Bluetooth Mesh è il nuovo standard dedicato a casa smart ed IoT

Vezio Ceniccola

Bluetooth SIG, l’organismo che si occupa del relativo standard, ha rilasciato le specifiche per il nuovo protocollo Bluetooth Mesh, il quale rappresenta un grande passo avanti per questa tipologia di connessione, soprattutto in ottica smart home e IoT.

La tecnologia Mesh consentirà ai prodotti Bluetooth di agire come hub per altri dispositivi connessi, in modo da estendere la copertura del segnale tramesso saltando da dispositivo a dispositivo, senza il bisogno di una comunicazione diretta tra punto iniziale e finale.

La rete creata con questo meccanismo – mesh network – è composta da una serie di dispositivi in grado di sfruttare connessioni low-power, utili per garantire una lunga durata della batteria. Inoltre, per aumentare ulteriormente il risparmio energetico, è possibile comunicare solo con alcuni punti della rete, o scegliere di ricevere segnali ad intervalli di tempo, senza rimanere connessi permanentemente.

Un utilizzo tipico di questo tipo di tecnologia potrebbe essere quello legato ai gadget per la casa intelligente. Ad esempio, un sensore per la temperatura potrebbe comunicare con un termostato posto in un altra stanza, inviando il segnale attraverso altri dispositivi posti lungo il percorso che lo separa da esso.

LEGGI ANCHE: Bluetooth 5 è finalmente realtà

L’implementazione del Bluetooth Mesh non richiede modifiche hardware, ed è compatibile con tutti i dispositivi con Bluetooth 4.0 o 5.0. Ovviamente, per poter aggiornare tali gadget ci sarà bisogno dell’intervento del produttore, e sarà questo lo scoglio più grande da superare.

La battaglia tra i diversi standard di comunicazione per l’IoT si fa dunque sempre più agguerrita, e la nuova sfida tra Bluetooth Mesh e Wi-Fi low-power potrebbe spingere le due tecnologie a raffinare sempre più i loro protocolli.

Dall’altra parte, il sogno di uno standard unico e funzionante su tutte le piattaforme software e hardware si allontana ulteriormente, ma probabilmente ci penserà il mercato stesso a scegliere un degno vincitore della contesa. Il mondo dell’IoT è solo all’inizio del suo sviluppo, dunque bisognerà attendere ancora qualche anno prima di capire quali saranno le tecnologie che riusciranno ad imporsi sulle altre.

Via: The Verge