Recensione Vivo V40: il ritorno in Italia

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Tech Master

Recensione Vivo V40

Vivo torna in Europa e lo fa con la serie V40. Questo che recensiamo oggi è il Vivo V40 il più completo dei due. Scopriamo lo smartphone in tutti i suoi dettagli nella nostra recensione completa.

PRO

  • Ottimo display
  • Leggero e sottile
  • Ottima autonomia e ricarica veloce
  • Buone fotocamere

CONTRO

  • Video non all'altezza delle foto
  • Vibrazione "economica"
  • Memorie non di ultima generazione
  • Prezzo di lancio non per tutti

Confezione

La confezione di questo smartphone non contiene particolari sorprese. Anzi, purtroppo l'alimentatore non viene incluso. All'interno abbiamo una cover protettiva e un cavo di ricarica.

Costruzione ed Ergonomia

Vivo V40 è uno degli smartphone più curati dal punto di vista del design che abbiamo potuto provare negli ultimi anni, quantomeno nella fascia media. Non è troppo pesante in mano (190 grammi) e soprattutto è molto sottile (7,58 mm) e comodo da tenere in mano e utilizzare, anche grazie soprattutto alla sua forma molto stondata e comoda nell'utilizzo quotidiano. Il retro è in un materiale plastico molto ben fatto che sembra proprio vetro al tatto (tanto che abbiamo dovuto chiedere conferma). No trattiene le impronte e ha il vantaggio sicuro di resistere meglio a eventuali cadute. Rispetto al passato Vivo V40 è poi resistente ad acqua e polvere secondo lo standard IP68, rendendolo estremamente completo anche da questo punto di vista.

La scheda tecnica di Vivo V40 è quella di uno smartphone di fascia media.

Abbiamo l'ottimo processore Snapdragon 7 Gen 3 octa core a 4 nanometri con frequenza di 2,68 GHz. Abbiamo poi una GPU Adreno 720 e ben 12 GB di RAM LPDDR4X. La memoria interna è poi tantissima: ben 512 GB. Ed è sempre importante ricordarselo quando si valuta il prezzo. Questa memoria è però UFS 2.2, quindi non con uno standard troppo veloce. Dai nostri test si è dimostrata comunque meglio della quasi totalità della memorie UFS 2.2 e per alcuni valori simile alle UFS 3.1 e noi possiamo confermare di non aver mai assistito ad alcun rallentamento tipico di smartphone che usano memorie di questo tipo.

Buona la connettività: Wi-Fi 6, Bluetooth 5.4, 5G e anche eSIM. Il lettore di impronte digitali all'interno dello schermo è veloce e preciso. Manca il jack audio per le cuffie e l'uscita video è solo USB-C 2.0, in linea con buona parte del mercato in questa fascia di prezzo. L'audio è stereo ed è comunque buono considerando le dimensioni del dispositivo.

Unica nota stonata la vibrazione che è "economica" nel feedback che restituisce.

Fotocamera

Vivo V40 ha equipaggiato questo smartphone di tre fotocamere da 50 megapixel, senza quindi scendere a compromessi sui sensori da utilizzare. La principale è una fotocamera stabilizzata otticamente con apertura ƒ/1.88, mentre la secondaria è una grandangolare ƒ/2.0. Chiude una fotocamera per i selfie sempre ƒ/2.0. All'appello manca chiaramente una fotocamera zoom, che sarebbe stata sicuramente apprezzata per uno smartphone che punta così tanto sui ritratti. Vivo ha però lavorato molto bene tramite software per sfruttare al meglio il sensore principale, offrendo scatti a 24, 35 o 50 millimetri (pur però sempre dallo stesso sensore). Tramite software abbiamo la possibilità di modificare l'effetto bokeh e soprattutto scegliere fra 7 preset Zeiss per come la luce dietro al soggetto deve essere gestita. Per scattare un buon ritratto bisogna che il soggetto non sia in movimento, ma per il resto fa quanto promesso, realizzando fra i migliori scatti di questo tipo fra tutti quelli che abbiamo avuto modo di vedere.

Anche con poca luce, grazie all'anello di luce posteriore chiamato Aura Light, che anche al buio permette di calibrare correttamente l'intensità dell'illuminatore e anche il suo colore, affinché il soggetto risulti naturale e mai bruciato. In tal senso Vivo V40 è unico e inimitabile in questo campo.

La qualità delle foto è veramente notevole, anche dalla fotocamera grandangolare che finalmente anche nella fascia media ha una risoluzione adeguata allo scopo, anche se a volte ha un bilanciamento colore leggermente meno preciso del sensore principale. Buone anche le foto di notte, anche se è sicuramente questo l'ambito i concorrenti di fascia superiore fanno meglio. Vi invitiamo comunque a prendere visione degli scatti che abbiamo realizzato. Di notte utilizzare la modalità notturna manuale vi permetterà di migliorare sensibilmente gli scatti che andrete a fare.

I video si registrano in 4K a 30fps ed è possibile passare anche alla grandangolare.

Sono più che discreti, anche se non raggiungono la qualità degli scatti. Pensiamo che degli aggiornamenti potrebbero migliorare la resa soprattutto dei colori e delle luci.

Display

Lo schermo di Vivo V40 è molto interessante. Si tratta di un AMOLED con risoluzione 1.5K, ovvero 1260 x 2800 pixel. Questo schermo ha tutte le carte in regola per essere un prodotto notevole: refresh rate fino a 120 Hz, luminosità di picco da 4.500 nit in HDR10+ e protezione Schott Xensation. Lo schermo è da 6,78". Dai nostri test possiamo confermare che lo schermo è di ottima fattura e la resa delle immagini è sempre eccezionale. Ancora una volta dobbiamo però far notare che si tratta di uno schermo leggermente curvo sui lati, soluzione, puramente estetica, che a qualcuno potrebbe non piacere.

Software

Vivo lancia questo V40 con all'interno Android 14 aggiornato con le patch di giugno 2024 e personalizzato con l'interfaccia FunTouchOS 14, ovvero il software che Vivo dedica al mercato europeo.

L'azienda promette per questo smartphone 2 nuove versioni software (quindi Android 16) e 4 anni di patch di sicurezza. Discreto, ma migliorabile come supporto nel futuro.

Il software è comunque fulmineo e scavando nei menù è possibile trovare un gran numero di opzioni e funzionalità, anche per quanto riguarda l'aspetto della personalizzazione, dove abbiamo voci come la modifica dell'animazione di ricarica o di sblocco tramite lettore di impronta posizionato sul display. È presente anche un menù laterale da cui aprire le app direttamente in finestra. C'è la funzionalità per clonare alcune app, c'è la modalità di gioco e di default è attivo il multi utente se più utenti volessero usare lo stesso dispositivo.

Il tutto è poi molto scattante e senza lag di sorta, andando in qualche modo a sconfessare quello che una memoria UFS 2.2 potrebbe far presagire in termini di velocità. L'azienda parla poi di un sistema avanzato di gestione della memoria che permette, senza impattare i consumi, di tenere in memoria oltre 40 app aperte.

Peccato per l'always-on display che a schermo bloccato può mostrare le notifiche di solo una piccola selezione di app.

Nota: nel video non sapevamo ancora la politica di aggiornamento di Vivo per questo smartphone.

Autonomia

La batteria di questo smartphone è da ben 5.500 mAh. Notevole per un prodotto così sottile e leggero. Lo smartphone garantisce senza problemi oltre un giorno di autonomia, anche vicino ai due giorni se l'utilizzo che ne facciamo è "medio". In più abbiamo anche la ricarica fulminea a 80W. Manca invece la ricarica wireless.

Prezzo

Vivo V40 arriva sul mercato a inizio luglio ad un prezzo di 599€. Si tratta di un prezzo adeguato a quello che lo smartphone offre, anche se è indubbio che alcuni concorrenti mettano sul piatto spesso delle promozioni più aggressive e che li rendono in questo senso preferibili. Vedremo come si comporterà Vivo sulla distribuzione dello smartphone con questo ritorno sul mercato e come gestirà eventuali sconti in futuro.

Giudizio Finale

Vivo V40

Vivo V40 è uno smartphone di fascia media veramente ben fatto: leggero, con un'ottima autonomia, ricarica rapida, buone fotocamere e ottimo display. Senza dimenticare impermeabilità e supporto eSIM. Speriamo che l'azienda vorrà supportare a lungo lo smartphone con gli aggiornamenti.

Sommario

Confezione 6

Costruzione ed Ergonomia 9

Hardware 7.5

Fotocamera 8

Display 8.5

Software 7.5

Autonomia 8

Prezzo 7

Voto finale

Vivo V40

Pro

  • Ottimo display
  • Leggero e sottile
  • Ottima autonomia e ricarica veloce
  • Buone fotocamere

Contro

  • Video non all'altezza delle foto
  • Vibrazione "economica"
  • Memorie non di ultima generazione
  • Prezzo di lancio non per tutti

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Vivo nel mondo della telefonia dal Nokia 3210 e nel mondo di linux da Ubuntu 5.04. Ma quello che provo oggi qui su SmartWorld sono principalmente smartphone, smartwatch e prodotti per la smart home. Ma le mie passioni riguardano anche il LEGO e la musica elettronica.
Vivo V40

Vivo V40

  • Display 6,78" 1260 x 2800 PX
  • Fotocamera 50 MPX ƒ/1.9
  • Frontale 50 MPX ƒ/2.0
  • CPU octa 2.65 GHz
  • RAM 12 GB
  • Memoria Interna 512 GB
  • Batteria 5500 mAh
  • Android 14

Gruppo Facebook

Community SmartWorld +15k
Confrontati con altri appassionati di tecnologia nel gruppo segreto
Entra