Zenbo, il robot assistente di ASUS, si presenta all’FCC e svela molti dettagli su se stesso (foto)

Leonardo Banchi

È passato più di un anno da quando ASUS ha mostrato al mondo Zenbo, il robot animato e semovente che “incarnerà” l’idea di assistente personale del marchio Taiwanese, ma ancora nessuno ha potuto portarselo a casa e farsi seguire fra le varie stanze.

Le cose però sembrano essere vicine a cambiare: in Taiwan il robot è attualmente in fase di preordine, e anche alla FCC sono state presentate le pratiche per la certificazione negli Stati Uniti.

LEGGI ANCHE: I robot di LG che vi accompagnano all’interno dell’aeroporto

Il documento pubblicato sul sito web dell’agenzia ci offre per la prima volta molti dettagli su cosa si nasconde all’interno di ASUS Zenbo: assieme alle foto che documentano l’aspetto del dispositivo sono stati infatti allegati il manuale d’uso e varie immagini dei componenti interni.

Secondo il manuale, il “cervello” di Zenbo sarà un processore Intel Atom x5-Z8550 Cherry Trail, affiancato da 4GB di RAM e 32 o 128GB di memoria interna. Lo schermo, necessario per mostrare le espressioni del robot e per interagire con esso, sarà un display multitouch WXGA da 10,1″.

Non poteva poi mancare, dato il tipo di dispositivo a cui ci troviamo davanti, anche un ampio parco di sensori necessari a rendere Zenbo conscio dell’ambiente circostante: 4 microfoni digitali garantiranno la cattura dei comandi vocali (ai quali il robot potrà rispondere tramite un altoparlante da 15 watt), un sensore IR, un sonar e una videocamera 3D gli permetteranno di muoversi nello spazio, mentre la webcam da 13MP sarà utilizzata per la registrazione di foto e video o per effettuare videochiamate.

Zenbo si connetterà alle reti WiFi con un’antenna 802.11ac, potrà comunicare via Bluetooth 4.0 e ospiterà anche una porta USB 3.0 di tipo A. Avrà a bordo Android, in una versione pesantemente personalizzata da Asus, e potrà essere controllato anche attraverso un’applicazione installata sul proprio smartphone.

Al di là dei particolari rilevati, la certificazione FCC è rappresenta però il primo passo per lo sbarco di Zenbo al di fuori dei confini Taiwanesi: riuscirà il robot prima o poi a raggiungere anche il nostro paese?

Via: Liliputing