?).

In più, l'accoppiamento tramite Bluetooth non è intuitivo come invece dovrebbe essere. I pulsanti sono abbastanza macchinosi e, per avviare l'operazione di accoppiamento, la cuffia necessita di pressioni prolungate sui tasti che non sempre vengono riconosciute a dovere.

Qualità audio

Le Stealth 700 Gen 2 Max godono di unità Nanoclear da 50 mm al neodimio con risposta in frequenza 20Hz - 22kHz: era lecito aspettarsi i driver da 60 mm sperimentati dalle Recon 500, ma si è optato per un formato più classico.

La qualità audio è buona a prescindere dal tipo di impiego e stupisce la versatilità di utilizzo: sono valide per sentire musica, per lavorare e ovviamente per giocare, e sono in grado di fornire una fonte sonora bilanciata, senz'altro una delle migliori sentite tra le cuffie wireless che abbiamo posato sulle nostre orecchie. Come anticipato, non ho sentito il bisogno di intervenire sul bilanciamento di alti, medi e bassi. Ritorna poi la Superhuman Hearing, una modalità che va ad incrementare la resa audio degli effetti sonori: può risultare utile nei titoli competitivi, altrimenti è meglio disattivarla per non alterare il bilanciamento.

Purtroppo si presenta un problema saltuario quando il volume è al massimo, cioè un piccolo gracchio che speriamo possa essere risolto con gli aggiornamenti futuri. Fa la sua apparizione su qualsiasi piattaforma e sembra più insistente quando la si utilizza con il ricevitore.

Davvero ottima invece la resa del microfono, che può contare anche su un'opzione di cancellazione del rumore, la quale alleggerisce i rumori delle tastiere meccaniche. La miglioria non è profonda ma fa il suo dovere e riesce a far risaltare solo e soltanto la vostra voce.

Autonomia

Difficile chiedere di meglio dall'autonomia, visto che sono garantite 40 ore di riproduzione continuata. Le cuffie si spengono da sole nel caso non sia in esecuzione nessun suono da qualche minuto, in modo da preservare la batteria: peccato non sia possibile disattivare questa opzione o quantomeno scegliere il tempo dopo cui si disattivano.

Prezzo

Le Turtle Beach Stealth 700 Gen 2 Max arrivano sul mercato in due colorazioni, nera e blu cobalto, al prezzo di 199,99€. Un prezzo importante, senz'altro molto alto, quello da pagare per poter accedere ad un modello così versatile.

Turtle Beach Stealth 700 Gen 2 Max - Foto

Giudizio Finale

Turtle Beach Stealth 700 Gen 2 Max

Le Turtle Beach Stealth 700 Gen 2 Max sono belle, suonano bene, risultano comode e la loro natura poliedrica è invidabile: possono essere usate per qualsiasi cosa e per qualsiasi piattaforma, ma l'esperienza d'uso soffre di compromessi che è difficile accettare in un modello di cuffie premium. La macchinosità delle impostazioni, la magrezza del software e altri piccoli grattacapi qua e là non le rendono perfette, ma la versatilità che sfoggiano è un elemento che potrebbe scavalcare ogni problematica.

Sommario

Confezione 6

Costruzione e comodità 8

Funzionalità 8

Software 5

Qualità audio 7.5

Autonomia 9

Voto finale

Turtle Beach Stealth 700 Gen 2 Max

Pro

  • Belle, comode, robuste
  • Super versatili
  • Ottimo microfono
  • Autonomia notevole

Contro

  • Sporadicamente gracchia
  • Software magrissimo
  • Bluetooth macchinoso
  • Prezzo importante

Giorgio Palmieri
Giorgio Palmieri Ama scrivere di videogiochi e si occupa di info-commerce, ed è anche particolarmente bello. Almeno, così dice sua madre.
Mostra i commenti