L’aggiornamento dell’Autopilot di Tesla ha raggiunto tutti i veicoli, ma per ora rimane “in ascolto”

Leonardo Banchi

L’annunciato aggiornamento per Autopilot, il pilota automatico delle auto Tesla, ha ormai raggiunto tutti i veicoli dotati di hardware HW2. A diffondere la notizia, attraverso un Tweet, il CEO della società Elon Musk, ovviamente soddisfatto della tempestività di diffusione dell’aggiornamento.

Anche se aveste un veicolo con hardware di seconda generazione (la sigla HW2 identifica infatti le revisioni più recenti di vari modelli, fra cui la Model S e Model X), non potreste comunque ancora sfruttare le novità introdotte dall’update: l’Enhanced Autopilot è infatti al momento presente in  quella che Musk ha chiamato “non-actuating mode”, ovvero una modalità che gli permette di raccogliere dati e ipotizzare interventi, ma non di agire effettivamente sul sistema.

LEGGI ANCHE: Le navette a guida autonoma di Las Vegas

Lo scopo di questa modalità, come è facile intuire, è quello di testare su larga scala la sua efficacia prima di farlo entrare realmente in azione: il “taglio del nastro” non è comunque lontano, e se tutto andrà come previsto l’attivazione del sistema potrà arrivare già entro la fine della settimana.

Via: Engadget