8.9

Recensione Zhiyun Crane 2: gimbal per DSLR e mirrorless, in odore di cinema (foto e video)

Nicola Ligas -




Recensione Zhiyun Crane 2

Zhiyun Crane 2 è uno strumento per fotografi e videomaker. Inutile cercare di girarci attorno spacciandolo per qualcosa di più commerciale, perché non lo è. Se quindi, per esigenze di lavoro o per passione, steste cercando un modo per realizzare video in movimento ma fluidi, con qualità davvero cinematografica, l’avete trovato.

9.0

Confezione

Bella la confezione del Crane 2, che è in sostanza un’unica valigetta di trasporto del gimbal stesso. Non si tratta infatti di un’accessorio né piccolo né leggero, tanto che la valigetta è quasi d’obbligo. Al suo interno troverete anche una tracolla, il supporto di ricarica per le tre batterie, e tanti cavi per collegare le fotocamere Canon, Sony e Panasonic al gimbal stesso. Questi servono per controllare le impostazioni di scatto senza nemmeno toccare la fotocamera. Infine abbiamo anche un treppiedi, da avvitare sulla base del gimbal per tenerlo fermo in posizione.

Cosa manca? L’unica cosa che è venduta a parte: una maniglia (sembra un manubrio, per capirsi) per impugnare il gimbal a due mani. Il peso del Crane 2 (poco meno di 1,5 Kg) più fotocamera (consigliate avere fotocamere da almeno 1 Kg per ragioni di bilanciamento) è infatti difficile da sostenere a lungo.

8.5

Costruzione

Zhiyun Crane 2 è un prodotto di qualità, costruito in maniera solida. Non vi darà mai l’impressione di qualcosa di cheap, dato il largo impiego di metallo. Ci sono delle parti gommate, in particolare nella sezione ruotante, ma è giusto che siano così, sia per un fatto di leggerezza, che per ammortizzare meglio il carico.

Unica critica: nonostante sul fianco siano presenti un paio di porte, tra le quali una per ricaricare fotocamera Canon, non c’è una porta per ricaricare il gimbal stesso. Dovrete svitare la base del Crane 2, estrarre le tre batterie al suo interno, e ricaricarle a parte, tramite un accessorio con due porte micro USB, ciascuna da alimentare in modo indipendente. Decisamente poco pratico, anche se per fortuna l’autonomia è buona.

Ci sono quattro levette che regolano la posizione ed il bilanciamento della fotocamera sul gimbal stesso. Non abbiamo mai avuto la sensazione di un cedimento o che la presa di una di queste fosse poco sicura. Al contempo però basta spostare di pochissimo uno dei bracci per sbilanciare tutta la struttura. Ed ogni volta che toglierete la fotocamera dovrete sostanzialmente ripetere da capo il bilanciamento (una volta presa la mano, ve la caverete in meno di un minuto). Di nuovo: non è un prodotto immediato e destinato al mercato consumer.

C’è però un elemento piacevole in tutto ciò. La piastra di supporto, quella che regge la fotocamera, è standard Manfrotto. Manfrotto è probabilmente il più famoso produttore di treppiedi e accessori per la fotografia al mondo, ed il pubblico cui è indirizzato il Crane 2 avrà senz’altro dei suoi prodotti. Questo vi permette di sganciare la fotocamera dal gimbal di Zhiyun e posizionarla al volo su una bella testa fluida Manfrotto (per es.), per continuare le vostre belle riprese smooth da un’altra parte.

Crane 2 supporta fotocamere DSLR e mirrorless fino a 3,2 Kg. Canon EOS, Panasonic Lumix, Sony ILCE ed alpha, Nikon D. I nomi più prestigiosi ci sono, ma se da una parte montare la fotocamera sul gimbal non sarà difficile nella maggior parte dei casi, dall’altra non è detto che tutte queste possano avvalersi dei controlli manuali sul gimbal, come vedremo a breve.

9.0

Qualità ed esperienza d'uso

Come abbiamo voluto evidenziare fin da subito, Zhiyun Crane 2 è uno strumento per creativi. Non crea bei filmati a prescindere; vi permette di crearli, se avrete l’idea giusta. Sì perché la qualità della sua stabilizzazione è davvero ottima, tanto che riuscirete facilmente a posizionare la fotocamera in punti e modi non fattibili a mano libera.

Uno dei punti di forza del Crane 2 sono i controlli sul manico del gimbal. Collegando la vostra fotocamera con uno dei cavi in dotazione, potrete variare ISO, tempi, diaframma ed esposizione senza toccare la fotocamera stessa. Potrete scattare foto ed avviare e fermare la registrazione di video. Si tratta di una comodità non indifferente, che vi svincola dall’uso di altri accessori, a tutto vantaggio dell’immediatezza. Il monitor della fotocamera rimane inoltre molto visibile, quindi avrete tutta la situazione sotto controllo. Se non bastasse, c’è anche un piccolo display OLED sul manico del Crane, sempre leggibile anche sotto la luce del sole, in grado di riassumere tutte le impostazioni di scatto.

Tramite il tasto “mode”, potrete variare le tre modalità di controllo disponibili. Following mode, col gimbal che segue il mostro movimento naturale, pan following mode, con la fotocamera che si sposta a destra e sinistra mantenendo bloccati gli altri assi, e locking mode, che blocca tutti e tre gli assi

Con il joystick presente potrete muovere la fotocamera in maniera fluida, regolando la velocità e l’accelerazione del movimento tramite l’app a corredo. Realizzare movimenti fluidi diventa così davvero facile, sia impugnando il gimbal, che sul treppiedi.

Infine, la grande rotella laterale che vedete qui sopra, serve a regolare al volo la messa a fuoco. Il Follow Focus è una vera e propria killer feature, perché vi permette riprese altrimenti impossibili, ed un controllo sul soggetto inquadrato che difficilmente potreste raggiungere con un autofocus.

Per darvi un’idea di cosa è possibile fare con uno strumento del genere, vi lasciamo un breve video promozionale che saprà illustrarne bene le potenzialità, meglio di mille parole.

Tanti controlli utili insomma, ma non per tutti. Tornando infatti al discorso compatibilità, cui abbiamo accennato nella sezione precedente, Zhiyun, nel manuale utente del Crane 2 (qui il PDF), parla solo di alcuni modelli. Anziché stare ad elencarli, facciamo prima a riportare la tabella in questione qui sotto. Noi abbiamo provato il gimbal con una Canon EOS 70D, ed il risultato è stato perfetto, ma come vedete i produttori elencati sono soltanto 3, e sono gli stessi che troviamo anche nelle impostazioni del gimbal. Se non avete quindi una macchina Canon, Sony o Panasonic, difficilmente potrete sfruttare tutti i controlli sul manico di cui abbiamo parlato finora.

8.0

App

L’app ZY Play, disponibile per Android ed iOS, replica in parte i controlli presenti sul manico, e vi permette di muovere il gimbal e scattare con la fotocamera. Si tratta di una bella comodità, soprattutto in situazioni nelle quali volete fare tutto da soli, perché in pratica è come avere un telecomando.

Le varie funzioni dell’app sono un misto di intuitivo e frustrante, in particolar modo a causa della grafica non certo moderna e di qualche possibile impuntamento. In generale le cose funzionano, ma non possiamo dire “sempre”, tanto che nei movimenti più complessi, quelli panoramico-sferici per capirsi, qualche volta il gimbal è “impazzito” e l’abbiamo dovuto spegnere e riaccendere per tornare ad usarlo come si deve.

L’app rimane comunque un valido aiuto, anche perché vi permette di regolare delle impostazioni altrimenti inaccessibili. Parliamo in particolare della velocità con cui il gimbal segue i vostri movimenti, che potrete regolare a piacimento ed in modo indipendente per tilt, roll e pan. Il livello di smoothness, le zone morte e la velocità dei movimenti in generale, sono tutti personalizzabili con l’app, che potrete anche usare per ricalibrare il gimbal.

Si tratta insomma di un valido supporto, cui manca però un po’ più di stabilità e magari una svecchiata alla grafica.

9.0

Autonomia

Abbiamo parlato prima del sistema un po’ macchinoso per ricaricare Zhiyun Crane 2. Per fortuna però l’autonomia è buona. L’azienda parla di 18 ore massime, che forse sono un po’ tante, soprattutto utilizzando molto e attivamente i controlli sul manico. Tra l’altro finirete ben prima la batteria della vostra fotocamera di quella del Crane 2, che infatti, come abbiamo detto, può anche ricaricare la fotocamera stessa.

Insomma, l’autonomia non è per fortuna una di quelle cose di cui preoccuparsi. In ogni caso il display OLED segnalerà a grandi linee il livello di carica delle batterie, giusto per evitare di farsi cogliere alla sprovvista.

8.5

Prezzo

Zhiyun Crane 2 ha un prezzo di circa 620€, un minimo variabile a seconda dello store da cui andrete a prenderlo. Il nostro viene da TomTop, che lo propone a questo prezzo e con spedizione gratuita. Si tratta di un’ottima cifra, per quanto non certo stracciata, in rapporto anche alla concorrenza più blasonata, che propone facilmente cifre anche doppie per questo tipo di prodotti. E questa volta Zhiyun ci ha messo davvero tutta la qualità di cui è capace.

Offerta fino al 09/04/2018

Usando il codice sconto WL5016D sul sito TomTop potrete avere uno sconto di 41,50€ che porta il prezzo finale a 580,17€.

Foto

Giudizio Finale

Zhiyun Crane 2

8.9

Zhiyun Crane 2

Cercate un ottimo gimbal per la vostra reflex? Zhiyun Crane 2 è un'ottima scelta. Efficace, relativamente economico e ricco di funzioni. Non è un prodotto per tutti, probabilmente solo per addetti ai lavori e non per appassionati. Ma chi siamo noi per sindacare sul valore delle vostre passioni? Procuratevi quindi un Crane 2 e date libero sfogo alla vostra creatività!

di Nicola Ligas
Pro
  • Qualità costruttiva
  • Qualità stabilizzazione
  • Ricco di funzioni
  • Buon prezzo
Contro
  • Non immediato
  • App migliorabile
  • Pesante
  • Per pochi