Parte il progetto EVA+: la rete di ricarica rapida per auto elettriche in Italia

Vezio Ceniccola

Il futuro delle automobili sembra destinato a diventare sempre più elettrico, e per questo sono già in corso tanti progetti innovativi per incentivare l’uso di mezzi senza motore a scoppio. Ultimo in ordine di tempo è il progetto EVA+ (Electric Vehicles Arteries), sviluppato da Enel ItaliaVerbund in collaborazione con Renault, Nissan, BMW e Volkswagen.

Ma cos’è Eva+? Si tratta della creazione di “corridoi elettrici” creati sulle principali autostrade italiane ed austriache, dove saranno presenti aree per ricaricare velocemente le macchine dotate di motori ad energia elettrica delle marche sopracitate. Questo progetto si va ad inserire nel più ampio programma TEN-T (Trans-European Transport Network), ovvero una rete di ricarica rapida per le auto elettriche diffusa in maniera capillare in tutti gli stati membri dell’Unione Europea.

LEGGI ANCHE: Una rete di rifornimento elettrico in Europa

Il progetto prevede la creazione di 200 stazioni multistandard per la ricarica, 180 delle quali sulle strade italiane e le restanti 20 in territorio autriaco. Da notare che le stazioni italiane saranno tutte del tipo Fast Recharge Plus. I tipi di ricarica supportati saranno solo tre: Zoe, sistema di ricarica in corrente alternata usato da Renault; DC Chademo, sviluppato da Nissan; e lo standard europeo del CCS Combo 2 adottato da BMW e VolksWagen.

Eva+ sarà co-finanziato fino al 50% dalla Commissione Europea e verrà lanciato ufficialmente a Bruxelles nelle prossime settimane. Il tempo stabilito per il termine dei lavori è tre anni, e speriamo che quest’iniziativa possa dare nuovo slancio al mercato delle auto elettriche e alle soluzioni più ecologiche.

Via: DDay