Visore VR

Un visore VR, dove VR sta per Virtual Reality, è la chiave per aprire la porta della realtà virtuale. Questa è un concetto relativamente assodato nel settore della tecnologia e consiste in una realtà simulata, creata appunto a partire da modelli digitali ispirati alla realtà. La realtà virtuale può includere diverse tipologie di elementi, e viene usata nel settore dei videogiochi come in quello della ricerca scientifica e medica.

Ad oggi ci sono diversi tipi di visori VR, i quali si differenziano in base agli elementi hardware che propongono e alla tecnologia che usano per tracciare i movimenti dell'utente. Una caratteristica fondamentale dei visori VR è infatti quella di dover tracciare i movimenti di chi li indossa, per poi trasferirli al modello di realtà virtuale che si sta utilizzando. Un visore VR infatti deve essere in grado di fornire all'utente un'esperienza immersiva, ovvero un'esperienza in cui vi è interazione reciproca tra l'utente e la realtà virtuale. Altrimenti si parlerebbe esclusivamente di visore.

Un visore VR dunque consiste in una sorta di casco con lenti annesse: queste possono includere uno o due display, i quali forniscono la visualizzazione della realtà virtuale. Poi troviamo i sensori in grado di tracciare i movimenti dell'utente: questi possono essere dei sensori fotografici o video integrati nel set, oppure dei sensori esterni posti nell'ambiente in cui si usa il visore. I visori VR inoltre spesso includono degli speaker audio. Strutturalmente presentano lacci ed elastici, per essere ancorati all'utente che li usa in movimento. I visori VR sono spesso accompagnati da un joystick o telecomando, con il quale l'utente riesce a interagire meglio con la realtà virtuale, ad esempio selezionando o afferrando oggetti.

Visore VR per PC

La piattaforma PC è quella che offre la maggior versatilità in termini di realtà virtuale. Pertanto i visori VR sono molto usati accoppiati ad un PC. Le applicazioni in realtà virtuale su PC spaziano dal settore gaming a quello della ricerca.

Tra i visori più gettonati per la piattaforma PC troviamo quelli di HTC, come il Cosmos, i quali propongono un sistema di tracciamento tutto nuovo, basato sulle fotocamere integrate nella scocca, grazie alle quali non sarà più necessario avere dei sensori. Oltre a questo, su piattaforma PC troviamo anche il visore HP Reverb G2, che fa dell'alta risoluzione e dell'ergonomia i suoi punti di forza maggiore. Sempre compatibile con la piattaforma PC abbiamo Oculus Rift S, il visore dell'azienda controllata da Meta. Infine, anche Valve Index è un'ottima alternativa su PC grazie alla sua alta frequenza di aggiornamento, che può arrivare fino a 144 Hz.

Indubbiamente i visori elencati hanno delle caratteristiche hardware importanti e in grado di sfruttare a pieno le potenzialità di un PC. Pertanto, il prezzo sul mercato è relativamente alto, con cifre che non scendono sotto i 600€.

Visore VR per smartphone

Quando si parla di visori VR per smartphone si può pensare anche a prodotti molto più economici di quelli visti per la piattaforma PC. Questo perché i visori VR per smartphone possono fare affidamento sul display dello smartphone stesso, il quale sostanzialmente può sostituire in toto i display o le lenti che troviamo sui visori più potenti.

Chiaramente le performance grafiche non sono le stesse dei visori che integrano lenti o display, e sono soggette anche alla qualità delle applicazioni VR che si usano sullo smartphone.

Per i dispositivi mobili sono disponibili molte più alternative. Tra i prodotti più interessanti troviamo lo Xiaomi Mi VR, un dispositivo che è dotato di un piccolo telecomando Bluetooth, che aiuta ad interagire con l'interfaccia VR.

Altro prodotto interessante, che ormai ha qualche anno sulle spalle e che non è più supportato ufficialmente, è il Samsung Gear VR. E invece Apple? La casa di Cupertino ancora non si è tuffata ufficialmente nel mercato della realtà virtuale, anche se il lancio del suo primo visore VR sembra molto vicino.

Visore VR per PS4 / PS5

Sony è una delle poche aziende attiva nel settore dei videogiochi, con il marchip PlayStation, a poter vantare una sua piattaforma per la realtà virtuale completa di visore VR, a dispetto di Microsoft e Nintendo che non hanno lanciato un loro dispositivo per la realtà virtuale.

Parliamo del PlayStation VR, il visore VR perfetto per chi possiede una PS4, o ancor meglio una PS4 Pro o una PS5. Si tratta di un prodotto pensato per il gioco, curato in ogni dettaglio, dotato di un display OLED interno da 5,7 pollici con risoluzione Full HD a 120 fps, sistema d'indossaggio regolabile e LED blu sulla scocca. Le vistose imbottiture in gomma assicurano il giusto comfort anche per le sessioni di gioco più intense, ma soprattutto va sottolineato il buon supporto che Sony e i publisher di terze parti hanno saputo dare nel tempo, con una vasta gamma di titoli appartenente ad ogni genere videoludico.

All'orizzonte per Sony potrebbe esserci la seconda generazione di PlayStation VR2. A inizio 2022 sono emersi i primi dettagli sul design e sulle attese specifiche tecniche. Ancora non è stata diffusa una data di lancio ufficiale.

Oculus

Oculus è il nome con il quale era conosciuto in tutto il mondo il marchio dedicata al mondo della realtà virtuale di Facebook. Usiamo il passato perché in tempi recentissimi si è deciso di abbandonare il nome Oculus. In seguito al lancio di Meta, come nome dell'azienda che controlla Facebook, Instagram, WhatsApp e tanto altro, Oculus ha virato verso Meta Quest.

La scelta sembra essere dunque rivolta a sottolineare, ancora una volta, la propensione verso il metaverso da parte di Zuckerberg per tutti i suoi prodotti e servizi.

Tra i visori Oculus ricordiamo Oculus Quest e Oculus Rift come quelli più popolari e che hanno avuto maggior successo. L'ultimo prodotto a essere lanciato sul mercato è Meta Quest 2, il successore naturale di Oculus Quest 2. Il nuovo visore VR verrà annunciato ufficialmente il prossimo 20 aprile.

Prezzo

Come avrete intuito dai paragrafi precedenti, i visori VR sono presenti sul mercato con prezzi molto variabili. Questo perché esistono molti tipi di visori, i quali si differenziano per la complessità hardware, per il numero di sensori che integrano e per le applicazioni che supportano.

I visori più basilari hanno prezzi che non superano i 50€, e sono essenzialmente quelli che vengono usati accoppiati con gli smartphone, ovvero quelli che non presentano display o lenti particolari.

Successivamente troviamo i visori commerciali per applicazioni gaming, come PlayStation VR o Oculus Quest 2, disponibili sul mercato a prezzi che si aggirano tra i 300€ e 400€.

Per chi esige di più, e dunque anche per gli sviluppatori che lavorano nel campo della realtà virtuale, troviamo i visori VR per piattaforma PC. Questa tipologia di visori integra moltissimi sensori, alcuni dei quali sono anche esterni al visore stesso e che servono a testare gli ambienti virtuali sviluppati. I visori VR di questo calibro partono da circa 700€ e possono superare con facilità la soglia dei 1.000€. Ad esempio il kit Valve Index per la realtà virtuale è disponibile a 1.079€.

Per maggiori dettagli sui visori VR e sul loro prezzo sul mercato vi suggeriamo di leggere la nostra pagina dedicata ai migliori visori VR, divisi per categoria e per finalità di utilizzo.

Ultime Notizie

Attraverso la sezione qui in basso potete consultare tutte le news che abbiamo dedicato ai visori VR su SmartWorld.it.

Gli ultimi articoli