Il drone entry-level DJI Mini SE è ufficiale, ma per il momento non volerà in Italia (aggiornato)

Filippo Morgante -

DJI, uno tra i più grandi produttori di droni al mondo, offriva già una vasta gamma di droni per i diversi segmenti di clientela, ma ora ha deciso di espanderla ulteriormente. L’azienda cinese ha infatti annunciato ufficialmente l’arrivo del drone entry-level DJI Mini SE, che a quanto pare sarà disponibile in mercati selezionati, dai quali però resteranno esclusi gli Stati Uniti e l’Europa. Il mini drone è già apparso su alcuni siti web di DJI come DJI Brasile, mentre le vendite sono iniziate in Malesia.

LEGGI ANCHE: Nuova vulnerabilità scoperta in Windows, e non è ancora stata corretta

Il mese scorso Walmart aveva fatto trapelare delle info sul drone DJI Mini SE indicando un imminente rilascio negli Stati Uniti che però non avverrà. Gli utenti dei mercati statunitense ed europeo dovranno infatti accontentarsi del DJI Mavic Mini 2. Il DJI Mini SE è un drone consumer prodotto su misura per soddisfare le esigenze degli utenti entry-level nei mercati emergenti: il prezzo è popolare e include le principali funzionalità di base. Il DJI Mini SE sembra essere un elaborato DJI Mavic Mini di prima generazione, anche se si presenta con un prezzo ancora più economico.

Essenzialmente, il DJI Mini SE avrà le stesse caratteristiche del Mavic Mini, tra cui la capacità video 2.7K, 20 minuti di volo, portata wireless di circa 4 km, capacità fotografica di 12MP e una configurazione gimbal a 3 assi. Il drone utilizzerà i componenti interni del Mavic Mini e il guscio del Mini 2, generando così una maggiore resistenza al vento e contenendo il peso a circa 250g. Il prezzo del DJI Mini SE in Malesia è di RM 1,349 (circa 275 €), mentre la disponibilità dovrebbe essere ampliata, tra le altre, anche in Russia.

Aggiornamento24/07/2021

Il DJI Mini SE è stato lanciato da qualche giorno anche sul mercato cinese, ad un prezzo di 1.999 yuan (circa 262 €). Il prezzo si riferisce al modello base stand-alone. Il Mini SE non ha il supporto per Ocusync, ma si basa su una connessione Wi-Fi.

Via: Gizmochina