Arriva l’ok della UE per lo stop al geoblocking: addio frontiere per Netflix e simili (aggiornato: in vigore dal 1° aprile)

Cosimo Alfredo Pina -

Sapevamo già che tra i piani dell’Unione Europea ci fosse l’abolizione del cosiddetto geoblocking e oggi è stato trovato un accordo. A partire da inizio 2018 le piattaforme online dovranno fornire un servizio unificato su tutto il territorio europeo. Un’Europa digitale senza frontiere.

Per fare un esempio di come cambierà lo scenario, prendiamo il caso di Netflix. La nuova legge non implica che avremo un catalogo europeo uguale per tutti i paesi della UE, ma semplicemente che Netflix dovrà, teoricamente, permettere a chi si registra in una certa nazione di accedere al catalogo del suo stato anche quando si trova in un altro paese dell’Unione Europea.

LEGGI ANCHE: Ufficializzati i meccanismi dell’Eurotariffa, e stanziato un fondo per la banda larga

Ovviamente la legge riguarda tutti i servizi online e quindi shop come Amazon e gli altri servizi che forniscono contenuti digitali dovranno offrire un qualche tipo di unificazione su tutto il territorio della UE. Vedremo tra circa un anno come i vari più o meno big della tecnologia si organizzeranno per adempiere al nuovo regolamento, che almeno sulla carta promette un po’ più di praticità per l’utente finale.

Aggiornamento28/03/2018 ore 10:00

C’è voluto forse un po’ più tempo di quanto avremmo pensate, ma il nuovo regolamento entrerà in vigore dal 1° aprile 2018. A partire da questa data, i cittadini europei in viaggio in altri paesi dell’UE potranno usare i propri abbonamenti ai servizi streaming come Netflix, SkyGo, Amazon Prime ecc. anche fuori dai confini nazionali.

Questo significa che potrete accedere ai contenuti disponibili nel catalogo italiano, anche se questi non fossero disponibile nel paese in cui vi recherete. Finora invece, anche scaricandoli offline, non era possibile vedere film, serie TV ed altro non presente nel catalogo di quel dato servizio nel paese di destinazione.

Ringraziamo Stefano per la segnalazione.

Via: 9to5macFonte: ANSA