Address Maker, l'app di Google Maps che assegna un indirizzo alle case a cui manca

Address Maker, l'app di Google Maps che assegna un indirizzo alle case a cui manca
SmartWorld team
SmartWorld team

Google Maps ha creato un'applicazione per assegnare gli indirizzi anche alle case che si trovano su strade senza nome. Si chiama Address Maker e sfrutta una tecnologia che si basa sulle coordinate geografiche.

Assegnare un indirizzo

Non tutte le case hanno un indirizzo. Sembra impossibile da credere, specie per chi vive in una grande città in un Paese sviluppato. Ricevere bollette, pacchi, cartoline e qualunque tipo di comunicazione via posta sembra la cosa più naturale del mondo. Se ci si sofferma a riflettere, ci rendiamo conto che non è così per tutti. Google Maps interviene a favore di quelle case isolate, finora prive di un indirizzo postale. Basta pensare ai paesi più poveri, ma non solo, anche alle abitazioni che si trovano in punti difficili da raggiungere, meno frequentati, in cui le strade non hanno un nome. Con la nuova app Address Maker, supportata da un software di Google Maps, è possibile assegnare indirizzi unici, senza bisogno dei nomi delle strade.

Address Maker

Address Maker è lo strumento per creare indirizzi destinato principalmente a istituzioni, organizzazioni e governi. Google Maps consente agli utenti di localizzare edifici e case in due modi diversi: l'indirizzo postale e il Plus Code. Quest'ultimo è un codice unico che identifica qualunque luogo di interesse sulla mappa. Ed è proprio su questo che si basa Address Maker, sfruttando il valore unico di ogni edificio. L'app, per dispositivi Android, consente appunto di assegnare i Plus Code alle strutture che sono state edificate in strade prive di nome.

Cosa sono i Plus Code?

I Plus Code su cui si basa la tecnologia dell'applicazione di Google Maps sono come degli indirizzi stradali, assegnati a luoghi o persone che ne sono prive. In questo caso non si tratta di nomi di strade e numeri civici, ma di coordinate che sfruttano i dati di latitudine e longitudine. I Plus Code sono indicati con una serie di numeri e lettere. Coloro ai quali viene assegnato un codice potranno accedere a servizi sociali o di emergenza, ricevere corrispondenza ed essere localizzati sulla mappa.

Il loro utilizzo

La tecnologia Plus Code è open source e a titolo gratuito. I codici in questione si differenziano dalle coordinate tradizionali in quanto più brevi e semplici, dunque sono più semplici da condividere. Utilizzano venti caratteri alfanumerici unici, universali e quindi non confondibili. Le vocali non sono incluse e i Plus Code non sono sensibili alle maiuscole. Questa tecnologia non necessita di una connessione internet, può dunque essere utilizzata anche offline.

Garantire maggiori servizi

Con l'assegnazione dei Codici Plus attraverso questo strumento di Google Maps, qualunque luogo può essere localizzato con precisione sulla mappa. In questo modo, il problema dell'assegnazione dei nomi alle strade viene bypassato. Individuare un edificio non interferirà con le questioni urbanistiche, ma con un semplice codice sarà possibile trovare un'abitazione e raggiungerla facilmente. In questo modo si potranno garantire maggiori servizi anche ai miliardi di persone che sono ancora prive dell'indirizzo. Creare e assegnare degli indirizzi a una città poteva richiedere addirittura degli anni. Con Address Maker le tempistiche si riducono a qualche settimana. Il servizio i Google Maps è già utilizzato da ONG e governi in Sudafrica, Gambia, Kenya, India e Stati Uniti.

Il tweet di lancio

Google Maps ha presentato l'applicazione lo scorso 29 settembre su Twitter, scrivendo "Gli indirizzi sono fondamentali per l'inclusione sociale ed economica, ma miliardi di persone non ne hanno uno. Ecco perché abbiamo lanciato Plus Codes, un sistema di indirizzamento digitale gratuito e open-source, nel 2015. Oggi presentiamo Address Maker, un'applicazione gratuita per smartphone che aiuta i governi e le organizzazioni non profit a creare rapidamente indirizzi Plus Code per intere città o villaggi. Questo accorcia un processo che prima richiedeva anni a poche settimane."

A chi è destinato

Il servizio risulta fondamentale per l'inclusione degli abitanti delle zone rurali e di quelli che non hanno accesso ai servizi fondamentali a causa di questa problematica. Destinato a individui e aziende, Address Maker può davvero fare la differenza. Piccole e medie imprese potranno aiutare i clienti a farsi trovare (e viceversa), semplificando consegne e operazioni logistiche. I servizi di emergenza potranno avere informazioni precise e agire il più velocemente possibile. I governi potranno raggiungere tutti i cittadini e fornire loro l'assistenza sociale, la registrazione per il voto, la ricezione di comunicazioni importanti via posta, etc. Le ONG potranno fornire aiuti umanitari e coordinare meglio le attività in aree con dati di mappatura incompleti.

Commenta