The Cloverfield Paradox: solo su Netflix arriva a sorpresa il seguito di Cloverfield

Lorenzo Delli -

The Cloverfield Paradox – Solo J.J. Abrams poteva riuscire a produrre un film di fantascienza in collaborazione con Netflix senza far trapelare neanche un minimo indizio (anche con 10 Cloverfield Lane ci riuscì). Ma il bello è che non lo ha solo prodotto, ma lo ha anche già reso disponibile proprio sulla celebre piattaforma di streaming. Un bello smacco per le produzioni classiche e non mancheranno le classiche polemiche a Hollywood, visto che c’è chi sostiene che Netflix stia in parte contribuendo a rovinare il “cinema classico“, ma non è questa la sede per discuterne.

Il film in questione si intitola The Cloverfield Paradox, e a differenza di 10 Cloverfield Lane (prodotto ma non diretto da J.J. Abrams), sembra davvero collegato ai fatti visti nel primo Cloverfield del 2008. “Dieci anni fa è comparsa una minaccia. Oggi sappiamo perché.“: recita così la descrizione di The Cloverfield Paradox, e sono sufficienti queste parole a stuzzicare la nostra curiosità viste le tantissime domande senza risposta del primo capitolo di quella che oramai potremmo definire una saga.

LEGGI ANCHE: Solo: A Star Wars Story: il primo mini-trailer è online!

Anche in questo caso il film non è diretto da J.J. Abrams (neanche il primo lo era, in verità): alla regia troviamo infatti Julius Onah, classe ’83, finora autore principalmente di corti cinematografici, e nel cast troviamo anche volti noti quali Daniel Brühl, già visto in Bastardi senza gloria e Rush.

Parte del cast di The Cloverfield Paradox.

Come accennato poi non dovrete attendere, visto che il film è già disponibile su Netflix. E il bello è che potete rinfrescarvi la memoria guardando anche il capitolo precedente, attualmente disponibile sul catalogo italiano di Netflix. Vi lasciamo con il trailer italiano di The Cloverfield Paradox.

Per i più curiosi, visti anche i tanti segreti disseminati nel primo Cloverfield, date un’occhiata a questo sito web comparso a gennaio e al sito della Tagruato, multinazionale attorno alla quale ruotava il marketing virale dell’universo di Cloverfield, tornato online sempre a gennaio con un nuovo messaggio.

  • Gianluca

    Non capisco come fate a dire che c’entra qualcosa con la prima versione…mah…