Plex vuole unire tanti servizi di streaming in un solo posto, ma quante speranze ha?

Plex vuole unire tanti servizi di streaming in un solo posto, ma quante speranze ha?
Matteo Bottin
Matteo Bottin

Plex è uno di quei servizi molto conosciuti perché è in grado di gestire in maniera molto efficiente una libreria multimediale personale. Pare però che voglia fare un passo in avanti molto ambizioso: diventare un aggregatore di contenuti.

L'idea è molto semplice: prendere tanti servizi di streaming diversi (Netflix, HBO Max, Disney+, ecc) e renderli disponibili in un solo posto, senza la necessità di passare da un'app all'altra. In pratica, non andrebbe a fare concorrenza ai diretti fornitori del servizio, perché diventerebbe un semplice hub dal quale vedere tutti i cataloghi.

La vera domanda è: "riuscirà nel suo intento?" Si tratta certamente di un obiettivo molto ambizioso, ma è più o meno lo stesso di Apple TV+ presentato a marzo, e per ora Apple, sulla sua Apple TV, non è riuscita ad attrarre colossi come Netflix e Hulu.

Plex, con la sua base di utenti molto più ridotta (20 milioni), come può riuscire a convincere queste stesse aziende?

Ad unire il tutto c'è anche un punto un po' controverso: sebbene non sia il fine ultimo di Plex, questo servizio viene usato anche per vedere contenuto pirata. È quindi possibile che alcune aziende (come Disney) vogliano essere associate a questo tipo di servizi.

Via: The Verge
Fonte: Variety

Commenta