Chromium è in procinto di diventare “elettrico”

Enrico Paccusse Titolo alternativo: "Internet è sempre più proprietà di Chrome: a breve anche a bordo delle Tesla"

Chromium continua a macinare successi e a guadagnare nuove fette di mercato. Dopo Microsoft, che ha annunciato recentemente l’integrazione del motore open source di Google nella nuova versione di Microsoft Edge, anche Tesla entra a far parte delle società a supporto del progetto.

La notizia arriva dopo le continue richieste dei clienti della casa automobilistica che lamentavano una lentezza tale da impedire il rendering dei siti web con la versione attuale del software (e pensare che la versione corrente è il doppio più veloce della precedente, sostituita ad Aprile 2018). Secondo quando riportato da Electrek, appena il 30% dei clienti utilizza il browser su base mensile.

Ora però si parla di un cambio di paradigma, un nuovo motore più performante che possa consentire una navigazione sensibilmente migliorata. È lo stesso Elon Musk, eclettico CEO di Tesla, a confermare la notizia su Twitter, proprio in risposta ad una delle tante lamentele.

LEGGI ANCHE: Tesla fa dietrofront sulle proprie politiche di vendita

Non si hanno notizie per quanto riguarda le tempistiche di integrazione. Quindi ora non ci resta che aspettare, nella speranza che la società non si ritrovi a tornare su suoi passi anche in questa circostanza.

Via: Electrek