GoPro Fusion, la nostra anteprima della videocamera a 360° senza “punti di sutura” (foto e video)

Nicola Ligas -

GoPro Fusion promette di rivoluzionare il mondo delle videocamere a 360°, portandole su un altro livello, uno che vada oltre i visori VR. La caratteristica principe di questa videocamera, dalla quale prende il nome, è la perfezione della fusione dei flussi video delle due sfere (ciascuna con un campo visivo di 194°). L’unione è così combaciante che è impossibile dire dove si fermi uno e dove inizi l’altro. E tutto senza perdita di risoluzione, anzi.

GoPro Fusion registra infatti in 5,2K@30 fps, oppure in 3K@60 fps, con foto a 18 megapixel. È inoltre dotata di una batteria da 2.620 mAh, capace di un’autonomia di circa 80 minuti in 3K.

Una sua particolarità è senz’altro l’uso di due processori separati per elaborare i due flussi video. Inoltre, ci sono anche due slot microSD, entrambi necessari al funzionamento. Alcuni dati verranno infatti scritti su una scheda, altri sull’altra, ed il software a corredo li combinerà poi nel modo giusto. In ogni caso avrete bisogno di due microSD per farla funzionare. GoPro ci ha spiegato che con una sola scheda non sarebbe stato possibile fare “la magia” che Fusion fa.

LEGGI ANCHE: GoPro Karma, la recensione

Sì perché questa videocamera non solo registra in alta qualità, ma raccoglie tutta una serie di dati che poi permettono una post-elaborazione senza precedenti. Basta una gesture per passare al classico little planet, e tramite la funzione overcapture sarà possibile “ritagliare” una porzione piatta dal filmato sferico. Si tratta di un’opzione che sarà disponibile ad inizio 2018, sia sull’app per smartphone che da PC. Da telefono vi basterà muovervi nello spazio per inquadrare la porzione del video a 360° che vi interessa, e quella porzione diventerà un classico video “flat” in 16:9. In maniera simile, potrete fare lo stesso da PC. Non è facile descriverlo a parole, ma vi assicuriamo che l’effetto è impressionante: fluido e godibile come se ci fosse stato un regista a dirigere l’azione con multiple fotocamere, e tutto è invece alla portata di chiunque.

GoPro Fusion ha inoltre un certo grado di impermeabilità, fino a 10 metri, ma sott’acqua i video sferici non funzionano, a causa della rifrazione che è presente. Utilizzando apposite custodie, prodotte da terze parti, sarà però possibile continuare ad avere filmati sferici (ed una maggiore impermeabilità) anche sott’acqua.

GoPro Fusion è insomma decisamente interessante, e non mancheremo di stressarla a dovere quando sarà disponibile sul mercato, al più entro un paio di mesi. Peccato solo per il prezzo salato: 749,99€ (in pre-ordine), ma sembra che sia sinonimo di qualità.