Canon ha sviluppato un sensore fotografico in grado di curvarsi a comando

Leonardo Banchi

Anche se i sensori fotografici sono sempre più sofisticati (e gli strabilianti risultati raggiunti da alcuni smartphone ne sono una prova più che tangibile), la tecnologia sulla quale essi sono basati non ha subito grandi stravolgimenti da moltissimo tempo. Un brevetto depositato da Canon, però, potrebbe ribaltare presto le carte in tavola.

L’azienda giapponese ha infatti sviluppato e brevettato un sensore di immagini curvo, in grado di piegarsi a comando se attivato da un segnale elettrico: una piccolissima novità, che però potrebbe giocare un ruolo molto importante sullo sviluppo delle fotocamere digitali nei prossimi anni.

LEGGI ANCHE: L’action cam di Casio con occhi notturni

I vantaggi derivanti dall’utilizzo di un sensore a curvatura controllata non sono indifferenti: esso sarebbe infatti in grado di catturare un’immagine di qualità decisamente superiore, soprattutto in prossimità degli angoli della foto, grazie alla capacità di correggere le distorsioni derivanti dalla curvatura del campo visivo. A questo si affianca inoltre una semplificazione produttiva, dato che tali risultati potrebbero essere ottenuti con lenti più piccole, più semplici e di fattura più economica.

Ovviamente, trattandosi di un brevetto, non possiamo aspettarci di veder arrivare questa tecnologia sulle fotocamere e sugli smartphone della prossima generazione, ma l’attuale stato dei lavori fa pensare che il momento del suo impiego non sia neanche troppo lontano.

canon-sensore-fotografico-curvo

Via: FoneArena