Philip K. Dick’s Electric Dreams è il Black Mirror di Amazon Prime Video, ed è disponibile da oggi!

Lorenzo Delli -

Giusto ieri parlavamo del catalogo di Amazon Prime Video, il servizio di streaming del colosso dell’e-commerce incluso nell’abbonamento annuale ad Amazon Prime. Proprio oggi il catalogo si arricchisce di una serie televisiva ispirata ai racconti brevi di Philip K. Dick il cui paragone con Black Mirror, o meglio, con una sua versione ancora più sci-fi, sorge spontaneo.

La serie in questione si chiama Philip K. Dick’s Electric Dreams ed è appunto disponibile nella sua interezza anche sul catalogo italiano di Prime Video. Si tratta di 10 episodi a sé stanti che, a detta di Amazon stessa, esplorano l’umanità da 5 a 5.000 anni nel futuro.

LEGGI ANCHE: Black Mirror 4: la recensione puntata per puntata

Ciascuna storia di questa serie antologica indaga su cosa significhi essere umani in dei mondi ambiziosi e allo stesso tempo verosimili e fantastici“: da qui il paragone con Black Mirror, e se non dovesse bastarvi questo c’è anche un cast a dir poco eccellente che può contare su nomi del calibro di Terrence HowardBryan CranstonAnna Paquin e Steve Buscemi. Vi farete tentare da questa nuova serie?

Philip K. Dick’s Electric Dreams – Trailer

Philip K. Dick’s Electric Dreams – Screenshot

  • Krasto

    “La serie in questione si chiama Philip K. Dick’s Electric Dreams ed è appunto disponibile nella sua interezza anche sul catalogo italiano di Black Mirror.”
    Non vuol dire niente! Avete scritto black mirror invece di Prime Video. Correggete e rileggeteli sti articoli!

    • Grazie della segnalazione. Non c’è bisogno di sottolineare la tua superiorità, bastava segnalare l’errore.

      • Krasto

        Non è voler fare il superiore… È solo che quotidianamente, in internet, si leggono sempre più articoli/notizie di ogni genere scritte in malo modo e senza un briciolo di revisione. Credo perché vi sia “necessità” di pubblicare subito e incassare click. La cosa è stancante e da fastidio. Spero che il commento possa aiutarvi a stendere pezzi più curati. Saluti.

        • Errori di battitura o di stesura accadono e talvolta passano inosservati anche ad una seconda ed una terza rilettura. Con questo non ti sto dicendo che è corretto pubblicare articoli con errori, ma semplicemente che “shit happens”. Non ti preoccupare poi che qui l’obiettivo non è solo incassare click, ma anche informare i nostri lettori.

  • Luca Pagano

    a me dice che la serie non è disponibile nel nostro paese, succede anche a voi?