XGIMI HORIZON Ultra Recensione: un proiettore ultra-tecnologico (forse anche troppo)

Nicola Ligas
Nicola Ligas Tech Master
XGIMI HORIZON Ultra Recensione: un proiettore ultra-tecnologico (forse anche troppo)

XGIMI aggiorna la serie Horizon, quella dedicata ai suoi modelli di punta con tecnologia DLP, con un nuovo proiettore, che si colloca di diretto al vertice della linea.

Non solo la qualità visiva, ma anche il design sembrano stati oggetto di particolare attenzione da parte del produttore cinese, che continua però ad avere un tallone d'Achille ormai inspiegabile. Vi spighiamo tutto, nella nostra recensione di XGIMI HORIZON Ultra.

PRO

  • Design ricercato
  • Ottimi automatismi
  • Si vede anche di giorno
  • Buon audio

CONTRO

  • Prezzo elevato
  • Ma davvero ancora niente Netflix?
  • Portatile fino a un certo punto
  • Dolby Vision poco incisivo

Unboxing

È una confezione elegante, a suo modo, e molto ordinata, quella che ospita XGIMI HORIZON Ultra. I colori della scatola richiamano quelli del proiettore stesso, e dentro non ci sono spazi sprecati.

Il proiettore è ben imballato, il che non guasta mai visto quanto costa, e al di sotto di lui ci sono alimentatore e telecomando pronto all'uso, con 2 batterie AAA incluse. Non manca ovviamente anche la manualistica del caso. Partiamo bene insomma!

Costruzione

Rispetto ai precedenti modelli della serie HORIZON (qui trovate ad esempio la recensione del Pro 4K), XGIMI ha lavorato molto sul design. Colori, materiali, finiture: tutto è stato completamente rivisto, tanto che, di primo acchito, HORIZON Ultra non sembra nemmeno un proiettore.

Lo potete infatti scambiare per uno speaker, visto il tessuto che copre la parte frontale e nasconde alla vista lenti e sensori. Questo sportellino a scorrimento si apre e si chiude da solo all'accensione / spegnimento del proiettore, contribuendo sia a tenere la lente al riparo da polvere e possibili urti, che al design generale, che risulta così più pulito e omogeneo.

Il colore perlaceo di HORIZON Ultra si amalgama bene ai toni di una comune parete, e risalta molto meno del nero impiegato sui precedenti modelli. Mettetelo insomma su una mensola in salotto e non attirerà troppo lo sguardo, magari contornato da qualche libro: potrebbe persino risultare elegante e a suo agio.

In tutto ciò dobbiamo però ricordarvi una cosa: l'alimentatore. Come vedete dalla foto qui sopra, e dalle altre qui sotto, le sue dimensioni sono tutt'altro che contenute, e il cavo in dotazione non è nemmeno dei più lunghi (ma almeno è tutto perfettamente in tinta).

Alla fin fine insomma la collocazione nella stanza di un proiettore di questo tipo va sempre un po' ragionata, ma per fortuna sulla base c'è anche una vite per treppiedi, in modo che in caso di necessità possiate avvalervi di un supporto di questo tipo.

Davvero abbondanti poi le porte presenti sul retro: LAN, 2 USB-A 2.0, 2 HDMI 2.1 (una con eARC, ideale per soundbar Dolby Atmos), uscita ottica e jack audio.

Telecomando

Il telecomando è forse uno degli aspetti sui quali XGIMI si è concentrata di meno, e un po' ci dispiace, perché al contrario di un TV box generico, dove spesso il telecomando della TV può anche bastare, qui si tratta di un elemento irrinunciabile.

I tasti presenti sono un po' il minimo sindacale: ci sono quelli per spostarsi nell'interfaccia di Android TV, il pulsante per dialogare con Assistant, quelli per il volume, e quello per forzare la messa a fuoco; manca ad esempio un tasto analogo per richiamare la correzione del trapezio, che è sì automatica (volendo), ma che non sempre scatta da sola quando dovrebbe, e allora ecco che dovrete avventurarvi nei menu per forzarla.

E questi sono solo due esempi banali, ma in generale manca proprio qualche comando aggiuntivo specifico per le peculiarità del proiettore: così sembra un telecomando generico che può valere bene o male per qualsiasi proiettore o quasi.

E poi manca del tutto la retroilluminazione e il feedback alla pressione non è molto marcato, tanto che muovendosi con l'anello centrale senza guardarlo può anche capitare di sbagliare qualcosa.

In compenso il telecomando è ben costruito e ben bilanciato, ma rimane comunque perfezionabile sotto vari aspetti.

Hardware

XGIMI HORIZON Ultra  quanto di buono avevamo già visto in HORIZON Pro, e lo esalta ancora di più, a cominciare dalla sorgente ibrida LED / Laser, che apporta miglioramenti sotto diversi punti di vista. Ecco infatti un breve sunto delle sue specifiche.

  • Proiezione: DLP DMD (0,47''), 3.840 x 2.160 pixel, rapporto di proiezione 1,2-1,5:1 (da 40 a 200 pollici), HDR10, HLG, Dolby Vision
  • Luminosità: 2.300 ISO Lumen (più di 2.800 ANSI Lumen)
  • Speaker: 2x 12W Harman Kardon, DTS-HD, Dolby Audio, Dolby Digital (Plus)
  • Processore: quad-core a 1,2 GHz ARM Cortex-A55, con GPU Mali G52
  • RAM: 2 GB
  • Memoria interna: 32 GB
  • Porte: 2x HDMI 2.1, 2x USB-A (alimentazione), uscita ottica, jack audio, LAN
  • Connettività Wireless: Wi-Fi 6, Bluetooth 5.2 LE
  • Peso: 15,2 Kg circa
  • OS: Android TV 11 (patch di ottobre 2023)

Come funziona

Al netto della rivoluzione nel design, anche la qualità visiva è stata oggetto di molte attenzioni.

La risoluzione nativa di 4K UHD (3.840 x 2.160 pixel) permette di avere immagini sempre molto nitide e dettagliate (sorgente permettendo ovviamente), ma ciò che più balza all'occhio nel confronto con HORIZON Pro 4K (che utilizzo ormai da un paio di anni) è la migliorata gestione del colore.

Abbiamo infatti diverse opzioni prima non presenti, tra le quali una per l'elevata precisione del colore, che regola automaticamente le impostazioni relative a luminosità e colore e i parametri personalizzati della modalità immagine per ottenere quella che dovrebbe essere la resa più accurata possibile.

Inoltre è possibile regolare automaticamente la luminosità in base alla luce ambientale, una funzione che torna particolarmente utile se utilizzate il proiettore sia di giorno che di notte. Ma soprattutto, grazie ai nuovi sensori presenti, è possibile regolare il bilanciamento del colore in base alla parete su cui state proiettando, dato che non tutti i muri hanno la stessa tinta, preservando così al massimo la qualità.

La tecnologia Dual Light, che combina luce laser (assente nel modello precedente) e LED, è responsabile di buona parte dei miglioramenti di cui abbiamo parlato, in particolare in merito alla gamma di colori, alla maggiore luminosità e alla precisione del colore. Questo sistema ibrido permette all'HORIZON Ultra di offrire il display più luminoso di XGIMI a oggi su un proiettore di questo tipo, con 2300 ISO lumen, contro i 1.500 di HORIZON Pro 4K.

Questo significa che potete usare abbastanza tranquillamente HORIZON Ultra anche di giorno, laddove il precedente proiettore di XGIMI stentava un po' di più; anche se qualsiasi proiettore al mondo dà il meglio solo in condizioni di scarsa/assente luminosità ambientale (un proiettore può solo aggiungere luce, non sottrarla, quindi qualunque altra fonte di luce non farà altro che diminuire l'efficacia del nero e il contrasto generale: anche i cinema sono completamente bui per una ragione!).

Sempre in un'ottica di uso diurno segnaliamo anche la funzione Turbo Light, che in presenza di forte luce ambientale aumenta automaticamente la luminosità, e utilizzando lo zoom ottico l'area di proiezione viene ridotta fino al 20%, per offrire la migliore qualità anche in condizioni critiche. È una buona soluzione, che dona ulteriore flessibilità a un proiettore già pensato per essere usato ovunque, ma ripetiamo che non è in queste condizioni che andrebbe impiegato in modo prevalente.

Ci sono poi tutti gli automatismi intelligenti cui XGIMI ci aveva già abituato, come la correzione automatica del trapezio, la messa a fuoco automatica, l'adattamento intelligente dello schermo, che evita anche eventuali ostacoli sul percorso di proiezione, e la protezione intelligente degli occhi, e in più lo zoom, come già accennato, è ora ottico, senza quindi perdita di qualità (per quanto limitato).

Un'altra novità importante, almeno sulla carta, è il supporto Dolby Vision, anche se nella pratica questo non ha apportato grandi miglioramenti.

Paradossalmente, e in modo forse contro-intuitivo, i benefici del Dolby Vision si vedono più sui modelli di fascia bassa meno luminosi; in questo caso, nel confronto con il modello precedente, non siamo riusciti a vedere particolari benefici imputabili al Dolby Vision stesso, piuttosto che al proiettore in generale.

È stata introdotta anche una modalità gioco a bassa latenza (meno di 18ms), che funziona solo con sorgenti HDMI (leggasi: console). Al netto del fatto che collegare una console al proiettore non è sempre banale (a seconda di dove il proiettore è posizionato), i colori in questa modalità sono assai meno fedeli rispetto alla modalità film e fin troppo saturi. È senz'altro voluto e capiamo anche il perché, non siamo però sicuri che l'effetto finale sia esattamente il migliore.

L'audio integrato è di buona qualità, con suono chiaro nei dialoghi e ben bilanciato tra alti e bassi; anche la potenza raggiunta è più che sufficiente per una stanza di medie dimensioni.

Detto questo, per avere un "l'effetto cinema" completo ci vuole per forza un impianto audio dedicato, possibilmente Dolby Atmos per sfruttare la eARC.

Anche perché, se vi affidate agli speaker integrati, c'è sempre il problema, comune a tutti i proiettori a lampada, della provenienza del suono. Se il proiettore è dietro di voi lo sentirete molto lontano dal punto di origine delle immagini, e questo è un po' straniante per chi sia abituato alla visione su TV. Già meglio se riusciste a mettervelo a fianco: per questo tornano utili tutti gli automatismi di cui prima, che consentono di posizionare HORIZON Ultra un po' dove volete, anche angolato rispetto alla parete di proiezione (con buona pace dei puristi però, perché così perderete per forza di qualità).

Un po' come il modello precedente insomma, HORIZON Ultra cerca di fare bene tutto, e ci riesce meglio, ma ogni scelta porta con sé anche dei compromessi.

Avere Android TV integrato è un vantaggio, ma il sistema non è dei più fluidi che ci siano (una Fire TV Stick 4K Max o un Chromecast con Google TV risultano migliori da questo punto di vista) ed è ancora una volta privo di Netflix. XGIMI dice di essere al lavoro da anni su questa certificazione, e finché si trattava di un'azienda agli esordi potevamo dare la colpa alla severità di Netflix, ma ormai è passato parecchio tempo, e perché un semi-sconosciuto marchio cinese ci riesce alla prima e lei ancora no?

Allo stesso modo, il posizionamento intelligente è comodo soprattutto per chi sposti spesso il proiettore, e in pochi secondi si ritrova con l'immagine pronta, ma se pensate di non muoverlo mai è praticamente inutile; e non stiamo parlando di un modello così piccolo e leggero che invogli a usarlo molto in mobilità (tenete conto anche del generoso alimentatore di cui dicevamo fin dall'inizio).

Inoltre, per avere la migliore qualità possibile, il proiettore andrebbe comunque posizionato frontalmente rispetto alla parete di proiezione; questo a prescindere.

Se poi parliamo solo e soltanto di qualità dell'immagine siamo su un livello alto per un proiettore di questo tipo, ma non insuperabile in questa fascia (magari rinunciando alle altre comodità di cui abbiamo appena parlato), sia in termini di luminosità, che di resa complessiva.

Dovete insomma prima di tutto decidere che tipo di proiettore volete. Se cercate un modello da mettere su una mensola in salotto e da non toccare mai più è meglio che vi guardiate anche attorno, se invece volete un modello più versatile, da portare magari in vacanza o che possiate spostare da una stanza all'altra all'occorrenza, allora lì HORIZON Ultra ha pochi rivali.

Nota: le immagini qui sotto non gli rendono giustizia, ma è praticamente impossibile catturare bene un proiettore; il livello di dettaglio è però ben evidenziato.

Prezzo

Il prezzo di listino di HORIZON Ultra è di 1.899€, duecento euro in più di Horizon Pro al lancio, quindi è in fondo in linea con le migliorie apportate su tutta la linea. C'è da dire che quest'ultimo ora si trova a meno di 1.200€, e la differenza di prezzo non è quindi poca.

Optoma in particolare ha in catalogo alcuni proiettori tecnicamente superiori, che costano anche un po' meno, ma sono del tutto privi della parte smart, che può comunque essere sostituita dalla classica Fire TV Stick / Chromecast; come sempre è una questione di compromessi / esigenze personali.

Purtroppo al momento non ci sono grossi sconti da segnalare su HORIZON Ultra, ma è solo una questione di tempo: la differenza di qualità rispetto al modello precedente c'è, e si vede sia con poca che con tanta luce ambientale, ma al contempo potrebbe non valere l'investimento per tutti gli utenti, a seconda dell'utilizzo che ne verrà fatto.

Non appena ci saranno offerte interessanti ve le segnaleremo qui, e sul nostro gruppo Telegram.

Canale Telegram Offerte

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un'affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato. Tutti i prodotti descritti potrebbero subire variazioni di prezzo e disponibilità nel corso del tempo, dunque vi consigliamo sempre di verificare questi parametri prima dell’acquisto.

Giudizio Finale

XGIMI HORIZON Ultra

XGIMI HORIZON Ultra è un concentrato di tecnologia, che gli consente di essere a suo agio pressoché in ogni situazione. Non importa dove lo mettete, non importa se lo spostate, se ci sono le finestre aperte, se non avete una soundbar dedicata: lui dà sempre il massimo, e in molti casi riesce anche a stupire. Per chi cerchi un proiettore da usare in più situazioni diverse è senz'altro un vantaggio unico, ma se invece volete un dispositivo da piazzare in salotto e non muovere più, allora potrebbe non essere la scelta migliore.

Sommario

Unboxing 8

Costruzione 9

Telecomando 7

Hardware 8.5

Come funziona 8.5

Prezzo 6.5

Voto finale

XGIMI HORIZON Ultra

Pro

  • Design ricercato
  • Ottimi automatismi
  • Si vede anche di giorno
  • Buon audio

Contro

  • Prezzo elevato
  • Ma davvero ancora niente Netflix?
  • Portatile fino a un certo punto
  • Dolby Vision poco incisivo

Nicola Ligas
Nicola Ligas Ciao, sono Nicola Ligas, e sono caporedattore di SmartWorld.it. Sono appassionato di notebook, TV e home cinema, action cam, mobilità elettrica, e in generale di tutti quei prodotti che possono rendere più comoda la nostra vita. Se non mi trovate qui a scrivere, probabilmente sto giocando (con mio figlio).

Il canale degli sconti tech +50k
Tutti i migliori sconti e coupon per la tecnologia
Seguici