Chirurgia nello spazio: la nuova borsa di studio di SpaceX

Chirurgia nello spazio: la nuova borsa di studio di SpaceX
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari

Alzi la mano chi non è mai rimasto affascinato dal dottor McCoy di Star Trek. Un medico su un'astronave stellare, il cui compito è tenere in vita i propri compagni di viaggio, e, fondamentalmente, la figura su cui tutti fanno affidamento nelle situazioni più difficili. 

Con la prospettiva di missioni spaziali sempre più lunghe e soprattutto lontane dal nostro pianeta (pensate a missioni su Marte della durata di due anni e mezzo), SpaceX vuole sulle proprie astronavi proprio questo specialista e ha appena avviato insieme all'Università dell'Arizona la prima specializzazione al mondo per preparare dei chirurghi aerospaziali.

Questa borsa di studio, denominata "APEX Aerospace Surgery Fellowship" preparerà i medici a lavorare nel campo medico aerospaziale commerciale per fornire un supporto chirurgico e di terapia intensiva in ambienti estremi. I partecipanti trascorreranno anche sei mesi presso SpaceX e al termine della specializzazione, che partirà a luglio e durerà un anno, otterranno una certificazione in medicina aerospaziale con la designazione di chirurgo di volo. 

I nuovi medici potranno poi partecipare alle missioni spaziali, oltre che di SpaceX, anche della NASA e di altri programmi spaziali, per andare, come indicato nel comunicato, "dove nessuno è mai arrivato prima".

Mostra i commenti