Disney+ è un successo annunciato. Quasi 30 milioni di abbonati dal lancio

Giovanni Bortolan - Il numero degli utenti paganti ha superato di molto anche le stime più ottimistiche di Disney stessa.

Dal momento del suo lancio, appena tre mesi fa, Disney+ ha iniziato un processo di crescita impressionante. Il numero di persone che ha deciso di usufruire del servizio di streaming di casa Disney, anche grazie al costo minore rispetto la concorrenza, è in costante crescita, nonostante il servizio stesso sia per il momento limitato ad alcuni paesi. Ciò ci porta inevitabilmente a pensare agli enormi margini di crescita futuri, non solo grazie alla diffusione in altri paesi, ma anche per via delle attesissime serie TV in uscita nei prossimi mesi.

Il successo di Disney+ ha portato sulle casse dei Disney la bellezza di 28,6 miliardi di dollari, al di sopra di qualsiasi previsione aziendale. Le cifre confermano la schiacciante vittoria nei confronti della concorrenza, specialmente quella Apple. Tim Cook, CEO della mela, ha dichiarato che l’azienda è pienamente soddisfatta dell’inizio del suo servizio streaming, ma è lecito pensare che la partenza sprint di Disney+ abbia avuto delle pesanti ripercussioni sui servizi rivali.

A proposito di concorrenza, la cifra di abbonati che Disney è riuscita a ritagliarsi in pochissimi mesi equivale ad una buona porzione degli abbonati Netflix, e supera ufficialmente il numero di abbonati di HBO. Crescono anche Hulu e ESPN+, gli altri due servizi streaming di Disney, aumentando rispettivamente a 30,4 milioni e 6,6 milioni il numero di abbonati. Molto bene anche la divisione film, trainata da Frozen 2 e dall’ultimo episodio di Star Wars.

LEGGI ANCHE: LG diserta il Mobile World Congress a causa del Coronavirus

Dire che Disney sta facendo incredibilmente bene sul fronte streaming sarebbe un eufemismo, ed il futuro sembrerebbe essere più che roseo, anche se non bisogna dare nulla per scontato. Il lato rischioso di un servizio streaming (un problema che coinvolge quindi tutti, non solo Disney) è quello della fidelizzazione del cliente. Non avendo un contratto vincolante a lungo termine, l’utente può stancarsi e annullare l’abbonamento nel giro di un mese. Disney dovrà quindi dimostrarsi all’altezza e mantenere alta la qualità ed il livello di novità dei propri contenuti. Vi ricordiamo che qualsiasi altra informazione relativa al servizio di streaming in questione può essere trovata nella nostra pagina dedicata.

Aggiornamento

Abbiamo parlato della notizia anche nel nostro podcast, SmartWorld News

Ascolta “05/02 – Disney+ è un successo, LG non sarà al MWC, e risposta alle storie con le GIF” su Spreaker.

Fonte: The Verge