Come riorganizzare le proprie abitudini grazie alla tecnologia di Honor

Redazione -

In collaborazione con Honor

Alzi la mano chi quest’anno ha dovuto riorganizzare il modo in cui studia, lavora e fa sport. Bene, tutti presenti vedo. In effetti prima del 2020 in Italia erano davvero poche le persone che avevano confidenza con concetti come lo smart working o lo studio a distanza. Per non parlare di quelli che avevano partecipato a corsi di fitness o yoga da remoto. Con l’arrivo del Covid e il lockdown imposto da marzo in poi, praticamente tutta la penisola si è trovata dover fare i conti con una serie di attività che volente o nolente andavano portate avanti, anche senza andare a scuola, in ufficio o in palestra.

Ecco quindi che alcuni strumenti tecnologici si sono rivelati insostituibili compagni e hanno mostrato tutte le loro potenzialità. Non è un caso che tra tutti, proprio smartwatch e smartband siano stati i gadget che hanno registrato picchi di vendite. Sono dispositivi del genere, infatti, che permettono di monitorare le proprie performance e aiutano a mantenere l’impegno, con se stessi prima di tutto. Perché in un momento in cui ogni cosa si fa da casa è facile lasciarsi prendere dalla pigrizia, ma mantenere il ritmo e rimanere attivi sono due cose che vanno di pari passo – mente sana in corpo sano, no?

Per fare tutto ciò e molto di più ci si può affidare a smartwatch come Honor Watch GS Pro o Honor Watch ES, lanciati da poco sul mercato e dotati di funzioni e sensori per aiutarvi a raggiungere i vostri obiettivi di salute e fitness. Honor Watch GS Pro – qui potete leggere la nostra recensione – in particolare supporta più di 100 modalità di allenamento tra cui l’arrampicata in montagna, l’escursionismo, lo sci, la corsa indoor e outdoor e l’allenamento a corpo libero. Al di là dell’aspetto sofisticato questo orologio smart offre una batteria che può durare fino a 25 giorni ed è proposto con un cinturino in fluoro elastomero, confortevole come i tradizionali materiali siliconici, ma più resistente al calore, al sudore e meno incline a indurre reazioni allergiche.

Honor Watch ES invece, nei suoi soli 21 grammi, dispone di 12 corsi di allenamento animati, 44 movimenti di esercizio animati (per mostrare chiaramente le varie posture), 95 modalità di allenamento (tra cui anche yoga) e, per garantire la tracciabilità di tutte le attività, può rilevare automaticamente 6 modalità di allenamento. Se vi doveste sentire poco motivati, non preoccupatevi, lo smartwatch vi spronerà con premi e notifiche al raggiungimento di nuovi obiettivi.

Entrambi, pur non essendo dispositivi medici, sfoggiano una funzione piuttosto ricercata: il monitoraggio dei livelli di saturazione di ossigeno nel sangue (SpO2 Monitor), che può risultare utile tanto agli appassionati di fitness quanto a tutti gli altri utenti, in questo particolare momento storico.

A questa novità bisogna aggiungere le funzioni presenti in tutti gli smartwatch della gamma Honor: la rilevazione della frequenza cardiaca 24/7 (con avvisi in caso di frequenze insolite), la funzionalità “Sleep Monitor” (per rilevare tempo e qualità del sonno), e il tracciamento dello stress dell’utente (che fornisce informazioni per comprendere meglio le proprie condizioni fisiche e magari effettuare degli esercizi di respirazione per rilassarsi e riequilibrare i propri bioritmi durante il giorno). Infine, Watch ES implementa una funzione tutta al femminile: il monitoraggio del ciclo, che aiuta a prevedere le varie fasi con avvisi di notifica.

I due smartwatch, così come altri modelli meno recenti come Honor Magic Watch 2 (la nostra recensione), possono essere associati agli auricolari Honor Magic Earbuds, per poter ascoltare musica ed effettuare telefonate in qualsiasi momento e circostanza, o alla nuova bilancia tecnologica Honor Scale 3. Rispetto alle comuni pesapersone, infatti, questa può essere collegata sia allo smartphone che a uno smartwatch permettendo così di tenere traccia della propria salute, dall’esito dell’attività fisica all’alimentazione. Insomma un compendio tanto classico quanto utile per tutti (e spesso offerto in omaggio con l’acquisto di uno smartwatch sullo store ufficiale HiHonor).

Passando a ragionare su dispositivi più “tradizionali” per lo studio e il lavoro da casa Honor mette a disposizione la sua gamma di portatili MagicBook. A maggior ragione in vista della incerta stagione invernale, può essere sensato prendere in considerazione l’idea di aggiornare il proprio computer magari con un notebook che possa essere sfruttato anche lontano dalle pareti domestiche, a scuola o in ufficio. Insomma una scelta che rimanga valida anche nel prossimo futuro, quando torneremo a spostarci liberamente e probabilmente adotteremo dinamiche ibride, un po’ in presenza, un po’ da remoto.

In questo senso Honor MagicBook 14” e MagicBook 15” (disponibili sia nella nuova versione con processore Ryzen 3500 che con Ryzen 4500) possono rappresentare una valida scelta: offrono un design compatto, sottile e leggero e sono realizzati interamente in metallo – c’è solo qualche inserto in plastica – con attenzione per i dettagli, come il profilo zigrinato azzurro che riprende il colore del logo del brand sul retro.

I due portatili offrono un’autonomia fino a 10 ore con ricarica rapida a 65 W con caricatore USB-C e un display FullView (con rapporto schermo/corpo superiore all’84%!) che può inclinarsi fino a 180° – una particolarità che non tutti i laptop possono vantare – con un ottimo angolo di visione.

Entrambe le ultime versioni sono dotate di processore mobile AMD Ryzen 5 3500U con scheda grafica Radeon Vega 8, 8 GB di RAM DDR4 e unità di archiviazione SSD NVMe PCIe 3.0 (capace di prestazioni in lettura/scrittura da notebook di fascia alta). Da segnalare poi due piccole funzionalità interessanti: il lettore impronte digitali integrato nel pulsante di accensione (compatibile con Windows Hello) e la webcam pop-up (che spunta dalla tastiera all’evenienza premendo un apposito pulsante).

Al di là di tutti i dettagli e le specifiche tecniche si tratta di due modelli pensati per essere usati da studenti, lavoratori e anche casual gamer. Possono essere utilizzati per navigare, per riprodurre contenuti multimediali senza incertezze e in più, rispetto ad altri notebook concorrenti, anche per giocare a titoli superiori a quelli che potreste far girare con processori Intel di pari livello (come GTA V, Civilization VI, Fortnite o Overwatch).

Ci sono poi un paio di funzioni a livello software che risulteranno di sicuro interesse per diversi utenti. La prima è PC Manager, un programma tanto semplice quanto utile, visto che si occupa di analizzare il sistema per identificare eventuali problemi hardware e, soprattutto, di aggiornare i driver di tutti i componenti. In secondo luogo, chi possiede uno smartphone Honor o Huawei, attraverso Magic-Link 2.0 potrà connettere e sincronizzare il proprio dispositivo mobile con il computer.

Ci sono poi un paio di funzioni a livello software che risulteranno di sicuro interesse per diversi utenti. La prima è PC Manager, un programma tanto semplice quanto utile, visto che si occupa di analizzare il sistema per identificare eventuali problemi hardware e, soprattutto, di aggiornare i driver di tutti i componenti. In secondo luogo, chi possiede uno smartphone Honor o Huawei, attraverso Magic-Link 2.0 potrà connettere e sincronizzare il proprio dispositivo mobile con il computer.

A questo punto per completare il quadro perché non aggiornare anche la connettività di rete in casa? Magari con un modem Honor Router 3 che supporta lo standard Wi-Fi 6+ (una versione migliorata del protocollo Wi-Fi 6) e vanta delle linee decisamente moderne, una porta WAN e tre porte LAN gigabit. Nel caso abbiate una casa molto grande o distribuita su più piani, il dispositivo può essere collegato fino ad altri cinque Router 3 per creare una rete mesh casalinga e non lasciarvi mai senza campo.

Il router supporta il Target Wake Time (la possibilità di impostare l’attivazione della LAN ad orari prestabiliti), lo standard di sicurezza WPA3, il Dynamic Narrow Bandwidth (funzione che permette agli smartphone Honor di inviare segnali ancora più forti al router) e, tramite l’app AI Life App, la possibilità di controllare il dispositivo anche da remoto.

Maggiori informazioni sul sito Honor, mentre a questo link tutte le offerte per la Black Week Honor.

Honor MagicBook 14″ (Ryzen 4500)

Honor MagicBook 15″ (Ryzen 4500)