Squid Game è già la serie dei record per Netflix, e questo forse è un male

Squid Game è già la serie dei record per Netflix, e questo forse è un male
Lorenzo Delli
Lorenzo Delli

10 anni per realizzarla, solo 17 giorni per farla diventare la serie TV Netflix più vista di sempre. Numeri davvero incredibili quelli di Squid Game, quella che a tutti gli effetti potremmo definire la serie evento di questi ultimi mesi del 2021.

È letteralmente sulla bocca di tutti, tranne su quella di chi deve per forza criticare il servizio di streaming dicendo che non propone mai nulla di originale (a tal proposito anche Midnight Mass meriterebbe una menzione d'onore).

Pensate che la serie ideata da Hwang Dong-hyuk ha già raggiunto 111 milioni di utenti (o di account, che è cosa ben diversa come saprà chi condivide la spesa di Netflix) in tutto il mondo.

Non staremo qui a discutere sul perché di tale successo. Sta di fatto che Netflix nel corso di questi ultimi anni è riuscita, grazie alla visibilità che offre il suo catalogo, a rendere celebri serie TV prodotte in paesi che non siano i "soliti noti" (USA, UK). Ci vengono in mente non solo La Casa di Carta ma anche Dark, Alice in Borderland o Lupin.

È pur vero che tanto successo guadagnato così in fretta potrebbe tradursi anche in scelte scellerate per quanto riguarda l'eventuale proseguo della storia. Difficile sapere che piani avesse per il continuo di Squid Game il suo creatore, il già citato Hwang Dong-hyuk. Una cosa è sicura: adesso la pressione è alle stelle, non solo per via dei numeri giganteschi che la serie ha macinato su Netflix, ma anche per tutto ciò che si tradurrà in merchandising, trasposizioni videoludiche e chissà cos'altro.

Forse ci stiamo fasciando la testa ben prima del previsto, ma Squid Game non sarebbe certo la prima serie a trasformarsi da successo strepitoso a serie TV tirata troppo per le lunghe. Nel frattempo eccovi serviti con il filmato di ringraziamento pubblicato da Netflix.

Commenta