I dispositivi smart domestici venderanno sempre di più, ma non quanto vi potreste aspettare

Matteo Bottin

Nelle nostre case stanno entrando sempre di più dispositivi smart domotici, partendo dagli smart speaker e passando anche per dispositivi di sicurezza (come possono essere le telecamere). Secondo IDC questo sarà un mercato in crescita almeno fino al 2023, ma crescerà meno di quanto possiate pensare.

Nel Q1 2019 il settore è cresciuto di ben 168,6 milioni di unità, segnando un +37,3% rispetto all’anno precedente. Anche la sotto-categoria degli smart speaker è cresciuta bene, segnando 23,2 milioni (anche qui +37,3%, non sappiamo se sia un errore di IDC – ndr), con Amazon a comandare il mercato con 5,1 milioni e a seguire Google con 4,1 milioni.

Considerata questa tendenza, IDC stima delle spedizioni di 840,7 milioni di unità di dispositivi smart entro la fine del 2019. La crescita fino al 2023 sarà buona, ma non con l’andamento descritto da quest’anno: si raggiungeranno le 1,46 miliardi di unità spedite, con un CAGR del 14,9%.

La “forza” dietro queste spedizioni, secondo IDC, sono i servizi ad esso associati. Per questo le spedizioni più importanti nel 2023 riguarderanno le Smart TV e simili, dato che probabilmente andranno a sostituire tanti modelli che, ormai, potrebbero risultare obsoleti.

Gli smart speaker, infine, dovrebbero veder ridotto il loro market share: probabilmente in futuro molti dispositivi (quali smart TV, sistemi di sorveglianza, ecc) integreranno le funzioni che ad oggi sono peculiari degli smart speaker.

Categoria 2019 Spedizioni 2019 Market Share 2023 Spedizioni 2023 Market Share 2019–2023 CAGR
Intrattenimento video (come Smart TV) 346,5 41,20% 424,4 29,00% 5,20%
Sicurezza domestica 163,9 19,50% 349,3 23,90% 20,80%
Smart Speaker 138,5 16,50% 206,2 14,10% 10,50%
Altri 191,7 22,80% 483,7 33,00% 26,00%
TOTALE 840,7 100,00% 1.463,50 100,00% 14,90%
Fonte: IDC