Netflix e streaming alla conquista dell’Europa: la vecchia TV soffre

Cosimo Alfredo Pina

Per gli appassionati di tecnologia ed internet come i nostri lettori la cosa non stupirà più di tanto, eppure il concetto emerso dall’analisi di IHS Markit è importante per il futuro della fruizione della televisione.

Stando ai dati di questa ricerca di mercato, relativa al 2017, gli spettatori europei hanno passato più o meno lo stesso tempo di fronte al televisore rispetto all’anno precedente, una media di 247 minuti al giorno, ma il tempo di fruizione dei servizi di streaming è aumentato di due ore al mese.

Il paese del continente europeo dove questa trasformazione è stata più importante è il Regno Unito, dove la visione dell’on-demand è salita di cinque minuti al giorno, mentre il classico palinsesto ha subito una riduzione di 8 minuti giornalieri.

LEGGI ANCHE: Rakuten TV, le migliori novità di agosto 2018

“Il passaggio al consumo OTT [over-the-top] segnala la necessità per gli operatori di pay TV di agire rapidamente, se vogliono mantenere quote di mercato” rimarca IHS nel suo rapporto. Ma anche nel mondo dello streaming non è libero da problematiche, prima fra tutte quelle della monetizzazione.

Il futuro è ormai indubbiamente indirizzato verso lo streaming e la programmazione fai-da-te; anche in Italia c’è chi si è già attrezzato con piattaforme come RayPlay o Infinity TV. Basterà contro i colossi come Netflix? Vedremo tra qualche anno.

Via: corrierecomunicazioni.itFonte: IHS Markit