Per donare un altro soldo al vostro Witcher dovrete aspettare il 2021

Lorenzo Delli Per chi non lo avesse visto in italiano, Toss A Coin To Your Witcher è tradotto "Dona un soldo al tuo Witcher".

Per la seconda stagione di The Witcher, la serie originale Netflix che nelle ultime settimane ha letteralmente catalizzato l’attenzione di pubblico e critica, dovremo attendere un bel po’. A confermarlo è la stessa Lauren Schmidt Hissrich, sceneggiatrice e produttore esecutivo della serie che di recente si è recata a Londra proprio per continuare i lavori sulla stesura della seconda stagione.

La Hissrich ha ammesso di aver considerato il 2020 per il lancio di una seconda stagione, ma insieme alla produzione ha deciso di non accelerare troppo i tempi. La verità, dice la Hissrich, è che The Witcher si è dimostrata una serie enorme e particolarmente impegnativa da affrontare. La prima stagione ha richiesto un bel po’ di post-produzione, più di quanta prevista. E viste le aspettative ancora più alte sul seguito della storia di Geralt di Rivia e Ciri, la decisione più ovvia è proprio quella di permettere al team di fare il proprio lavoro con il giusto tempo e mezzi.

In certi casi la prima stagione mostra delle debolezze dovute probabilmente ad una produzione a cui è stato affidato un budget più contenuto del previsto. Il carisma dei personaggi e qualche pensata particolarmente azzeccata, come la canzone che abbiamo citato nel titolo (un’occasione non sfruttata a dovere da Netflix, perché ancora non è disponibile sui servizi di streaming musicali?!), hanno comunque fatto sì che la serie avesse un discreto successo in più o meno tutto il mondo.

Siamo piuttosto sicuri quindi che Netflix e la produzione investiranno qualcosina in più per questa seconda stagione. La Hissrich ha comunque confermato che il copione di The Witcher 2 è già stato scritto e che i primi passi della pre-produzione vera e propria sono già stati mossi. La stessa sceneggiatrice ha poi dichiarato ai microfoni di IGN che la struttura narrativa di questa seconda stagione sarà diversa dalla prima. La timeline sarà molto più lineare, senza tutti i balzi che si sono visti nella prima. La scelta di far saltare gli episodi da un anno all’altro è dipesa dal voler appunto introdurre i vari personaggi più o meno contemporaneamente offrendo un minimo di background di ciascuno di essi.

Nel frattempo, se volete riascoltarvi Toss A Coin To Your Witcher senza ricorrere a video con audio a bassa qualità su YouTube, potete trovare la traccia ufficiale su SoundCloud.