All’ex amministratore delegato di Netflix non piace per niente Apple TV+

Vito Laminafra Ma parla bene di Disney+

In una recente intervista a Yahoo FinanceMarc Randolph, co-fondatore ed ex CEO di Netflix, ha parlato di quelli che sono i competitor della piattaforma e di come questi si stiano muovendo per “contrastare” il dominio del colosso americano.

LEGGI ANCHE: Boris 4 ufficiale su Star di Disney+

Randolph ha criticato molto il sistema adottato da Apple con il suo servizio di streaming: offrendolo gratuitamente per un anno a chi acquista determinati dispositivi dell’azienda, non è possibile sapere con precisione quanti utenti sono veramente interessati al servizio. Questo ha uno dei più alti tassi di cancellazione proprio perché gli utenti “non hanno una ragione per restare” e, citando ancora Randolph, “se Apple dedicasse un quarto del tempo ai contenuti rispetto a regalare abbonamenti, potrebbe davvero avere successo”.

Buone parole invece sono state spese per Disney+: secondo Randolph “il servizio ha combattuto per essere in una buona posizione”, grazie anche a tantissimi contenuti esclusivi. Effettivamente, dati alla mano, Disney+ ha raggiunto 95 milioni di utenti paganti e, nel giro di qualche anno, potrebbe raggiungere proprio Netflix, a quota 200 milioni.

Via: MacRumors
  • Roran

    Il problema di Apple TV+ è l’inverso di Netflix, c’è tanta qualità a discapito della quantità, dovrebbero bilanciare aggiungendo anche un po’ di contenuti “non originali”, in questo modo potrebbero sottrarre un po’ di utenti sia a Netflix che a Prime Video, forse anche a Disney+ ma non azzardo non conoscendo il catalogo.