Windows 12

Tutti gli appassionati di informatica si stanno chiedendo quando arriverà Windows 12, ma evidentemente Microsoft non ha fretta. La casa di Redmond continua infatti imperterrita ad aggiornare Windows 11, il che allontana la nuova, grande versione di Windows.

Con l'avvento dell'intelligenza artificiale e le novità arrivate quest'anno sui PC Windows, l'attesa è però alle stelle.

Stiamo parlando di Copilot, del tasto Copilot e delle novità attese per i cosiddetti "PC AI". Ma possiamo attenderci molto di più. All'Ignite 2023, Microsoft ha anticipato un'immagine del dekstop del prossimo sistema operativo. E dal codice di Windows sono emersi dettagli su un sistema di sottoscrizione che ha acceso enormi dibattiti. 

Insomma, Windows sta evolvendo, ma in che direzione? Verso la fine del 2023 "strategiche" fughe di notizie avevano fatto supporre che il 2024 sarebbe stato l'anno di Windows 12. Ma a quasi tre anni dal lancio di Windows 11 forse dovremmo aspettare per la nuova versione del sistema operativo di Microsoft.

C'è però una buona notizia: nell'autunno del 2024 arriverà Windows 11 24H2. Questo aggiornamento, indipendentemente dal nome, secondo alcuni osservatori renderà disponibili le funzionalità di Windows 12.

Confusi? Andiamo a scoprire tutti i dettagli di quello che ci attende dal futuro sistema operativo della casa di Redmond. Ma non solo: scopriremo anche quando arriverà e quali potrebbero essere i requisiti necessari per installarlo.

Indice

Cos'è Windows 12

portatile asus

Con il lancio di Windows 11, Microsoft ha cambiato profondamente il suo sistema operativo. Dal punto di vista dell'interfaccia abbiamo assistito a una maggiore attenzione ai dettagli. Ma soprattutto per quanto riguarda le funzionalità.

Alcune idee sono state accantonate, vedi sottosistema Windows per Android. Altre, un nome a caso: intelligenza artificiale, saranno sempre più il centro dell'esperienza.

Ecco quindi che dall'introduzione di Windows 10 "come servizio" la casa di Redmond è tornata parzialmente sui suoi passi.

Maggiori versioni di Windows rilasciate ogni tre / quattro anni e in mezzo gli aggiornamenti di funzionalità, i cosiddetti "Momenti". In mezzo, aggiornamenti importanti come Windows 11 22H2, 23H2 e, a questo punto sembra ormai certo, Windows 11 24H2. 

Windows 11 24H2 o Windows 12?

Di questo parleremo nel capitolo dedicato, ma secondo Zac Bowden di Windows Central, si tratta del prossimo aggiornamento in arrivo. Nome in codice Hudson Valley, avrebbe dovuto chiamarsi Windows 12, ma la partenza di Panos Panay ha cambiato tutto. Creando una certa confusione.

Nel mondo ci sono 1 miliardo di utenti Windows 10 e 400 milioni di utenti Windows 11. Per questo motivo i dirigenti di Microsoft non volevano creare ulteriore frammentazione. Quindi Windows 11 24H2 sarebbe sostanzialmente un modo per chiamare il grande aggiornamento in arrivo. Che nelle intenzioni originali avrebbe dovuto essere battezzato Windows 12.

Nondimeno, non è detto che nel 2025 non arrivi effettivamente una nuova versione del sistema operativo. 

Se vi sembra poco chiaro, non siete i soli, ma purtroppo è lo stato dei fatti.

E lo stesso Zac Bowden, la maggior fonte di informazioni del settore, mischia i due termini, Windows 12 e Windows 11 24H2. L'attenzione è quindi posta più sul prossimo aggiornamento di Windows, più che sul suo nome.

In questo articolo cercheremo di separare i due concetti, riservando a Windows 11 24H2 un capitolo apposito. 

Cosa si sa di Windows 12

Ma cosa possiamo aspettarci da Windows 12? Iniziamo da quello che sappiamo: funzioni AI e interfaccia, ma anche supporto per ARM. 

Funzioni AI

Microsoft si sta preparando a lanciare per la fine del 2024 una serie di funzionalità AI. Addirittura ha "imposto" alcune caratteristiche per definire i prossimi PC AI, come il tasto fisico per Copilot e determinate specifiche

Windows 11 24H2 sarà un sistema operativo basato sull'intelligenza artificiale. Quindi è lecito supporre che Windows 12 proseguirà nello stesso solco. 

Copilot (al momento non disponibile in Europa) sarà ovunque. Un recente post sul blog di Windows Insider menziona una sezione consigliata in Esplora file.

Qui verranno suggeriti file e cartelle che probabilmente si desidera aprire. Un altro su X mostra un collegamento diretto a Copilot. Queste funzioni arriveranno probabilmente su Windows 11 24H2, ma danno l'indicazione di cosa attenderci in futuro. 

Una nuova interfaccia?

A Microsoft Ignite, una conferenza destinata a sviluppatori e professionisti IT, è stata mostrata una nuova interfaccia desktop. Nessuno ha nominato Windows 12, ma molti ipotizzano che si tratti del nuovo aggiornamento.

L'immagine, un po' sfocata (forse intenzionalmente), presenta una barra delle applicazioni in basso flottante, non ancorata al fondo. C'è anche una barra di ricerca in alto, anch'essa flottante, mentre le icone di sistema sono spostate nell'angolo in alto a destra. In alto a sinistra si può vedere un'icona per il meteo.

Ipotetica interfaccia windows 12

Interfaccia desktop di quello che si pensa sia Windows 12 mostrato da Microsoft al Microsoft Ignite 2023. Fonte: Zack Bowden

Bowden, che ha condiviso l'immagine, afferma di aver visto diverse varianti di questo layout. Tra queste anche varianti con un aspetto molto diverso che non sono stati mostrati a Ignite.

Una in particolare include una nuova schermata di blocco/accesso, centro notifiche e altro ancora.

ipotetica interfaccia windows 12

Interfaccia desktop di quello che si pensa sia Windows 12. Fonte: Zack Bowden

Secondo il giornalista, questo prototipo di progettazione mira a raggiungere un'interfaccia meglio ottimizzata per gli schermi touch. Il tutto senza peggiorare l'esperienza per gli utenti che utilizzano mouse e tastiera. È qualcosa che Microsoft sta cercando di sviluppare per potersi adattare ai vari fattori di forma: desktop, laptop e tablet. Includendo anche i dispositivi con display pieghevoli (vedi CoreOS).

Supporto per PC ARM

La presentazione dei nuovi processori Snapdragon X Elite da parte di Qualcomm è un passo fondamentale per Windows. Qualcomm ha promesso il supporto ai programmi x86/64 senza problemi e i primi test sembrano promettenti.  

Secondo le ultime anticipazioni, Microsoft prevede di lanciare i primi portatili con Snapdragon X Elite a maggio 2024. Stiamo parlando dei nuovi Surface Pro 10 e Surface Laptop 6 (lanciati per le aziende con Intel Core Ultra a marzo 2024). 

Anche Samsung starebbe lavorando a un nuovo portatile basato su ARM alimentato da Snapdragon Elite X.

Senza scordarsi di AMD e NVIDIA, che stanno preparando progetti basati su ARM che saranno pronti nel 2025.

Microsoft sta preparando il supporto a questi nuovi computer, ma non si sa se attenderà Windows 12 per introdurlo. Comunque sia, Windows on ARM sarà presto una realtà.

E Core OS?

Microsoft surface

Da anni si parla di Core OS (o CorePC), una versione di Windows in grado di adattarsi a tutti i dispositivi grazie a un approccio modulare. Da quanto si sa, Core OS separerebbe i componenti del sistema operativo.

Questo approccio consentirebbe di rendere gli aggiornamenti più fluidi e una migliore sicurezza. Inoltre permetterebbe di anche a Microsoft di adattare Windows a piattaforme e casi d'uso specifici.

Alcune di queste istanze potrebbero non aver bisogno di eseguire tutte le funzioni di Windows. Il che consentirebbe di risparmiare risorse di sistema.

Sarà un aggiornamento gratuito?

Questo è probabilmente viene dato per scontato. Windows 12 dovrebbe essere un aggiornamento gratuito per gli utenti di Windows 11.

Proprio come Windows 11 verrà aggiornato a Windows 11 24H2. 

Nondimeno, in alcune versioni Insider di Windows 11 è apparso qualche richiamo agli abbonamenti. Questo potrebbe essere legato allo sfruttamento di funzioni di intelligenza artificiale avanzate. 

Quali sono i requisiti di Windows 12

portatile windows

Uno dei cambiamenti più contestati in Windows 11 è stato il nuovo insieme di requisiti hardware. Questo ha limitato enormemente il numero di dispositivi che potevano essere aggiornati (anche se ci sono scappatoie).

I requisiti di sistema di Windows 11 richiedono un PC con CPU Intel di ottava generazione o AMD Ryzen 2000 e versioni superiori. Richiede anche un TPM e un minimo di 4 GB di RAM.

Con Windows 12 non dovrebbero esserci rivoluzioni in questo senso. Quindi ci si attende che tutti i PC che eseguono Windows 11 siano grossomodo in grado di aggiornarsi a Windows 12.

Un rapporto afferma che Microsoft potrebbe aumentare il requisito di RAM da 4 GB a 8 GB per la prossima versione. Bowden però non è stato in grado di confermarlo.

Detto questo, sono emersi i requisiti per quelli che vengono definiti PC AI. Microsoft ha specificato che per essere tali i computer devono avere Copilot, il tasto Copilot e le ultime CPU / GPU. Particolarmente stringenti i requisiti per le NPU (Neural Processing Unit), che devono essere di 40 TOPS (Tera Operations per Second).  

Questo è necessario per supportare l'esecuzione degli strumenti AI sul dispositivo. Probabilmente queste novità saranno necessarie già per eseguire le funzioni in arrivo con Windows 11 24H2.

Quando esce Windows 12

Come abbiamo anticipato, il prossimo grande aggiornamento di Windows per il 2024 sarà Windows 11 24H2 e non Windows 12. Questa sembra essere una scelta dettata dalla necessità di non creare frammentazione. 

Windows 11 24H2 arriverà, come anticipato da Bowden, nella seconda metà del 2024. Anzi, Microsoft sta già testando questa prossima versione di Windows nel canale Canary riservato agli Insider. Questa prossima versione dovrebbe raggiungere la fase RTM nell'aprile 2024, ma non sarà completamente finalizzata fino ad agosto 2024.

L'aggiornamento arriverà come al solito per le versioni H2 nel periodo di settembre o ottobre 2024.

Ma Windows 12? Il vero Windows 12 è stato rimandato. Date non sono state condivise, quindi è possibile che se ne riparli nel 2025.

Cos'è l'aggiornamento Windows 11 2024

Come abbiamo spiegato nei capitoli precedenti, Windows 12 è diventato l'aggiornamento Windows 11 24H2. Questo è atteso per settembre / ottobre 2024, ma cosa porterà? Andiamo a scoprirlo.

Novità di Windows 24H2

Non si sa tanto del nuovo aggiornamento, che dovrebbe essere disponibile agli Insider da aprile. Molte funzionalità però sono già in fase di test ci sono rumor di altre in arrivo.

Microsoft Copilot e intelligenza artificiale

Copilot sarà sempre più presente in Windows. Quando si copia un testo, l'icona Copilot cambierà per indicare le azioni possibili, come spiegarlo, riassumerlo o semplicemente inviarlo alla chat Copilot.

A quanto pare arriverà un "Copilot avanzato", in grado di interpretare le ricerche in linguaggio naturale per trovare documenti e file. Si parla anche di una funzionalità "Super risoluzione" per migliorare la qualità dei video e dei giochi.

Un'altra novità riguarda la funzione Voice Clarity, che grazie all'IA può rimuovere il rumore di fondo registrato dal microfono. Lo strumento, che funziona sulla CPU, è riservato ad alcuni dispositivi Surface ma sarà disponibile per tutti. 

Inoltre è stata anticipata la possibilità di utilizzare l'IA per aggiungere un effetto di parallasse allo sfondo del desktop.

Esplora file

Dopo il supporto per l'apertura di file 7Z e TAR (tra gli altri tipi di archivio), ora sarete in grado di crearli. Microsoft ha aggiunto una nuova finestra di dialogo che consente di comprimere i file in uno di questi archivi. Inoltre si può anche scegliere il metodo di compressione e le impostazioni che si desidera utilizzare.

Inoltre, Microsoft ora aggiungerà le etichette alle icone sulla riga di pulsanti nel menu contestuale di Esplora file.

Sudo arriva su Windows

prompt comandi

Direttamente da Linux, il comando sudo sta finalmente arrivando su Windows 11 con l'aggiornamento 2024. Per chi non lo sapesse, sudo è una semplice istruzione che consente di eseguire il comando come amministratore.

Questo consentirà di utilizzare il prompt dei comandi come amministratore anche se lo si apre come utente normale. Inoltre ci saranno delle opzioni, come l'esecuzione del comando in una nuova finestra o in linea.

Risparmio energetico

Con il nuovo aggiornamento, Windows 11 avrà più funzioni di risparmio energetico. Una di queste è una modalità che può ridurre il consumo energetico sia sui portatili che sui desktop senza batteria.

Inoltre arriveranno nuove impostazioni di alimentazione relative alla chiusura del coperchio e al pulsante di accensione. Queste saranno disponibili direttamente nell'app Impostazioni e non più nel Pannello di controllo.

Usare il telefono come webcam

Un'altra novità, di cui si parla da tempo, è la possibilità di usare il telefono come webcam. Stando a quanto appreso, la funzione sarà indipendente dall'app Collegamento al telefono.

Via le app ARM a 32 bit, benvenuto Windows on ARM

La prossima versione di Windows non supporterà le app ARM a 32 bit, proprio come Android e iOS.

Ma non solo. L'arrivo dei nuovi dispositivi con Qualcomm Snapdragon X Elite è possibile che spinga a un migliore supporto per ARM.

Miglioramenti alle Impostazioni rapide

L'aggiornamento potrebbe anche introdurre alcuni miglioramenti per il pannello Impostazioni rapide. Nelle versioni Insider è apparsa la possibilità di farlo scorrere, migliorando la visibilità se si aggiungono più di sei pulsanti. 

Ci sono anche miglioramenti per l'interfaccia per la VPN, mentre l'elenco delle reti Wi-Fi ora include un pulsante di aggiornamento.

Miglioramenti vari

Altri miglioramenti riguardano la possibilità di installare i driver durante l'installazione iniziale. Questo può essere utile per chi configura un PC personalizzato.

Inoltre questo aggiornamento include anche una "modalità di stampa protetta da Windows". Questa rimuove il supporto per le stampanti che non sono certificate Mopria. Le stampanti certificate Mopria non hanno bisogno di driver per funzionare e sono il futuro della stampa su Windows.

Questa versione di Windows sarà anche la prima a supportare ufficialmente USB4 versione 2.0 o USB4 80 Gbps.

Questo nuovo standard promette una larghezza di banda bidirezionale fino a 80 Gbps, o fino a 120 Gbps in una singola direzione.

Altre novità riguardano la possibilità di diagnosticare problemi con Internet. Basterà cliccare con il pulsante destro del mouse sull'icona Internet sulla barra delle applicazioni.

Infine l'aggiornamento rimuoverà il supporto per Windows Mixed Reality. Alcune app, come Posta e Calendario, Persone e Mappe, non saranno più incluse per impostazione predefinita.

Ultime notizie su Windows 12

A seguire trovate tutti gli articoli su Windows 12 pubblicati su SmartWorld, a partire dal più recente. In questo modo sarete sempre al passo con le ultime novità sul prossimo Windows.

Gli ultimi articoli