Nuovi loghi e certificazioni per i caricatori USB: ora potete riconoscerli con uno sguardo (foto)

Vezio Ceniccola

In attesa di vedere i primi prodotti compatibili col nuovo standard USB 3.2, giungono buone nuove per quanto riguarda gli accessori dedicati alla ricarica rapida tramite USB, che da ora potranno sfoggiare nuovi loghi ad essi dedicati per aiutare i consumatori.

Il consorzio USB Implementers Forum ha dato il via al nuovo programma di certificazione dei caricatori USB, il quale andrà a verificare le specifiche dei nuovi prodotti immessi sul mercato da ora in poi, stabilendo la loro aderenza alle regole e assegnando gli appositi loghi da mettere sulla confezione di vendita.

In questo modo i clienti potranno capire rapidamente le qualità del prodotto che stanno per acquistare. I certificati, infatti, danno informazione diretta sulla potenza offerta dal caricatore, con loghi specifici per le specifiche più comuni come ad esempio i caricatori da 25 W, 27 W, 35 W, 45 W e 65 W.

LEGGI ANCHE: Svolta smart per BTicino

Nei prossimi mesi, dunque, tutti i caricatori USB di ogni forma e dimensione potranno adottare queste nuove indicazioni, che potremo abituarci a vedere sulle scatole dei caricatori da parete, quelli da auto o quelli inclusi negli hub USB. Qui di seguito trovate qualche immagine esemplificativa, che mostra proprio alcuni dei loghi di cui abbiamo parlato.

Via: AnandTech
  • Nicola

    Speriamo la cosa valga anche per quelli wireless, ho dovuto fare tre resi ad amzon prima di trovarne uno davvero veloce per il mio s9. Tutti riportavano diciture quick, rapid, superultrapower e poi la ricatica passava da 1,5 ore a 3 😡

    • Valerio Ciani

      Sapresti dirmi quale hai preso ??

      • Nicola

        Cerca su amazon lemego wireless, è brutto che non si guarda ma è rapido

    • Orlando Morrone

      Per i Samsung è un po’ un casino.. anche con il mio S7edge ho avuto difficoltà alla fine mi sono rassegnato alla ricarica lenta..

  • Psyco98

    Buona cosa, anche se il vero dramma è per il trasferimento dati, dove a causa del grande range di velocità vengono vendute chiavette che vanno al minimo possibile (o anche sotto) della velocità per le 3.0 spacciandole per superveloci.