Xiaomi Mi Band 2, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti

Xiaomi Mi Band e Xiaomi Mi Band 1S (conosciuta anche come Pulse) hanno sicuramente dato un forte scossone al mondo dei bracciali smart, considerando sopratutto il fatto che il prezzo a cui vengono proposti è drasticamente più contenuto della concorrenza. Una evoluzione dotata di display era attesa a gran voce ed eccola qui, con il nome di Xiaomi Mi Band 2.

Se volete scoprire altre smartband potete farlo nella nostra lista delle migliori smartband.

PRO

  • È dotata di display
  • Buona autonomia
  • Software migliorato
  • Ottimo prezzo

CONTRO

  • La parte relativa al fitness è imperfetta
  • Il cinturino è di media qualità
  • La compatibilità con le notifiche delle app è molto variabile
  • Ancora non c'è supporto per le app di terze parti

Confezione

La confezione non cambia: corpo di Mi Band 2, un bracciale in silicone (robusto ed essenziale), e il piccolo accessorio con porta USB per la ricarica.

Costruzione e vestibilità

Sì, Mi Band 2 è leggermente più grande dei suoi predecessori, ma la realtà è che non cambia poi molti per quanto riguarda la vestibilità e la comodità di indossarne uno ogni giorno. L'aggancio della clip all'interno dei fori è saldo e se vi siete trovati bene con una Mi Band in precedenza vi troverete bene anche con questo. Per chi non ha mai indossato un bracciale simile, è una soluzione semplice e discreta e non impatterà con il vostro modo di vestire quotidiano. Se invece siete più estroversi, siamo convinti che il mercato degli accessori per Mi Band 2 esploderà, così come è esploso quello per il modello precedente. Ottimo poi il fatto che sia resistente all'acqua e alla polvere secondo lo standard IP67, garantendogli di sopravvivere anche sotto la doccia.

Hardware

Come buona parte dei smartband, anche per Mi Band 2 non è conosciuto l'hardware al suo interno, ma la realtà è che poco importa. Quello che dovrete sapere è che è dotato di Bluetooth 4.0 low energy e che sulla parte opposta rispetto allo schermo è presente un sensore di battito cardiaco, abbastanza preciso nelle rilevazioni, quando ci riesce. È sopratutto durante l'attività sportiva che purtroppo fallisce nel rilevamento. Non è presente l'NFC.

Display

La vera novità di Mi Band 2 è la presenza di un display OLED da 0,42" sulla parte frontale. Questo, quando ruotiamo il polso, mostra l'ora e poi tappando sul piccolo cerchio sotto il display (che non è un vero tasto) si scorrono le varie informazioni che si è scelto di mostrare dalle impostazioni: passi, chilometri percorsi, calorie bruciate, misurazione del battito cardiaco e stato della batteria. Lo schermo è ben visibile in ambienti neutri, mentre è forse un po' troppo luminoso al buio e un po' poco luminoso in una giornata di sole, ma riuscirete comunque a distinguere quanto mostrato.

Software

Per la prima volta abbiamo un "software" di cui parlare anche sul prodotto stesso: non c'è quasi nulla che potrete fare di interazione direttamente dal prodotto, se non "ruotare" fra le varie schermate e, se vi fermerete su quella del battito cardiaco iniziare una rilevazione.

L'applicazione per smartphone si è evoluta molto negli ultimi mesi e la versione che trovate negli store ufficiali non ha molto da invidiare alla beta che si può trovare per Android. La prima schermata di mostrerà i dati relativi allo stato attuale della nostra attività fisica indicandovi i passi realizzati, i chilometri percorsi e le calorie bruciate. Sotto troverete gli ultimi dati del sonno, di peso (da inserire a mano con la bilancia Xiaomi) l'ultima rilevazione del battito cardiaco e le statistiche degli ultimi giorni (con messaggi motivazionali. Premendo su queste voci entrerete nel dettaglio dei dati, dove potrete vedere se avete dormito sonno profondo o leggero (è più preciso se autorizzate l'uso del lettore di battito cardiaco), la cronologia del vostro peso e del vostro battito cardiaco.

La voce Riproduci è in realtà relativa alle notifiche che potrete visualizzare sulla Mi Band 2. Le applicazioni che potrete scegliere sono molte, ma non tutte e, in base al dispositivo utilizzato potreste (o meno) selezionare app come Whatsapp e Facebook . Questo vale su Android, mentre su iOS le app che possono inviare notifiche sono poche e ben definite: WeChat, Facebook, Twitter, Snapchat e Whatsapp. Purtroppo su Android abbiamo notato come più app condividano lo stesso simbolo di notifica (una bustina), mentre su iOS vi è una notifica personalizzata, ma abbiamo avuto problemi di notifca con alcune app. Tra le altre funzionalità abbiamo le notifiche per le chiamate, la sveglia, la notifica di inattività, gli SMS e le notifiche su un obiettivo di fitness raggiunto. Al momento le app di terze parti non sono ancora compatibili, ma speriamo che possano integrare notifiche differenti per tipologia di app: esserne certi ora è però impossibile (non esistono API pubbliche).

Dall'applicazione potrete poi accedere al vostro profilo, da dove è possibile anche cambiare altre impostazioni, come il braccio su cui indossiamo Mi Band o l'attivazione o meno dell'ora quando ruotiamo il braccio. Presente anche la possibilità di trovare la Mi Band dall'app o la possibilità di aggiungere amici da seguire. Purtroppo la funzione di registrazione dell'attività di fitness (che sfrutta anche il GPS del telefono) non permette di rivedere il proprio storico visto che l'applicazione va in crash.

Android

iOS

Autonomia

La batteria da 70 mAh garantisce, secondo i nostri test circa 30 giorni con una singola carica, realizzando un'attività fisica di circa 45/60 minuti ogni 3 giorni e con le notifiche per due app attivate. Può variare ovviamente in base al tipo di utilizzo, ma rimane comunque un ottimo risultato considerando la concorrenza, anche se comunque inferiore rispetto al passato.

Prezzo

Xiaomi Mi Band 2 viene venduto online con prezzi che variano fra i 30 e i 40€. Sicuramente questi prezzi scenderanno nei prossimi mesi, ma sono comunque un ottimo punto di inizio per un prodotto che nella sua fascia rimane ancora uno dei più economici.

Acquisto

Noi abbiamo comprato Mi Band 2 da tre diversi store (sì, la volevamo in tanti) e tutti ci hanno garantito un arrivo rapido e senza dogana:

Foto

Confronto con Mi Band 1S

Giudizio Finale

Xiaomi Mi Band 2

Xiaomi Mi Band 2 non è una rivoluzione, ma, esattamente come Mi Band 1S, una giusta e dovuta evoluzione di un ottimo prodotto. Non è ovviamente privo di difetti e ci sono degli ambiti meno precisi (come la rilevazione del battito cardiaco), ma il prezzo giustifica quasi tutto. Il punto più forte di questa Mi Band 2 è probabilmente però la potenzialità, con gli accessori che potrebbero arrivare e le app di terze parti che potrebbero diventare compatibili.

Sommario

Confezione 7

Costruzione e vestibilità 8

Hardware 7.5

Display 7.5

Software 8

Autonomia 8.5

Prezzo 8.5

Voto finale

Xiaomi Mi Band 2

Pro

  • È dotata di display
  • Buona autonomia
  • Software migliorato
  • Ottimo prezzo

Contro

  • La parte relativa al fitness è imperfetta
  • Il cinturino è di media qualità
  • La compatibilità con le notifiche delle app è molto variabile
  • Ancora non c'è supporto per le app di terze parti

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Vive nel mondo della telefonia dal Nokia 3210 e nel mondo di linux da Ubuntu 5.04. Se potesse vivrebbe anche in un mondo di Lego e in uno di musica elettronica.

Commenta