Amazon e Sony Playstation sono le ultime aziende a ritirarsi dalla Russia

Amazon e Sony Playstation sono le ultime aziende a ritirarsi dalla Russia
Antonio Lepore
Antonio Lepore

Sony ha annunciato di aver sospeso tutte le spedizioni di PlayStation e di videogiochi verso la Russia. Il portavoce di Sony Interactive Entertainment, a The Verge, ha così motivato la decisione: "Sony Interactive Entertainment si unisce alla comunità globale nel chiedere la pace in Ucraina. Abbiamo sospeso tutte le spedizioni di software e hardware, il lancio di Gran Turismo 7 e le operazioni del PlayStation Store in Russia". Il portavoce, infine, ha aggiunto che Sony ha donato 2 milioni di dollari all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite a favore dei rifugiati e all'ONG Save the Children per sostenere le vittime dell'invasione.

Sony, così, ha seguito la decisione già presa da società come Activision Blizzard, Epic Games, EA, CD Projekt Red, Ubisoft e Take-Two e, in ultimo, Amazon. Difatti, sono state sospese tutte le spedizioni in Russia e Bielorussia, ma non solo. La società, attraverso un post, ha annunciato anche lo stop ad Amazon Prime Video in Russia.

Ricordiamo, infine, che effettuare acquisti online, in Russia, era già diventato complicato dopo che Visa e Mastercard avevano interrotto qualsiasi operazione nel Paese.

Mostra i commenti