Il trailer dei Cavalieri dello Zodiaco di Netflix prende a pugni in faccia i ricordi d’infanzia (video)

Nicola Ligas

Quando Netflix ha annunciato che nell’estate 2019 sarebbe arrivata una nuova edizione dei Cavalieri dello Zodiaco, i ricordi d’infanzia di tanti giovani adulti si sono “risvegliati” (se dobbiamo spiegarvi il riferimento al “cosmo”, significa che siete nel posto sbagliato – NdR). Ma il primo trailer della futura serie è una doccia fredda per chiunque sperasse di rivivere i fasti di un tempo.

Eravamo già pronti a scrivere un epinicio per celebrare le gesta dei bronze saint, ma sembra che dovremo mettere da parte gli entusiasmi, perché questo nuovo adattamento dei Cavalieri dello Zodiaco, che già abusa di questo stesso nome chiamandoli proprio Knights of the Zodiac, non sembra ripercorrere in modo troppo fedele la storia che conoscevamo.

Al di là delle animazioni in CG che sembrano un po’ un videogioco, e di una storia che sembra prendersi le sue libertà, ci sono proprio degli errori di adattamento che i fan della serie malediranno. Il più sfortunato riguarda ovviamente Shun di Andromeda, che è stato reso a tutti gli effetti un personaggio femminile, perpetrando uno dei più facili (e sbagliati) fraintendimenti della storia dei manga/anime. Difficile non notare anche il Rozan Shoryuha di Shiryu il Dragone, da noi noto come “colpo segreto del drago nascente”, che in questo caso evoca invece Shenlong, probabilmente per una sfortunata traduzione inglese che ci fa pensare più a Dragon Ball che non ai Cavalieri. E probabilmente analizzando ulteriormente il trailer troveremmo altre inesattezze.

Al di là di questo, mancano in generale l’atmosfera e l’epicità (volutamente) esasperata che contraddistinguevano questa serie, così ridondanti da essere affascinanti, per lasciare posto ad una modernità che sembra anacronistica nel contesto dei Saint. Peccato, perché l’occasione sembrava perfetta, ma molto probabilmente sarà solo persa.