Cambio di stagione in casa Oculus: finisce l’era di Oculus GO per dare più spazio al Quest

Giovanni Bortolan

Oculus, la divisione di Facebook dedita alla produzione e allo sviluppo di visori e servizi VR ha deciso di porre fine al suo Oculus GO. Quest’ultimo, introdotto nel 2018 come opzione economica prevalentemente orientata ad utilizzi extra videoludici, è riuscito a riscuotere un discreto successo negli anni (commisurato ai numeri limitati che riguardano questa nicchia di mercato); ciò tuttavia non ha fermato Oculus dal decidere di focalizzare la propria attenzione su di un altro modello, il Quest.

Entrando in dettaglio la divisione di Facebook manterrà attivo il firmware di Oculus Go fino al 2022 e continuerà ad accettare nuove applicazioni fino a questo dicembre. Le vendite fisiche invece saranno cessate con l’esaurimento dell’attuale stock di visori. Nel frattempo Oculus sta studiando un nuovo modo per gli sviluppatori di proporre le proprie applicazioni, possibilmente meno restrittivo e più incoraggiante.

LEGGI ANCHE: Oculus Quest e Rift S spengono una candelina: ecco cosa ci riserva il futuro

Ciò che ci auguriamo di vedere in seguito a questo annuncio è una maggiore disponibilità del visore. In questi mesi non è infatti bastata l’attenzione del produttore per il suo Quest, che per gran parte dell’anno è risultato non disponibile in moltissimi mercati mondiali (la pandemia non ha certo aiutato). Un portavoce di Facebook tuttavia ha dichiarato che questo problema di discontinuità sarà presto risolto.

Fonte: The Verge