A Netflix non piace che condividiate l’account e studia come bloccare i “furbetti” (video)

Vincenzo Ronca -

La condivisione dell’account Netflix al di fuori della cerchia familiare è una pratica relativamente diffusa, la quale permette agli utenti di risparmiare sul costo del servizio ed allo stesso tempo costituisce un danno per l’azienda perché preclude delle entrate. E soprattutto questa pratica non è completamente consentita da Netflix.

Per chi non lo sapesse Netflix dispone che la condivisione dell’account è limitata ai membri della famiglia e dunque non sarebbe possibile condividere le credenziali con altri utenti al di fuori della cerchia familiare. Ciò che avviene in realtà è che quasi il 10% degli utenti Netflix non paga l’abbonamento del quale usufruisce, la maggior parte dei quali sono millennial. Questo si traduce in una perdita d’entrate per Netflix, la quale ammonta a circa 135 milioni di dollari di mancate entrate.

LEGGI ANCHE: le migliori novità Netflix di novembre

Netflix ha fatto sapere, tramite il suo CEO Greg Peters, che al momento non esiste un piano concreto per contrastare la condivisione dell’account al di fuori della famiglia ma che l’azienda continuerà a monitorare il fenomeno e sta studiando dei modi “amichevoli” per giungere ad un compromesso con gli utenti.

Inoltre, nella sezione Password e accesso all’account dei termini di utilizzo del servizio leggiamo:

Avremo la facoltà di chiudere o sospendere il tuo account al fine di proteggere te, Netflix o i nostri partner da furti di identità o altre attività fraudolente.

Chiaramente il senso della sezione è molto più ampio e prescinde dalla condivisione account oltre i membri della famiglia. Torneremo ad aggiornarvi se dovessero emergere ulteriori novità in merito. Qui sotto trovate l’intervista a Greg Peters, in particolare la parte in cui si parla degli introiti.

Via: Newsweek