Cambio alla guida (autonoma) per Project Titan di Apple

Filippo Morgante

Non è un mistero che Apple abbia un progetto interno riguardante la guida autonoma, nome in codice: Project Titan. Secondo un recente report di Bloomberg c’è stato un cambio che ha portato a capo di questo progetto John Giannandrea (foto), già vice-presidente senior della divisione machine learning e intelligenza artificiale. Giannandrea assume così la posizione precedentemente occupata da Bob Mansfield.

Mansfield prima di rientrare dalla pensione nel 2016 per seguire Project Titan aveva già diretto il team hardware e seguito il progetto Apple Watch. Ora sembra essersi ritirato definitivamente. Il progetto invece, che ha vissuto molti cambi di strategia nel corso degli anni, sembra aver preso la strada dello sviluppo di un sistema di guida autonoma, motivo per cui Giannandrea è stato messo al comando. Stando a quanto dice Bloomberg centinaia di ingegneri precedentemente appartenenti a Project Titan sono stati spostati verso il gruppo di intelligenza artificiale e machine learning.

LEGGI ANCHE: Tesla rilascia la beta di Full Self-Driving

L’attuale progetto prevede lo sviluppo della tecnologia per un partner al momento sconosciuto. In passato erano state valutate anche le opzioni di lanciare una propria auto sul mercato e progettare un kit after-market che permettesse di rendere autonome diverse automobili.

Via: 9to5macFonte: Bloomberg
  • Gianni contiello

    Ci avete rotto voi e la guida autonoma e basta milioni e milioni per svilupparla ,create posti di lavoro ,che c’è un buco disoccupazione che si fa sempre più grande ,automatizzando tutto state contribuendo a farlo crescere ancora di più ,leggo articoli assurdi rivoluzione ma di che 5g.e cose varie ,ma quando ci svegliamo ormai stanno facendo di tutti noi i loro robottini ,svegliamoci adesso ,che già e tardi ,e non venitermi a dire il progresso ma quale progresso aumenterà sempre di più la disuguaglianza e inutile nasconderlo ,mi rivolgo a tutti questi amanti di tecnologie che non si rendono conto di quante persone perderanno lavoro e non avranno possibilità di formarsi,perché con le nuove tecnologie parlo in generale ci vogliono le basi per formarsi e non tutti ce le hanno ,quindi tutte queste stronzate che leggo sui commenti negli articoli di questo genere ,che bisogna reinventarsi formarsi su nuovi lavori sono solo ca####equindi prima di scrivere ca####e pensateci bene

    • Dan

      “quante persone perderanno il lavoro per via della guida autonoma”. Intorno agli inizi del ‘900, si veniva svegliati da un uomo che picchettava alla tua finestra per svegliarti, ad oggi abbiamo le svegli. Nello stesso periodo esistevano persone in caricate di accendere e/o spegnere dei lampioni, ad oggi si accendono in modo autonomo. Non mi pare che ad oggi questi lavori abbiano lasciato un grosso buco nell’economia attuale. La presenza di una guida autonoma non implica che si perdano ingenti posti di lavoro. Un tassista o un conducente di un bus, rimarranno (almeno per il momento), perché potrebbero dover fermare la vettura in caso di possibile incidente per un errore nel sistema operativo. Anche i treni si guidano, praticamente, in modo autonomo, ma si ha comunque un conducente. Il tempo aprirà le porte a nuovi lavori

  • Marco

    Il partner potrebbe essere Mercedes che da poco ha abbandonato lo sviluppo diretto di un sistema di guida autonoma. Comunque più aziende ci lavorano e prima si riuscirà a raggiungere l’obbiettivo. Bene così.