Bonus Mobilità 2020: come ottenerlo e come funziona la piattaforma

Nicola Ligas -

Bonus mobilità elettrica 2020: alle ore 9 del 3 novembre 2020 scatta l’ora X per richiedere il rimborso del 60% sull’acquisto di biciclette, monopattini e altri mezzi elettrici per la micromobilità urbana. È stato definito “click day“, perché i bonus verranno emessi in base all’ordine di presentazione della domanda, e potete stare sicuri che ci sarà una pioggia di richieste. In ogni caso il ministero ha già confermato che ci saranno fondi per tutti, anche a costo di inserirne di nuovi nella legge di bilancio, pertanto non ha davvero senso tempestare di domande un sistema che potrebbe non reggere un carico eccessivo di richieste come ci si aspetta.

A chi spetta il bonus mobilità 2020

Per richiedere il bonus dovete essere maggiorenni e residenti in un capoluogo di regione o di provincia, in una Città Metropolitana, o in un comune con oltre 50 mila abitanti (secondo i dati Istat 2019). Le Città Metropolitane in Italia sono 14: Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma, Torino, Venezia.

Cosa posso acquistare / rimborsare con il bonus mobilità 2020

  • Biciclette (con o senza pedalata assistita),
  • handbike
  • veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica, sia nuovi che usati (monopattini, hoverboard, segway, ecc.)

Il bonus mobilità prevede un contributo del 60%, fino ad un massimo di 500€, per l’acquisto di uno dei mezzi di cui sopra.

Come ottenere il bonus mobilità 2020

Il sito al quale dovrete collegarvi, attivo dalle ore 9 del 3 novembre, è questo. Che abbiate già acquistato un mezzo, e che dobbiate ancora acquistarne uno, fate riferimento sempre a lui.

Se avete acquistato uno dei veicoli di cui sopra, tra il 4 maggio 2020 e fino ad oggi, 2 novembre 2020, potete chiedere un rimborso tramite bonifico sul vostro conto corrente. Dopo che vi sarete registrati al portale del Ministero dell’Ambiente, dovrete caricare una copia digitale del documento di acquisto, e dovrete inserire ovviamente l’iban sul quale chiedete il rimborso. Per farlo dovrete essere in possesso delle credenziali SPID (vedi qui); se non le aveste, vi suggeriamo di provvedere subito in modo da velocizzare il tutto.

Se doveste invece ancora effettuare l’acquisto, dovrete richiedere uno sconto, che sarà applicato direttamente al momento dell’acquisto del mezzo. È importante quindi stare attenti alla differenza tra la fase 1 (la precedente) e la fase 2 (quella valida da domani). Una volta effettuata la richiesta, vi sarà infatti fornito un buono che potrete riscattare presso i negozi aderenti (anche online), il cui elenco lo potete consultare qui. Abbiamo già realizzato una guida dedicata ad Amazon che vi invitiamo a leggere per approfondire. Attenzione: dovrete acquistare il vostro mezzo entro il 31 dicembre 2020, o lo sconto non sarà più valido.