Il nuovo doppiaggio italiano di Evangelion per Netflix non esiste più: il popolo della rete ha vinto

Lorenzo Delli

L’arrivo di Neon Genesis Evangelion sul catalogo italiano di Netflix non è stato accolto con gioia dai fan della serie. Il perché potreste averlo intuito anche solo dalla risonanza che l’evento ha avuto sui social e in generale su tutto il web.

Per l’occasione Netflix aveva incaricato Gualtiero Cannarsi di occuparsi del nuovo adattamento italiano dell’opera. Se già l’idea di avere un doppiaggio nuovo di zecca, con voci diverse da quelle della versione italiana originale, poteva essere sufficiente a scatenare l’ira di alcuni fan, il linguaggio utilizzato da Cannarsi, fin troppo ricercato e “complicato” e lo stravolgimento di termini chiave (angelo – apostolo) hanno causato un vero e proprio pandemonio.

Dopo interviste, polemiche, dopo che è venuto fuori che persino i doppiatori non si erano trovati a loro agio con il nuovo adattamento, Netflix Italia si è vista costretta a fare marcia indietro. Ecco lo stato di poco fa che è stato pubblicato su Facebook:

Ci avete fatto capire il vero significato di “STATO DI FURIA”. Quel pochitto che possiamo fare è dirvi che ci dispiace e che il doppiaggio ed i sottotitoli della versione italiana di Neon Genesis Evangelion saranno presto sistemati (e, nel mentre, abbiamo rimosso il doppiaggio).

Dopo un breve blackout (subito dopo il suddetto post Evangelion non era disponibile su Netflix), l’anime e i vari film sono tornati in catalogo privi del tanto discusso doppiaggio italiano. E Netflix ha promesso di riaggiustare anche i sottotitoli. Non c’è che dire: il popolo del web ha vinto alla grande. E non è neanche la prima volta che Netflix ascolta i fan muovendosi di conseguenza. Ci viene in mente il caso internazionale di Sense8, serie TV cancellata che, proprio per via delle lamentele dei fan da tutto il mondo, è stata “riaperta” giusto il tempo di dargli un episodio conclusivo.

Fonte: Netflix