Come Amazon Echo ha ordinato casette da bambole per mezza San Diego (video)

Cosimo Alfredo Pina

Da noi Amazon non l’ha ancora resi disponibili ma gli Echo, gli speaker smart basati sull’assistente vocale Alexa, negli Stati Uniti possono essere usati per un sacco di interazioni: ricevere notizie, controllare i gadget smart di casa oppure effettuare acquisti online, ovviamente su Amazon.

Proprio quest’ultima funzione è al centro di una buffa, ma significativa dei problemi di questa tecnologia, storia partita dal Texas e conclusasi a San Diego, California. Brooke è infatti una bambina di sei anni che ha chiesto ad Alexa: “Puoi giocare con me alla casa delle bambole e prendermi una casa delle bambole?”.

Ovviamente Echo, che come impostazione di default ha gli acquisti automatici attivati e non protetti e non è in grado di distinguere tra una persona o l’altra, ha fatto partire subito un ordine su Amazon.it. Il giorno dopo a casa di Brooke è stata recapitata una casa delle bambole e un pacco da ben 2 kg di biscotti.

LEGGI ANCHE: Android ed Alexa rendono smart questo robottino da 350$

L’innocente marachella della bambina ha fatto il giro dei notiziari negli USA, passando anche per quello di una TV locale di San Diego, dove un ignaro (o forse no?) conduttore commentando la notizia ha pronunciato (vedi minuto 1:56 del video a fondo articolo): “Trovo adorabile la bambina che dice ‘Alexa ordina una casa per le bambole'”.

Chiunque in quel momento fosse in ascolto da casa con Amazon Echo senza acquisti bloccati si è trovato con un ordine non desiderato per una casa da bambole. In molti hanno chiamato l’emittente lamentandosi e il caso ha preso dimensioni tali che Amazon ha dovuto avviare una campagna di resi gratuita.

Insomma Amazon Echo ed Alexa saranno pure alcuni dei prodotti smart più interessanti degli ultimi anni, ma chi ne acquista uno fa bene a rendersi conto tanto delle sue potenzialità quanto dei suoi limiti, pena trovarsi la casa invasa dai giochi più ambiti dai pargoli che imparano sempre più  velocemente ad usare la tecnologia.

Via: Il Disinformatico (Paolo Attivissimo)Fonte: CNN