Apple continua a studiare come mischiare Realtà Aumentata e Realtà Virtuale con un nuovo brevetto per visore VR (foto)

Roberto Artigiani

Apple ha registrato un brevetto per un sistema complesso che mischia Realtà Aumentata, Realtà Virtuale e una serie di sensori per tracciare il movimento di tutta la faccia e delle mani. La certificazione è stata richiesta lo scorso marzo, ma è stata pubblicata solo la settimana passata ed è oggi diventata di dominio pubblico. Non è la prima volta che Cupertino brevetta una tecnologia simile, anzi possiamo dire che questa soluzione si inserisce in un più ampio quadro di ricerche analoghe.

Apple infatti sta studiando da tempo come trasportare l’esperienza AR dagli smartphone a una specie di visore in grado di raccogliere dati da sensori e videocamere tanto dall’ambiente esterno quanto dall’utente stesso. Quale sarà lo scopo di queste ricerche non è minimamente noto e anzi da Cupertino finora non è trapelata nessuna informazione nel senso di un qualsiasi sfruttamento commerciale.

LEGGI ANCHE: Amazon Prime Now arriva anche a Roma

L’ultimo brevetto – visibile integralmente qui – si compone di un visore dotato di display in grado di mostrare una rappresentazione tridimensionale del mondo reale arricchita di elementi virtuali. Non si tratta quindi di una vera e propria Realtà Aumentata, ma di una ricostruzione filtrata da videocamere e sensori e riproposta su dei display oculari. L’insieme dei sensori inoltre sarebbe in grado di tracciare non soltanto la posizione delle mani – come già avviene per diversi visori – ma anche la posizione di testa, palpebre, labbra e mandibola insieme a dati sulle condizioni luminose dell’ambiente circostante.

Gli usi di questa tecnologia potrebbero essere molteplici e il brevetto stesso non traccia alcuna conclusione lasciando aperte le possibili applicazioni pratiche. Secondo voi cosa potrebbe diventare uno strumento simile? Fatecelo sapere nei commenti.

Via: The VergeFonte: Variety