A breve non ci sarà più nessuna assistenza per i MacBook Pro 15” 2012, ecco perché

Federica Papagni

Niente è per sempre. Una triste ma quanto vera realtà con cui l’uomo deve costantemente convivere e che quest’oggi ci ritroviamo ad accostare a un prodotto Apple ormai un po’ datato: il MacBook Pro da 15″ del 2012. Dopo ben otto anni dal suo arrivo nel mercato, Apple ha deciso che a partire dal 30 giugno 2020 questo specifico modello entrerà a far parte dell’elenco dei dispositivi vintage e obsoleti.

Ma nello specifico cosa cambierà per tutti coloro che posseggono un MacBook Pro da 15″ 2012? Nella pratica nulla, perché ovviamente l’utilizzo non sarà in nessun modo compromesso, ma a pagarne il prezzo saranno eventuali problemi e necessità di riparazione. Infatti, con l’entrata a far parte di questa lista, Apple non garantirà più per questo modello l’assistenza tecnica presso i suoi Apple Store e centri di riparazione autorizzati.

LEGGI ANCHE: Ecco la nostra anteprima di The Last of Us 2

In virtù di quanto detto finora è consigliabile, nel caso siate i possessori di questo MacBook – il primo a vantare un display Retina e una struttura più sottile rispetto ai suoi predecessori – e necessiti di un intervento tecnico, di prenotare un appuntamento prima che il calendario arrivi al 30 giugno.

Via: AppleInsider
  • Giovanni Orlandi

    Beh i primi sono stati venduti 8 anni fa, ma gli ultimi ? Fino a quando è stato “a catalogo” ? Fino a 5 anni fa ? Fino a 4 anni fa ? Bella fregatura per chi l’avesse comprato 4 anni fa, ma mi sembra che Apple punti abbastanza sulla obsolescenza…