Mavic 2 Pro e Zoom ufficiali: i droni più avanzati mai creati da DJI (foto e video)

Nicola Ligas -

DJI ha annunciato quest’oggi i nuovi modelli della serie Mavic 2, ovvero Mavic 2 Pro e Mavic 2 Zoom. Due droni simili nella sostanza, ma differenti in un elemento chiave: il comparto fotografico. Andiamo quindi a conoscerli meglio, in modo da poter compiere una scelta oculata tra i due.

DJI Mavic 2 Pro e Mavic 2 Zoom: Caratteristiche Tecniche

Mavic 2 Pro è il primo drone al mondo con fotocamera Hasselblad integrata, dotata di sensore CMOS da 20 megapixel da 1 pollice e profondità di colore di 10-bit. Ciò gli consente di acquisire una quantità di sfumature cromatiche per canale quadruplicata rispetto a Mavic Pro (HNCS è l’HDR di Hasselblad). Inoltre l’apertura variabile tra f/2.8 ed f/11 assicura un maggiore controllo su luminosità e definizione dello scatto.

Mavic 2 Zoom ha invece un sensore CMOS più piccolo, da 1/2,3” ed è il primo drone di fascia consumer di DJI dotato di zoom ottico 24-48 mm. È quindi possibile o scattare foto a 12 megapixel, oppure utilizzare la funzione di Super Risoluzione (nome non troppo ispirato), che utilizza lo zoom ottico per catturare ed unire 9 foto, creando un’unica immagine da 48 megapixel. Combinando lo zoom ottico a quello digitale, è possibile arrivare a 96 mm, con in pratica riprese lossless in full HD con uno zoom 4x.

In esclusiva per Mavic 2 Zoom c’è anche la nuova funzione Dolly Zoom: “mantenendo invariate le dimensioni di un soggetto e, nel contempo, rivelandone il paesaggio circostante, esso genera la distorsione surreale di un ingrandimento durante l’allontanamento”. Un’esempio dirà più di mille parole.

Il nuovo sistema omnidirezionale FlightAutonomy per il rilevamento degli ostacoli da tutti lati permette a Mavic 2 di aggirare gli ostacoli in “totale” sicurezza. ActiveTrack 2.0 promette inoltre di seguire un soggetto anche se questo dovesse momentaneamente scomparire dall’inquadratura, predicendone la traiettoria. Durante il tracciamento inoltre, Mavic 2 continua a riconoscere gli ostacoli e ad evitarli, seguendo il soggetto fino ad una velocità di 72 Km/h.

La nuova funzione Hyperlaps produce dei timelapse aerei, compatibili con le modalità Circle, Course Lock, Waypoint e Free; ed anche in questo caso, lasceremo che siano degli esempi a parlare per darvi un’idea più precisa.

Il nuovo sistema di trasmissione OcuSync 2.0 consente di avere un flusso video stabile in full HD fino a 8 Km di distanza, e consente di usare frequenze diverse per i dati in entrata ed in uscita. Potete inoltre modificare e caricare istantaneamente filmati in full HD direttamente dalla memoria cache dell’app DJI.

Per quanto riguarda l’autonomia, si parla di 31 minuti, ed anche nel suo caso, come su Mavic Air, c’è una memoria interna di 8 GB, ma è presente anche un slot microSD (fino a 128 GB). Infine, inutile dirlo, entrambi i droni sono dotati di un gimbal a 3 assi. Peccato che entrambi registrino al massimo in 4K@30fps; si vede che i 60fps ce li vogliono proprio far sudare! Per un confronto tecnico dettagliato tra i due droni, potete fare affidamento sul sito ufficiale.

Uscita e Prezzo

Il prezzo di DJI Mavic 2 Zoom è di 1.249€ mentre DJI Mavic 2 Pro sale a 1.449€. Entrambe le confezioni includono drone, batteria, radiocomando, caricabatterie e quattro paia di eliche. Il kit Fly More è in vendita separatamente (al momento non ci risultano combo col drone stesso) a 319€, ed include 2 batterie di riserva, una stazione di ricarica multipla, un caricabatterie per auto, un adattatore per power bank, due paia di eliche e una borsa da trasporto.

DJI presenta Mavic 2 Pro e Mavic 2 Zoom: la nuova era dei droni con fotocamera

Iconico design pieghevole, potente fotocamera con nuove funzioni intelligenti e sistema di sensori omnidirezionale, con Mavic 2 vivrete un’esperienza di volo sicura e coinvolgente

23 agosto 2018 – DJI, leader mondiale nel settore dei droni civili e della tecnologia dell’immagine aerea, apre oggi una nuova era per i droni con fotocamera, con due aggiunte alla celebre serie Mavic: Mavic 2 Pro e Mavic 2 Zoom. Mavic 2 è il più avanzato drone con fotocamera mai creato da DJI, progettato per i professionisti, gli esperti di fotografia aerea e i creatori di contenuti. Riprendendo l’iconico design pieghevole del popolare Mavic Pro, Mavic 2 è una potente piattaforma dotata di nuove fotocamere stabilizzate e funzioni intelligenti avanzate, come Hyperlapse e ActiveTrack, per una narrazione più facile e dinamica. Il nuovo sistema omnidirezionale per il rilevamento degli ostacoli permette a Mavic 2 di studiare l’ambiente circostante e aggirare gli ostacoli, lasciandovi liberi di concentrarvi sulla ricerca dello scatto perfetto.

“Quando fu lanciato sul mercato, due anni fa, Mavic Pro ridefinì il modo in cui la gente guardava ai droni, ed offrì nuove possibilità ai creatori di tutto il mondo”, ha affermato Roger Luo, presidente di DJI.  “Oggi entriamo in una nuova era della fotografia aerea, con l’introduzione del nuovo prodotto di punta di casa DJI, la serie Mavic 2. Mavic 2 Pro e Mavic 2 Zoom daranno la possibilità a fotografi e videografi di portare in volo la loro ispirazione e di elevare a nuovi livelli la loro creatività”.

Mavic 2 Pro: qualità superiore dell’immagine con Hasselblad

Progettato in collaborazione con Hasselblad, leader mondiale della fotografia medio formato, Mavic 2 Pro è il primo drone al mondo con fotocamera Hasselblad integrata, per una qualità dell’immagine eccezionale dalle prestazioni superiori di luminosità e colore. Alloggiando un sensore CMOS da 1 pollice con profondità di colore a 10 bit, la fotocamera acquisisce una quantità di sfumature cromatiche per canale quadruplicata rispetto a Mavic Pro, per offrire la massima flessibilità di modifica a foto e video. Mavic 2 Pro può scattare foto aeree da 20 megapixel con un’accurata riproduzione del colore grazie all’esclusiva tecnologia HNCS (Soluzione per colori naturali Hasselblad), mentre l’apertura regolabile f/2.8-f/11 garantisce maggiore controllo nelle condizioni di illuminazione più svariate.

Mavic 2 Zoom: zoom ottico e digitale per una prospettiva dinamica

Dotato di un sensore CMOS 1/2.3’’, Mavic 2 Zoom è il primo drone DJI di fascia consumer con lo zoom, la cui prospettiva dinamica inaugura una nuova era per la narrazione creativa. È ora possibile scattare fotografie vivide da 12 megapixel o usufruire della nuova funzione di Super Risoluzione, che utilizza lo zoom ottico per acquisire e assemblare nove foto nel creare un’unica immagine ultra-dettagliata da 48 megapixel, rendendola la scelta ideale per la fotografia panoramica. Con Mavic 2 Zoom, ci si potrà avvicinare al soggetto in un istante combinando lo zoom ottico 2x (24-48 mm) con il doppio zoom digitale, così da ottenere un teleobiettivo 96 mm in grado si effettuare riprese lossless in Full HD.

In esclusiva per Mavic 2 Zoom, la nuova funzione Dolly Zoom, in modalità QuickShot, apre a un nuovo linguaggio visivo per consentire un tipo di narrazione finora prerogativa dei cameraman professionisti: mantenendo invariate le dimensioni di un soggetto e, nel contempo, rivelandone il paesaggio circostante, esso genera la distorsione surreale di un ingrandimento durante l’allontanamento.

Mavic 2: il nuovo drone di punta DJI per la fascia consumer

Nuovi strumenti intelligenti per straordinari scatti cinematografici

Mavic 2 è lo strumento più all’avanguardia per le creazioni aeree, che con nuove modalità di volo intelligente permette di raggiungere risultati di qualità professionale con estrema facilità. La nuova funzione Hyperlapse[1] produce piani di ambientazione che mostrano lo scorrere del tempo. Per creare video in timelapse, sarà possibile scegliere tra le modalità Circle, Course Lock, Waypoint e Free con un semplice tocco sul display nell’app per smartphone DJI GO 4:

  • Free – vola in modalità manuale, effettuando riprese in Hyperlapse.
  • Circle – vola in modalità automatica, percorrendo una traiettoria circolare attorno al soggetto selezionato e registrando in timelapse seguendone il movimento.
  • Course Lock – vola in linea retta, mantenendo l’inquadratura sul soggetto, per creare una prospettiva unica.
  • Waypoint – pianifica un percorso di volo più complesso, basato su informazioni di quota e coordinate GPS, per scatti più elaborati.

Mantenere l’inquadratura su un soggetto in movimento ora è ancora più facile, con ActiveTrack 2.0. Questa funzione avanzata di tracciamento automatico garantisce una potente combinazione di tracciamento autonomo e funzionalità anti-collisione mai vista prima in un drone DJI. Mediante la fotocamera principale e i due sensori frontali, Mavic 2 elabora una mappa tridimensionale di ciò che ha di fronte e utilizza nuovi algoritmi di pianificazione della traiettoria per analizzare il movimento del soggetto e prevederne il percorso con 3 secondi di anticipo. Durante il tracciamento di un soggetto, Mavic 2 è in grado di riconoscere gli ostacoli ed evitarli, continuando a riprendere senza interruzione. Resterà sul soggetto anche qualora quest’ultimo dovesse venire temporaneamente oscurato da ostacoli, continuando a localizzarlo fino a una velocità di 72 km/h.[2]

Entrambe le fotocamere registrano filmati nitidi ultra-definiti in 4K, estremamente dettagliati, con un bitrate massimo di 100 Mbps e codec di compressione H.265 per una straordinaria latitudine di posa nei processi di post-produzione. Per i fotografi, la nuova funzionalità HDR migliorata unisce una sequenza di foto per ottenere una gamma dinamica più ampia e priva di effetti fantasma, conferendo un impressionante intervallo dinamico di 14 stop per Mavic 2 Pro e 13 stop per Mavic 2 Zoom.

Volo più sicuro, reattivo e stabile

Mavic 2 offre funzionalità di volo autonomo che consentono di scattare con sicurezza anche in ambienti complessi. Il sistema FlightAutonomy, completamente aggiornato, trasmette i dati a un microprocessore ancora più potente, per una percezione degli ostacoli più accurata e un volo più sicuro. Per la prima volta in assoluto in un drone DJI, Mavic 2 presenta sensori su tutti i lati del velivolo, per rilevare ostacoli sul percorso e prevenire collisioni, permettendovi di concentrarvi solo sul vostro scatto perfetto.[3]

L’avanzato sistema di pilotaggio assistito (APAS), ottimizzato, utilizza 8 sensori per permettere al velivolo di studiare l’ambiente circostante e aggirare gli ostacoli senza fermarsi. In aggiunta, una luce ausiliaria, posizionata nella parte inferiore del velivolo, si accenderà automaticamente per assicurare un atterraggio sicuro e preciso anche in situazioni di luminosità ridotta.

Il riprogettato sistema di trasmissione video OcuSync 2.0 assicura una connessione più stabile tra il drone e il radiocomando. Il sistema offre funzionalità di resistenza alle forti interferenze e di auto-switch tra 2.4 GHz e 5.8 GHz, con la possibilità di usare frequenze differenti per l’entrata e l’uscita del flusso dati. Con una raggio di trasmissione video 1080p fino a 8 km [4], è possibile modificare e caricare istantaneamente filmati Full HD direttamente dalla memoria cache dell’app DJI in un’ampia varietà di scenari. Le foto in risoluzione originale JPEG possono essere salvate direttamente sul dispositivo mobile, permettendovi di condividere le vostre creazioni all’istante, senza il bisogno di trasferire i file dalla Micro SD card del drone.

Design aerodinamico, più autonomia di volo, memoria più estesa

La scocca ridisegnata, ora più aerodinamica e dal body drag ridotto del 19% rispetto a Mavic Pro, permette a Mavic 2 di volare fino a una velocità di 72 km/h in modalità Sport. Forte di un sistema di propulsione più efficiente e discreto con eliche silenziose, Mavic 2 può raggiungere un’autonomia di volo di 31 minuti.

Per assicurare foto nitide e riprese fluide senza vibrazioni, Mavic 2 ospita una sospensione cardanica meccanica a 3 assi ultra-precisa che stabilizza la fotocamera anche durante azioni molto veloci. Le foto e i video possono essere salvati direttamente sul drone nella memoria di bordo di 8 GB, e fino a 128 GB extra su una Micro SD card estraibile. DJI si impegna a proteggere i dati dei suoi clienti, lasciando agli utenti il pieno controllo sulla memorizzazione e gestione dei propri dati durante l’utilizzo dei prodotti DJI.

Il radiocomando riprogettato è dotato di stick rimovibili per essere convenientemente riposto e trasportato. Mavic 2 è compatibile con i DJI Goggles, nella modalità Head Tracking, che con un intervallo di controllo della rotazione del drone (imbardata) da -75° a +75° offrono un’esperienza di volo FPV ancora più coinvolgente.[5]

Prezzo e disponibilità

Il prezzo di vendita negli Stati Uniti per Mavic 2 Pro, che include drone, batteria, radiocomando, caricabatterie e quattro paia di eliche è di 1449 EUR. Il prezzo di vendita di Mavic 2 Zoom, comprendente drone, batteria, caricabatterie, radiocomando e quattro paia di eliche è di 1249 EUR. Il kit Fly More, che include due batterie di riserva, una stazione di ricarica multipla, un caricabatterie per auto, un adattatore per power bank, due paia di eliche e una borsa da trasporto, è in vendita a 319 EUR.

A partire da oggi, Mavic 2 è disponibile per la vendita su store.dji.com, nei negozi DJI e presso i rivenditori autorizzati. Per ulteriori informazioni su tutte le nuove caratteristiche e funzionalità di Mavic 2, visitare il sito www.dji.com/mavic-air.

DJI Care Refresh

DJI Care Refresh è disponibile in alcuni paesi e garantisce la massima tranquillità ai proprietari di Mavic 2. DJI Care Refresh copre i danni accidentali a velivolo, sospensione cardanica o fotocamera durante il normale utilizzo fino a 12 mesi e, pagando un supplemento, offre fino a due sostituzioni complete con prodotti nuovi o equivalenti al nuovo. DJI Care Refresh è disponibile al prezzo di 129 EUR  ed è acquistabile prima dell’attivazione di un nuovo Mavic 2 o entro le prime 48 ore dall’attivazione. Per ulteriori informazioni o per conoscere la disponibilità dell’assistenza nel proprio Paese, visitare l’indirizzo https://www.dji.com/service/djicare-refresh.

[1] Sarà disponibile a breve la nuova funzione “Task Library”, che salverà il piano di volo ed eseguirà scatti ripetuti per immortalare scenari unici durante tutto l’arco della giornata.

[2] Quando il rilevamento ostacoli non è attivo.

[3] I sensori laterali sono attivi solo in modalità ActiveTrack e Treppiede.

[4] Senza ostacoli o interferenze, in conformità alle norme FCC.

[5] I DJI Goggles supportano la banda di frequenza a 2.4 GHz, mentre i DJI Goggles RE supportano frequenze 2.4/5.8 GHz e auto-switch in tempo reale per una prestazione ottimale.  La presenza di un osservatore è essenziale durante l’utilizzo di DJI Goggles o Goggles RE. Il velivolo non dovrebbe volare al di fuori del campo visivo dell’osservatore.