Spotify vuole diventare la piattaforma numero uno per i podcast

Vezio Ceniccola Nuovi investimenti ed acquisizioni puntano a far crescere la divisione podcast come mai prima d'ora

Se ancora non ve ne foste accorti, Spotify ha deciso di fare molto sul serio per quanto riguarda i podcast, un tipo di contenuto che sembra essere in grande ascesa negli ultimi mesi. La società svedese ha operato due importanti acquisizioni nelle ultime settimane, andando ad integrare due realtà dedicate proprio ai podcast, Gimlet Media e Anchor, per potenziare la propria infrastruttura di gestione e suggerimento di questi contenuti.

Grazie al know how fornito dalle due aziende, che da anni operano nel mondo dei podcast, Spotify vuole espandere e migliorare i suoi servizi legati a questa tecnologia. L’obiettivo è quello di diventare il primo servizio in assoluto per quanto riguarda l’ascolto di podcast: una speranza molto concreta, visto che già ora è al secondo posto, con margini di crescita ancora molto ampi.

Nei prossimi anni saranno messi a disposizione circa 500 milioni di dollari per la divisione podcast, molti dei quali potranno essere dedicati alla creazione di contenuti originali o all’acquisto di diritti eclusivi per alcuni podcast, come già sta avvenendo in questi mesi.

LEGGI ANCHE: Spotify supera i 200 milioni di utenti

Un mercato così fervente come quello dei podcast rappresenta di certo un terreno di scontro molto importante per i maggiori servizi di streaming audio. Apple al momento sembra essere ancora avanti da questo punto di vista, grazie alla longevità delle sue piattaforme di ascolto, ma vedremo di certo molte novità nei prossimi anni, grazie a Spotify e non solo.

Via: The Verge
  • SickBoy

    Ed intanto Deezer sta lanciando un app per Android chiamata “Radio by Deezer”, dove si potranno ascoltare le dirette radio in streaming e con tanto di riconoscimento immediato delle canzoni in onda, le quali potranno essere aggiunte immediatamente nelle nostre playlist. 😀