Netflix crolla in borsa e corre ai ripari con i giochi

Netflix crolla in borsa e corre ai ripari con i giochi
Antonio Lepore
Antonio Lepore

Sembrerebbe che Netflix, in parte anche per diversificare la sua offerta, voglia puntare sempre di più sul gaming. Le future intenzioni dell'azienda sono state ribadite dal CEO Reed Hastings: «Dobbiamo essere bravi e differenziarci. Cerchiamo di indovinare la strategia, e non di esserci solo per il gusto di farlo o per diffondere comunicati stampa. Dobbiamo accontentare i nostri membri offrendo loro il miglior servizio in assoluto».

Un'affermazione "ottimistica", soprattutto se si considera che ad oggi il catalogo gaming di Netflix – lanciato nel novembre 2021 - include principalmente titoli piuttosto vecchi. Alcuni rumor, però, hanno lanciato l'ipotesi che vedrebbe l'azienda americana a lavoro per realizzare un proprio studio di sviluppo per giochi.

Oltre ai progetti per il futuro, però, Netflix è concentrata anche su di un presente che non rispecchierebbe le aspettative. Difatti recentemente le azioni in borsa hanno perso oltre il 20%. Secondo gli analisti, le cause di questo "tonfo" sono molteplici, a partire da una forte concorrenza nel campo dello streaming. Inoltre non hanno giocato a favore dell'azienda il recente aumento dei prezzi degli abbonamenti e il rallentamento delle sottoscrizioni.

Dunque, Netflix, anche per rilanciare le proprie ambizioni, punterebbe sulla diversificazione dei propri servizi, a partire da una proposta gaming più allettante. Secondo voi avrà successo?

Mostra i commenti